CIG, MES, SURE: LA TRINITÀ DEGLI ACRONIMI CHE RIMBAMBISCE GLI ITALIANI – MASSIMILIANO LENZI: “UN LINGUAGGIO NUOVO, IN ATTESA CHE ARRIVINO I SOLDI VERI AGLI ITALIANI, ADATTO PURE A METTER SU UN GRAMELOT TEATRALE, SÌ INSOMMA, UN TESTO MACCHERONICO. CIG, CIG, CHE CRISI TRAGICA È QUESTA. NON SIAMO PIÙ SURE DI NULLA. UN ALTRO MES COSÌ E CI RITROVIAMO IN MEZZO AD UNA STRADA. INTANTO, DA BRUXELLES, CONTINUA A USCIRE FUMO…"

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Massimiliano Lenzi per “il Tempo”

 

 

GIUSEPPE CONTE URSULA VON DER LEYEN GIUSEPPE CONTE URSULA VON DER LEYEN

Fumo di Bruxelles. Mai nella storia era capitato che milioni di persone, uomini e donne, vedessero appesi i loro destini in tempi di crisi economica incalzante, a degli acronimi di parole, in inglese o in italiano.

 

In questa vecchia Europa, ai tempi del coronavirus, è capitato. E per capire come e se gli italiani verranno aiutati con dei soldi reali per sostenerli tocca munirsi, almeno per quelli che l’inglese non lo conoscono, di vocabolario adatto alle traduzioni.

disoccupazione coronavirus disoccupati disoccupazione coronavirus disoccupati

 

Si comincia con il SURE (dall'inglese Support to mitigate Unemployment Risks in an Emergency), uno strumento europeo contro la disoccupazione creato per combattere l'emergenza COVID-19, insomma la pandemia da coronavirus, nelle regioni più colpite. La sua funzione dovrebbe essere quella di venire destinato  al sostegno di altri strumenti come la cassa integrazione.

 

charles michel ursula von der leyen david sassoli christine lagarde come le ragazze di porta venezia charles michel ursula von der leyen david sassoli christine lagarde come le ragazze di porta venezia

E siccome la via degli acronimi, quando si tratta di soldi, di crisi e di Europa, è infinita ecco comparirne un altro, il MES, che tiene appeso da settimane il dibattito della politica italiana con una sola domanda: prenderlo o non prenderlo? Nell’attesa di capire dove (e come prenderlo), diamo una occhiata alle parole del MES, che non hanno bisogno di vocabolario anglofono.

 

Trattasi infatti, stando alle iniziali italiane, del meccanismo europeo di stabilità (MES), uno strumento che fa parte della strategia dell'UE (acronimo di Unione Europea) intesa a garantire la stabilità finanziaria nella zona euro e che dovrebbe fornire assistenza ai paesi della zona euro che si trovano di fronte (o rischiano di dover affrontare) serie difficoltà finanziarie.

meccanismo europeo di stabilita' meccanismo europeo di stabilita'

 

Chi vivrà vedrà ma visto che gli acronimi non finiscono mai eccone uno autarchico, nazionale, tricolore, patriota, a tutti gli effetti. La CIG,  che sta per cassa integrazione guadagni, un istituto previsto dalla legislazione italiana consistente in una prestazione economica, erogata dall'INPS o dall'INPGI, a favore dei lavoratori sospesi dall'obbligo di eseguire la prestazione lavorativa o che lavorino a orario ridotto.

 

klaus regling klaus regling

A questo punto la trinità degli acronimi è servita. SURE, MES, CIG. Un linguaggio nuovo, in attesa che arrivino i soldi veri agli italiani, adatto pure a metter su un gramelot teatrale, sì insomma, un testo maccheronico. CIG, CIG, che crisi tragica è questa. Non siamo più SURE di nulla. Un altro MES così e ci ritroviamo in mezzo ad una strada. Intanto, da Bruxelles, continua a uscire fumo. Già, il fumo. Come se non ci avessero rotto le scatole ormai da troppi anni con una unica certezza. Che il fumo fa male.

Conte Ursula Stati Generali Conte Ursula Stati Generali disoccupazione coronavirus disoccupati disoccupazione coronavirus disoccupati meccanismo europeo di stabilita' 3 meccanismo europeo di stabilita' 3 klaus regling klaus regling massimiliano lenzi in bianco e nero foto di bacco (2) massimiliano lenzi in bianco e nero foto di bacco (2)

 

Condividi questo articolo

politica

GARA DI RUTTE! – STATE A VEDERE: ALLA FINE CI TOCCHERÀ PRENDERE IL MES PERCHÉ IL RECOVERY FUND AVRÀ PIÙ CONDIZIONALITÀ – DALL’INCONTRO CON IL PREMIER OLANDESE CONTE NON HA CAVATO UN RAGNO DAL BUCO. I FRUGALI VOGLIONO DARCI SOLDI SOLO VERIFICANDO LO STATO DELLE RIFORME. E LA MERKEL SOSTANZIALMENTE È D’ACCORDO (INFATTI HA FATTO PASSARE LA GOVERNANCE DEL PIANO AL CONSIGLIO UE) – IL CARTELLO DI GEERT WILDERS, ALLEATO DI SALVINI IN EUROPA: “NON UN CENTESIMO ALL’ITALIA

LA VERA EMERGENZA È CONTE – IL VOLPINO DI PALAZZO CHIGI DOPO LE POLEMICHE COSTRETTO A PRECISARE: “LA PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA SARÀ UNA DECISIONE FATTA CON IL PARLAMENTO”. COME SE FOSSE UNA SUA ILLUMINATA CONCESSIONE! –  MATTIA FELTRI: “DUNQUE, DA QUI A FINE ANNO, CONTINUEREBBE A DECIDERE QUESTO E QUELLO PER COME GLI GIRA. ED È BUFFO PERCHÉ SIAMO (QUASI) TUTTI TORNATI AL LAVORO, VIAGGIAMO, ANDIAMO AL RISTORANTE. SOLTANTO IL GOVERNO SI SENTE DI RESTARE IN UN REGIME ECCEZIONALE E, A ESSERE MALIZIOSI, VIEN DA PENSARE CHE SIA…”