CHI È AMIT FORLIT, L’ISRAELIANO CHE HA ASSOLDATO I DETECTIVE ITALIANI PER SORVEGLIARE CASA ABLYAZOV A CASAL PALOCCO

Di Amit Forlit si sa che anni fa fu coinvolto, come testimone, in uno scandalo in cui un’attrice mancata fu assoldata per sedurre un religioso per poi ricattarlo - La sua società ad aprile (un mese prima delle operazioni a Casal Palocco) ha avuto in prestito 50 mila € da una banca israeliana… - -

Condividi questo articolo

Davide Frattini per "Il Corriere della Sera"

ablyazovablyazov

Un'attrice mancata che ha bisogno di soldi, la lotta interna tra i capi religiosi di un'organizzazione benefica, le immagini estorte in una camera d'albergo, il ricatto. Quasi tre anni fa Amit Forlit è stato coinvolto come testimone in uno scandalo che i giudici del tribunale di Gerusalemme stanno ancora valutando.

Shalabayeva almaShalabayeva alma

Forlit è il titolare della Gadot Information Services, l'agenzia di investigazioni israeliana che ha assoldato i tre detective italiani trovati dalla Digos attorno all'abitazione di Mukhtar Ablyazov. Da lui - ricostruisce l'inchiesta amministrativa di Alessandro Pansa, il capo della polizia - hanno ricevuto «l'incarico di individuare nella zona di Casal Palocco la presenza del ricercato», il dissidente kazako.

MUKTHAR ABLYAZOV E LA FIGLIA ALUA E LA MOGLIE ALMA SHALABAYEVAMUKTHAR ABLYAZOV E LA FIGLIA ALUA E LA MOGLIE ALMA SHALABAYEVA

Il registro delle imprese segnala che alla fine di aprile - poche settimane prima dell'operazione Ablyazov - la società di Forlit ha ottenuto un prestito di 230 mila shekels (circa 50 mila euro) da una banca israeliana. In garanzia offre una Audi A6: il mutuo e il capitale sociale di 10 mila euro non sembrano raccontare un'agenzia particolarmente sviluppata. La sede è a Herzliya, sobborgo elegante a nord di Tel Aviv, al telefono l'investigatore israeliano conferma: «Ho assunto i tre italiani per seguire Ablyazov, non voglio dire altro».

dudi zilbershlagdudi zilbershlag

Nel gennaio del 2011 è stato fermato e interrogato dalla polizia locale, perché è stato lui a presentare e raccomandare l'attrice Tom Darom ai detective denunciati in un caso di minacce e pressioni illecite. Darom, allora venticinquenne, aveva lavorato in passato per Forlit: «Stavo scrivendo una sceneggiatura con protagonista un agente privato - ha testimoniato - così ho contattato Amit e mi ha proposto di partecipare a qualche sua operazione». L'attrice è stata usata per indagini sotto copertura dentro ai locali notturni di Tel Aviv: «Dovevo interpretare una ragazza che si vuol divertire e raccogliere informazioni su alcune persone a quelle feste».

TOMM DARONTOMM DARON

La nuova «interpretazione» - un intervento a cui Forlit non ha partecipato - prevedeva invece di presentarsi come una ricca benefattrice a Dudi Zilbershlag, molto noto nella comunità ultraortodossa di Gerusalemme e fondatore di Mifal Chaim-Meir Panim. Due altri leader dell'organizzazione che aiuta le famiglie povere tra gli haredim avrebbero cercato di ricattarlo: secondo l'accusa, volevano ottenere foto compromettenti per estrometterlo dal gruppo e perché erano convinti che intascasse parte delle donazioni.

Dopo una sere di incontri, Darom ha invitato il religioso nella sua stanza d'hotel a Tel Aviv e gli ha proposto di spogliarsi per potergli massaggiare la schiena. «Quando mi hanno reclutata per la missione, mi avevano convinto che fosse importante smascherare Zilbershlag: i detective hanno insinuato che fosse corrotto e che molestasse le donne. Non sapevo ci fossero le telecamere nascoste e che tutto venisse filmato».

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

“STRISCIA” TRASMETTE UN CLAMOROSO FUORIONDA DI MATTEO RENZI AL TG5 - MENTRE SI DIFENDE DALLE ACCUSE PIOVUTE PER L'INCHIESTA SULLA FONDAZIONE OPEN, MATTEUCCIO SI LANCIA: "SICCOME SONO UN CITTADINO CHE HA DECISO DI DENUNCIARE DELLE PERSONE, A COMINCIARE DA TRAVAGLIO DEL FATTO, MI SONO RIVOLTO PROPRIO A QUEI GIUDICI, AL DOTTOR CREAZZO, CHIEDENDO IN PRIMIS PERCHÉ NON MI STATE..." - POI SI FERMA: "STAVO PER DIRE LA VERITÀ, MA NON SI PUÒ DIRE" - VIDEO - LA BATTUTACCIA A BONAFEDE: “NON CAPISCE UN C…”