CHE CE FAMO CON L’ILVA? – LA DELICATA SITUAZIONE DI ACCIAIERIE D’ITALIA, LA SOCIETÀ DI TARANTO PARTECIPATA DALLO STATO INSIEME AD ARCELORMITTAL, STA PROVOCANDO UNO SCAZZO ALL’INTERNO DEL GOVERNO: ADOLFO URSO SPINGE PER LA “NAZIONALIZZAZIONE” DELL’EX ILVA, MA IL COLLEGA RAFFAELE FITTO, CHE HA IN MANO IL DOSSIER, È CONTRARIO – INTANTO BERNABÈ METTE SUL PIATTO LE DIMISSIONI, E I LAVORATORI METTONO NEL MIRINO L’AD, LUCIA MORSELLI…

-

Condividi questo articolo


franco bernabe foto di bacco franco bernabe foto di bacco

Estratto dell’articolo di Michelangelo Borrillo per il “Corriere della Sera”

 

Da una parte c'è Adolfo Urso, il ministro delle Imprese e del Made in Italy che continua a parlare di «nazionalizzazione» dell'ex Ilva: «È una possibilità che esiste nella legge».

 

Dall'altra c'è il collega di governo e di partito, il ministro per gli Affari europei Raffaele Fitto che, da sempre, si dichiara fortemente contrario allo Stato in maggioranza nell'ex Ilva.

 

adolfo urso foto di bacco (2) adolfo urso foto di bacco (2)

Quella di Urso sembra essere destinata a rimanere un'ipotesi su carta. Ne è consapevole lo stesso Urso che alla precisa domanda […] ha precisato: «Sul merito c'è una posizione coesa del governo che ha dato mandato al ministro Fitto di concordare un'intesa con ArcelorMittal per capire cosa fa il governo e cosa fa l'azionista di maggioranza».

 

Ecco, se decide Fitto, lo Stato non andrà in maggioranza: Invitalia, al contrario di quanto deciso in precedenti accordi, non aumenterà (dal 2024, ma si era pensato anche a un anticipo al 2023) la partecipazione in Acciaierie d'Italia dall' attuale 38 al 60%, con conseguente cambio di governance.

 

raffaele fitto foto di bacco (2) raffaele fitto foto di bacco (2)

 

 

 

Attualmente il ceo è espresso dai privati — Lucia Morselli — e il presidente — Franco Bernabè — dal pubblico. Entrambi sono finiti nel mirino dei sindacati.

 

Del presidente sono state chieste le dimissioni, tanto che Bernabè ha dato al governo la disponibilità a farsi da parte, non ancora formalizzata in lettera di dimissioni in attesa di risposte dagli azionisti sulla ricapitalizzazione; e la ceo è stata oggetto di una campagna dei sindacati portata avanti con manifesti 6x3 affissi a Taranto che la rappresentano con accanto una medaglia e la scritta «peggiore gestione di sempre».

 

lucia morselli 1 lucia morselli 1

Una fotografia che, ieri, la manager ha mostrato […] dinanzi a una platea di 300 clienti dell'acciaieria giunti a Taranto da tutto il mondo per lo Steel Commitment 2023, il roadshow commerciale dell'azienda.

 

All'interno i clienti e fuori dallo stabilimento il sit-in […] per lo sciopero di 24 ore dei dipendenti tarantini, con alcuni lavoratori che hanno bloccato per alcuni minuti l'accesso degli ospiti: per Fim, Fiom e Uilm, lo sciopero ha riscontrato «un'altissima partecipazione» mentre per l'azienda si è fermato a un'adesione tra il 10 e il 20%.

ilva ilva

 

La protesta si replicherà a Genova il 2 ottobre, «in attesa di risposte sul piano industriale». Quello ambientale, 2018-2023, per l'azienda può invece dirsi concluso: «Abbiamo investito negli ultimi anni circa 2 miliardi di euro», ha spiegato, nel corso dell'incontro con i clienti, Alessandro Labile, direttore Ambiente di Acciaierie d' Italia.

lucia morselli 2 lucia morselli 2 LUCIA MORSELLI LUCIA MORSELLI

RAFFAELE FITTO AL MEETING DI RIMINI RAFFAELE FITTO AL MEETING DI RIMINI incendio all'ilva di taranto 1 incendio all'ilva di taranto 1

lucia morselli lucia morselli

FRANCO BERNABE FRANCO BERNABE franco bernabe foto di bacco franco bernabe foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…