CIAK, “AZIONE”! L'ULTIMA RECITA DI CALENDA – DOPO IL FLOP ALLE EUROPEE, IL “WINSTON CHURCHILL DEI PARIOLI” SI PRESENTA ALLA DIREZIONE DI AZIONE E MINACCIA LE DIMISSIONI (PER FARSI DIRE DI RESTARE): “NON SONO IMPRESCINDIBILE, SONO A DISPOSIZIONE SE DOVESSE SERVIRE UN PASSO INDIETRO...” – POI SMENTISCE L'ADDIO, MA UN AUDIO LO INCHIODA – ORA CALENDA HA DUE STRADE: L'ACCORDO CON IL PD DELLA VITUPERATA SCHLEIN O L’ENNESIMA RIPROPOSIZIONE DEL TERZO POLO… – VIDEO

-

Condividi questo articolo


CARLO CALENDA IPOTIZZA LE DIMISSIONI DA AZIONE

 

 

Estratto dell’articolo di Marianna Rizzini per “Il Foglio”

 

CARLO CALENDA DOPO IL FLOP DI AZIONE ALLE ELEZIONI EUROPEE CARLO CALENDA DOPO IL FLOP DI AZIONE ALLE ELEZIONI EUROPEE

Presenza “non imprescindibile”, mandato “a disposizione”. E’ un’ipotesi (per assurdo?), ed è sera quando il fulmine, per le povere creature terzopoliste ammaccate dal voto, compare all’orizzonte della direzione di Azione: parla il leader Carlo Calenda (che poi preciserà: altro che dimissioni, rilancio del partito), e parla non solo di un congresso rifondativo a ottobre, aperto ad altre sigle e leader, ma anche di ricuciture non ricucibili.

 

[…] sono “a servizio di questo partito”, dice Calenda. Se dovesse servire al partito un passo indietro, dice il leader di Azione, non sarebbe un problema. Il segretario pensa che la vita “faccia grandi giri”: c’è il momento in cui uno può mettersi da parte e il momento in cui uno può tornare. Ma Azione viene prima, è il concetto. E se c’è stata una lesione di immagine del leader, dovuta alla rottura del Terzo Polo, si può ragionare.

 

matteo renzi - carlo calenda - meme by osho matteo renzi - carlo calenda - meme by osho

[…] Ci sono due linee davanti: l’accordo con il Pd di Elly Schlein o la riproposizione aggiornata del Terzo Polo. E ci sono esponenti di Azione che invitano alla coerenza (da soli tutta la vita), altri più aperturisti e altri che vorrebbero mettere in discussione l’operato del leader.

 

E insomma, hai voglia a citare Winston Churchill (“il successo non è definitivo, l’insuccesso non è fatale, quello che conta è il coraggio di andare avanti”) quando ti chiami Carlo Calenda e sei il leader di un partito che si è fermato sulla soglia del 4 per cento, al 3,35, perdendo l’aereo per Strasburgo esattamente come gli Stati Uniti d’Europa, la lista di scopo dell’ex alleato e leader di Iv Matteo Renzi e di Emma Bonino con Più Europa, bloccati ancora più su (3,76 per cento).

 

CARLO CALENDA VOTA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024 CARLO CALENDA VOTA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024

E anche se Calenda vuole ricominciare “da una grande costituente dell’area liberal-democratica”, ieri, ohimé, l’imputato principale della mancata conquista di 5,6 o 7 parlamentari, pronti a sedere con i macroniani in Renew Europe, era considerato proprio lui. Tanto più che al flop dell’ex Terzo Polo corrispondeva, nell’altro fronte, il successo dei centristi post-berlusconiani della destra: Forza Italia di Antonio Tajani, con i Noi Moderati di Maurizio Lupi, è volata al 9,6 per cento, superando la Lega.

 

[…] Ieri però Calenda pareva metterci il macigno sopra: “Renzi fa partiti per sfasciarli e Bonino fa partiti con nessuno”, e Renzi durante la notte aveva puntato il dito: “Pesa l’assurda rottura del Terzo Polo”. “Dobbiamo ripartire da lì”, dice Costa, “il nostro elettorato non vota a occhi chiusi”.

 

ELLY SCHLEIN E CARLO CALENDA - FIACCOLATA PER NAVALNY IN CAMPIDOGLIO ELLY SCHLEIN E CARLO CALENDA - FIACCOLATA PER NAVALNY IN CAMPIDOGLIO

Nostro elettorato, come fosse un unicum, e in effetti per molti aspetti lo è. Calenda intanto però ieri ricordava di aver avvertito Bonino: gli elettorati tuoi e di Renzi sono incompatibili. “Andiamo avanti”, diceva un altro deputato di Azione. Ma come?

 

Sul banco degli imputati è rimasto l’ultimo giapponese andato da solo, e sono dolori, al punto che dalla direzione di Azione non trapelava soltanto la notizia del suddetto congresso rifondativo aperto. C’è chi teme che si cominci a litigare: andiamo di qui, andiamo di là. Ma qualcuno potrebbe davvero essere tentato di andare di là? ci si domandava ieri tra i Palazzi.

 

CARLO CALENDA DOPO IL FLOP DI AZIONE ALLE ELEZIONI EUROPEE CARLO CALENDA DOPO IL FLOP DI AZIONE ALLE ELEZIONI EUROPEE

Dalle ex ministre azzurre e poi parlamentari di Azione Mara Carfagna e Mariastella Gelmini non giungeva alcun segnale in tal senso. Anzi. Carfagna, che di Azione è presidente, incolpava “la polarizzazione del voto tra destra e sinistra”: [...]

carlo calenda foto di bacco (1) carlo calenda foto di bacco (1) carlo calenda blablacarl carlo calenda blablacarl TEMPTATION ISLAND - MEME BY EMILIANO CARLI TEMPTATION ISLAND - MEME BY EMILIANO CARLI CARLO CALENDA E MATTEO RENZI CARLO CALENDA E MATTEO RENZI carlo calenda elly schlein assemblea nazionale di azione 5 carlo calenda elly schlein assemblea nazionale di azione 5 CARLO CALENDA DOPO IL FLOP DI AZIONE ALLE ELEZIONI EUROPEE CARLO CALENDA DOPO IL FLOP DI AZIONE ALLE ELEZIONI EUROPEE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA