CINQUESTELLE E MOLTE STALLE - IL VINCOLO DEL DOPPIO MANDATO, LA CRISI DI CONSENSI E IL TAGLIO AL NUMERO DEI PARLAMENTARI CHIUDERANNO LA CARRIERA DI MOLTI GRILLINI - ANCHE PER QUESTO RESTANO VIVE LE VOCI CHE PARLANO DI SCISSIONI, DI USCITE INDIVIDUALI E DI CREAZIONE DI NUOVI GRUPPI DI “RESPONSABILI” CONTIANI - PER TENERE A FRENO L’ANSIA DELLA POLTRONA, DI MAIO PENSA A UN PIANO PER RICICLARE I PARLAMENTARI SILURATI NEGLI ENTI LOCALI…

-

Condividi questo articolo

Alessandro Trocino per il “Corriere della Sera”

 

gregorio de falco in senato per la votazione del dl sicurezza gregorio de falco in senato per la votazione del dl sicurezza

Gregorio De Falco, che è fuori dal Movimento da tempo, ricorda la vecchia canzone di Georges Brassens (tradotta da De Andrè), «Morire per delle idee»: «Ecco, loro le idee non le hanno, ma stanno morendo. Di morte lenta, lentissima. E il Paese è ostaggio di questa agonia». Si dirà che è il livore dell'ex, si dirà che la notizia della loro morte è prematura o «fortemente esagerata», ma è vero che il Movimento affronta in queste settimane uno dei passaggi più difficili. E lo fa con un calo nei sondaggi, con una prospettiva congressuale caotica e la consapevolezza dei 293 parlamentari che per molti di loro non ci sarà spazio nel nuovo Parlamento.

 

Il vincolo del doppio mandato porrà fine alla carriera di molti 5 Stelle. Anche per questo restano vive le voci che parlano di scissioni, di dipartite individuali e di creazione di nuovi gruppi di «responsabili» contiani. E per questo Luigi Di Maio sta pensando a un progetto per «non lasciare soli i parlamentari a fine mandato» e valorizzarli, giocandoli come candidati in Comuni e Regioni. I 5 Stelle hanno perso da inizio legislatura 40 parlamentari. Un'ottantina sono al secondo mandato.

 

luigi di maio vito crimi luigi di maio vito crimi

Più si avvicina il fine corsa, più si fanno inquieti. Iniziano a guardarsi intorno e cominciano a rappresentare un cruccio per la maggioranza, che si affida, soprattutto al Senato, a un margine ridotto. Per questo Luigi Di Maio pensa che sia il momento di cambiare rotta. Da giorni sta lavorando a un progetto che vuole condividere con gli altri big e che punta a valorizzare il know how di molti eletti: «Potrebbero mettere a disposizione le loro competenze come futuri sindaci o presidenti di Regione», spiega ai suoi, e il riferimento, «oltre che ai portavoce comunali o regionali, è anche agli eletti in Parlamento».

 

casaleggio di maio casaleggio di maio

Di Maio è stato il primo a parlare di un tavolo nazionale per le grandi città al voto nel 2021, dopo il disastro delle Regionali. È lui ora a spingere per le alleanze. Il suo progetto serve anche a tenere compatto il gruppo: «Con il taglio dei parlamentari - spiega - molti eletti che hanno maturato un background importante dovranno trovare spazio, perché possono dare tanto al Paese e possono diventare la base per costruire una classe dirigente sui territori». È un ragionamento che andrà fatto con i partner: «Ma molti nostri esponenti, al termine di questa legislatura potrebbero dare un contributo importante in un grande Comune o in una Regione. Chi non sarà rieletto, non può essere lasciato solo».

 

Fico Di Battista Di Maio Fico Di Battista Di Maio

I venti di scissione non si sono mai placati, anche se ora è il momento meno indicato, visto che si sta partendo con gli Stati Generali. Che ci sia preoccupazione lo si capisce anche dall'appello all'unità pubblicato dalla pagina Facebook del Movimento e rilanciato da molti big. Eppure la frammentazione è al massimo. Ci sono i 30 di Parole Guerriere che, ieri, con un video di Luigi Gallo hanno difeso Crimi, attaccando lo statuto «verticistico voluto da Casaleggio e Di Maio». Ci sono insofferenze personali, come quella di Dalida Nesci e quella di Barbara Lezzi, che si è autosospesa sulle chat. E ci sono i movimenti di truppa di chi pensa che potrebbe essere l'occasione giusta per creare un gruppo di «contiani», di governisti. Tra loro, si vocifera, c'è Riccardo Ricciardi. Ma intanto Crimi lavora per indicare la road map e frenare l'emorragia».

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

LA APPENDINO SI GARANTISCE LA BUONUSCITA - LA SINDACA NON SI RICANDIDA MA SI PIAZZA PER 5 ANNI AL VERTICE DEL COMITATO PER LE ATP FINALS, LA KERMESSE CHE RIUNISCE I MIGLIORI OTTO TENNISTI E TENNISTE DEL MONDO, IN PROGRAMMA DAL 2021 AL 2025 A TORINO - È PREVISTO CHE I COMPONENTI RESTINO IN CARICA PER TUTTA LA DURATA DEL COMITATO. FINO ALLA FINE DELL’EVENTO E PROBABILMENTE ANCHE OLTRE. BASTI PENSARE CHE L’AGENZIA TORINO 2006 È ANCORA VIVA, DI PROROGA IN PROROGA, A 14 ANNI DALLA FINE DELLE OLIMPIADI

C'È CHI SALE E CHI SCINDE - SI AVVICINA LA SCISSIONE DEGLI EUROPARLAMENTARI GRILLINI? BEGHIN: ''TUTTE SCUSE PER ACCENDERE UNA MICCIA A ROMA, NON A BRUXELLES. ARRIVANO GLI STATI GENERALI E C'È CHI CERCA VISIBILITÀ, MA SAREBBE LA SCONFITTA DI TUTTI. NON È POSSIBILE CHE UNA FORZA DI GOVERNO COME LA NOSTRA SIA NEL LIMBO DEI NON ISCRITTI. I VERDI? FANNO GLI INTERESSI DEL PARTITO TEDESCO''. E POI IL PIZZINO: ''SIAMO STATI DECISIVI PER VON DER LEYEN, SENZA DI NOI NON C'È MAGGIORANZA''

“CI HANNO IGNORATO PER MESI E ORA DICONO CHE SIAMO IMPREPARATI” - LO SFOGO DI ARRIGO GIANA, NUMERO UNO DI ATM, L’AZIENDA DEI TRASPORTI MILANESI: “ANDAVANO CAMBIATI GLI ORARI DI SCUOLE E UFFICI - DA APRILE HO SCRITTO A TUTTI PER CHIEDERE TAVOLI DI COORDINAMENTO - CI SI È RIEMPITI LA BOCCA CON GLI SCAGLIONAMENTI DEGLI ORARI SCOLASTICI. CHI LO HA FATTO? PENSATE CHE IL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE ABBIA MAI CHIESTO ALLE AGENZIE DI TRASPORTO COSA FOSSE NECESSARIO FARE? A UN CERTO PUNTO CI HANNO PERSINO DETTO CHE…”