CHE SCHIAFFO PER ERDOGAN! – ALLA ELEZIONI AMMINISTRATIVE TURCHE HA VINTO L’OPPOSIZIONE IN TUTTE LE GRANDI CITTÀ. A ANKARA A ISTANBUL, I CANDIDATI APPOGGIATI DAL PRESIDENTE SONO STATI BATTUTI – EKREM IMAMOGLU, IL SINDACO RIELETTO A ISTANBUL, ESPONENTE DI PUNTA DEL PARTITO KEMALISTA CHP, SPINA NEL FIANCO DELL’ AKP DI ERDOGAN: “AVETE APERTO LA PORTA PER IL FUTURO. HA VINTO LA DEMOCRAZIA. È UN MESSAGGIO PER IL PRESIDENTE” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Monica Ricci Sargentini per www.corriere.it

 

elezioni a instanbul elezioni a instanbul

«Abbiamo vinto». Lo ha affermato Ekrem Imamoglu, il sindaco di Istanbul che, con oltre l’85% delle schede scrutinate, ha ottenuto più del 50% dei consensi, venendo riconfermato come primo cittadino e battendo quindi Murat Kurum, il candidato sostenuto dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, fermo al 40%. Imamoglu arriva e la piazza esplode, lo acclama come il vincitore di una guerra lunghissima.

 

[…] La folla gli chiede di togliersi la giacca e la cravatta, un gesto che ormai fa in tutti i comizi. Si arrotola le maniche. Ora è uno del popolo. «Quello di oggi —ha detto— è un messaggio per il presidente Erdogan e per il governo. I soldi ora devono essere spesi per la gente, basta sprechi». […]

 

Ekrem Imamoglu Ekrem Imamoglu

«Il quadro mi sembra meraviglioso, siamo molto felici. Il 40% delle schede è stato scrutinato e siamo in testa». Con queste parole il sindaco uscente Ekrem Imamoglu, uno degli esponenti di punta del partito kemalista Chp, spina nel fianco del presidente Recep Tayyip Erdogan, si era rivolto ai giornalisti nel quartier generale del partito ad Istanbul alle 19,45 ora locale (le 18,45 in Italia). […]

 

In un post su X il sindaco uscente della capitale Mansur Yavas dichiarava già chiusa la partita visto il vantaggio di venti punti sul suo avversario Turgut Altinok. Nella capitale la gente è scesa in piazza al grido: «La Turchia è nata secolarista e tale rimarrà».

 

recep tayyip erdogan recep tayyip erdogan

Il Chp è in testa anche a Smirne, su tutta la costa dell’Egeo e del Mediterraneo, in tutto 35 città su 81, mentre il partito filocurdo domina nel sud est. L’Akp mantiene il controllo su gran parte dell’Anatolia centrale, come Konya, Kayseri, Erzurum, e nel Mar Nero, nelle città di Rize e Trebisonda.

 

L’atmosfera nella sede del partito della Giustizia e dello Sviluppo nella megalopoli è plumbea. Il presidente turco ha invitato, con un messaggio su X, la nazione a «proteggere le urne e i voti» ma per ora non ha commentato i risultati.

 

elezioni a instanbul 1 elezioni a instanbul 1

La riconquista della capitale economica del Paese, persa nel 2019 dopo quasi mezzo secolo di governo incontrastato, è stato il chiodo fisso del Sultano che in queste settimane di campagna elettorale ha mobilitato l’intero esecutivo a sostegno del candidato sindaco. Una circostanza che ieri Imamoglu ha sottolineato: «Il governo dovrebbe tornare ad Ankara a lavorare — ha gridato ieri tra gli applausi —, sono tre mesi che trascurano i loro compiti, non lasciategli depredare la città».

 

Il voto si tenuto in 81 comuni sparsi su tutto il territorio nazionale, con 61 milioni di aventi diritto al voto. Ma il budget della megalopoli, con 516 miliardi di lire turche (14,70 miliardi di euro), fa impallidire le altre città, compresa Ankara che ha a disposizione 92 miliardi di lire turche. […]

 

recep tayyip erdogan recep tayyip erdogan

A differenza di quanto è accaduto nelle presidenziali dello scorso anno l’opposizione non è riuscita a formare un’alleanza per contrastare la coalizione tra l’Akp e i nazionalisti di Devlet Bahceli. Così l’Iyi Parti di Meral Aksener che i filocurdi Dem hanno schierato i propri candidati che, secondo i sondaggi, non andranno oltre il 3% dei voti ad Ankara ed Istanbul.

EKREM IMAMOGLU EKREM IMAMOGLU

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)