A CHE GIOCO STA GIOCANDO IL “SULTANO”? DOPO LA TIRATA DI ORECCHIE DI PUTIN, ERDOGAN RIENTRA NEI RANGHI DELLO ZAR E GELO LO SLANCIO DI FINLANDIA E SVEZIA PER ENTRARE NELLA NATO: “I PAESI SCANDINAVI SONO UNA SORTA DI GUEST HOUSE PER NUMEROSE ORGANIZZAZIONI TERRORISTICHE” – MA PER MOLTI IL PRESIDENTE TURCO SI STA MUOVENDO PER OTTENERE QUALCOSA IN CAMBIO, COME L'OPPORTUNITÀ DI ACQUISTARE DAGLI USA I CACCIA F35 E…

-

Condividi questo articolo


Monica Ricci Sargentini per il "Corriere della Sera"

 

ZELENSKY ERDOGAN PUTIN ZELENSKY ERDOGAN PUTIN

L'adesione della Svezia e della Finlandia alla Nato sembrava ormai una formalità ma ieri il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha gelato le aspettative dei due candidati: «I Paesi scandinavi sono una sorta di guest house per numerose organizzazioni terroristiche - ha detto -. Non vediamo con favore il loro ingresso nell'Alleanza». Il riferimento è ai militanti curdi del Pkk, in Turchia, e dell'Ypg, in Siria che, insieme ai seguaci di Fethullah Gulen, il predicatore accusato del fallito colpo di Stato del 2016, sono stati sempre ben accolti a Stoccolma e ad Helsinki.

 

putin erdogan gustano un bel gelato putin erdogan gustano un bel gelato

La posizione di Erdogan, però, suona più come un avvertimento che un fatto compiuto. Per ora il governo turco non ha preso una posizione formale sull'allargamento e tutto fa pensare che ci sia spazio per una mediazione di qui a quando Svezia e Finlandia presenteranno ufficialmente la loro domanda. Lo sa bene il ministro degli Esteri finlandese Pekka Olavi Haavisto che ieri invitava alla calma: «Facciamo un passo alla volta, dobbiamo avere pazienza».

 

putin erdogan gustano un cornetto putin erdogan gustano un cornetto

Un ottimismo che deriva anche dal cordiale incontro, avvenuto ad inizio aprile ad Ankara, tra il presidente Sauli Niinistö e il suo omologo Erdogan. Se ne discuterà sicuramente oggi alla riunione informale dei ministri degli Esteri della Nato che si terrà a Berlino. Ma già ieri il Dipartimento di Stato americano aveva fatto sapere di «star lavorando per chiarire la posizione turca». E il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, aveva chiamato la prima ministra svedese Magdalena Andersson e Niinistö esprimendogli tutto «il suo sostegno».

PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN

 

Da quando è entrata a far parte della Nato, 70 anni fa, Ankara ha sempre approvato ogni allargamento ma ora il presidente turco dice di essersi pentito di avere accettato l'ingresso della Grecia che, secondo lui, utilizza la sua posizione per ostacolare il suo Paese (per esempio sulla questione di Cipro): «Non vogliamo ripetere lo stesso errore» ha spiegato.

 

«Erdogan è un tattico intelligente e sa che questa è un'opportunità di avere qualcosa in cambio, come la possibilità di acquistare dagli Usa i caccia F35», è l'analisi di Elisabeth Braw, dell'American Enterprise Institute all'Afp .

PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN

Oppure, mettendo i bastoni tra le ruote all'allargamento, la Turchia spezza una lancia in favore della Russia che ha già minacciato di mettere in atto reazioni politiche e militari se Helsinki e Stoccolma dovessero veramente essere accolte nell'Alleanza. Reazioni che sono quasi una certezza e che non fanno certo dormire sonni tranquilli ai due Paesi scandinavi. Nel 1939 la Finlandia fu invasa dall'Urss, e solo una decisa resistenza riuscì a evitarle l'occupazione ma non l'amputazione del 10 per cento del territorio.

 

erdogan putin erdogan putin

Un primo segnale: oggi il fornitore Rao Nordic Oy, di proprietà della società russa InterRao, ha sospeso le consegne di elettricità ad Helsinki a causa di bollette non pagate. Una mancanza che sarà compensata con importazioni aggiuntive da Svezia e Norvegia. Nel conflitto in Ucraina la Turchia, pur condannando nettamente l'invasione russa e fornendo i droni all'esercito ucraino, non ha aderito alla sanzioni decise dall'Occidente e si è posta in un ruolo dialogante con Mosca, anche per difendere i suoi interessi economici. Ma il suo posto nella Nato non è in discussione. Lo ha ribadito ieri il portavoce del Pentagono John Kirby: «Non è cambiato nulla», ha assicurato. Lo sperano tutti.

vladimir putin vladimir putin PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN

 

Condividi questo articolo

politica

“LA RUSSIA NON SARA’ LA PRIMA A LANCIARE UN ATTACCO NUCLEARE, PUÒ LANCIARLO SOLO COME RAPPRESAGLIA” - IL VICE PRIMO MINISTRO RUSSO, YURY BORISOV, SI “ACCODA” ALLE DICHIARAZIONI PIU’ MITI DI PUTIN SULLO SCONTRO CON L’OCCIDENTE E RASSICURA SUL FATTO CHE MOSCA NON VUOLE SCATENARE UN CONFLITTO ATOMICO - MA SULLE ALTRE ARMI LA RUSSIA SI DA’ DA FARE: IL PORTAFOGLIO ORDINI DI ARMI DESTINATE ALL'EXPORT SI AVVICINA AI 50 MILIARDI DI DOLLARI - PRINCIPALI ACQUIRENTI? INDIA, CINA, EGITTO E ALGERIA…

DAGOREPORT! - A CHE PUTIN E’ LA NOTTE – INTANTO SI È APERTO IL DIALOGO TRA RUSSIA E STATI UNITI. SECONDO: PUTIN STA ABBASSANDO I TONI AD OGNI USCITA PUBBLICA. HA CAPITO CHE ANDANDO AVANTI RISCHIA DI PERDERE DAVVERO LA GUERRA. I SUOI SOLDATI NON HANNO VOGLIA DI PERDERE I PIACERI DELLA VITA. E GLI AMMUTINAMENTI SI MOLTIPLICANO. D’ALTRA PARTE PUTIN È CONSCIO ORMAI DALL’ARRETRATEZZA DEGLI EQUIPAGGIAMENTI E DEGLI ARMAMENTI. MA IL FATTORE CHE LO LASCIA PIÙ PERPLESSO E ABBATTUTO È LA CINA. XI JINPING NON GLI STA DANDO NESSUNA MANO: ANZITUTTO, NON GLI COMPRA IL PETROLIO. NON SOLO: PARECCHIE AZIENDE TECNOLOGICHE CINESI SE NE STANNO ANDANDO DA MOSCA...