COL GREGGIO ALLA GOLA – PUTIN SI VENDICA CON L’UE PER L’INTRODUZIONE DEL PRICE CAP: HA FIRMATO UN DECRETO, IN VIGORE DAL 1° FEBBRAIO, CHE VIETA LA FORNITURA DI PETROLIO A CHI INTRODUCE UN PREZZO MASSIMO NEI CONTRATTI – NEL FRATTEMPO PERÒ “MAD VLAD” TORNA A VENDERE GAS ALL’EUROPA PER RIMPINGUARE LE CASSE DELLO STATO MEZZE VUOTE E POTER FINANZIARE LA GUERRA…

-

Condividi questo articolo


Marta Serafini per il “Corriere della Sera”

 

Putin Lavrov Putin Lavrov

Gli ucraini devono accettare le proposte di Mosca. Ad affermarlo, ieri, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov che, in un’intervista alla Tass, ha ribadito: «Il nemico conosce bene le nostre proposte per la smilitarizzazione e la denazificazione dei territori controllati dal regime, l’eliminazione delle minacce alla sicurezza della Russia provenienti da lì, compresi i nuovi territori (le repubbliche di Donetsk e Lugansk e le regioni di Kherson e Zaporizhzhia). Altrimenti, la questione sarà decisa dall’esercito russo».

 

PUTIN PETROLIO PUTIN PETROLIO

Lavrov ha anche accusato gli Stati Uniti e l’Occidente di «prolungare il conflitto e di renderlo più violento» e il Pentagono di aver ordito un piano per uccidere il presidente russo Vladimir Putin. Parole che allontanano qualsiasi spiraglio di pace, sempre ammesso che ce ne sia mai stato uno, dopo che lunedì il ministero degli Esteri di Kiev Dmytro Kuleba aveva annunciato la richiesta di un vertice nella cornice delle Nazioni Unite, per la discussione di un piano che non prevede però la partecipazione di Mosca.

 

Aleksandr Lukashenko vladimir putin Aleksandr Lukashenko vladimir putin

La risposta alle minacce di Lavrov è arrivata dal consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Mikhailo Podolyak che, su Twitter, ha scritto: «Né la mobilitazione totale, né la ricerca spasmodica di munizioni, nemmeno i contratti segreti con l’Iran e neanche le minacce di Lavrov aiuteranno. La Russia deve affrontare la realtà. L’Ucraina smilitarizzerà la Federazione Russa, estromettendo gli invasori da tutti i territori occupati. Aspettate il finale in silenzio...».

 

Dal campo diplomatico a quello militare, dove ieri sono proseguiti i combattimenti nelle regioni di Donetsk e Lugansk, teatro nelle ultime settimane degli scontri più intensi. Il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Maliar ha affermato che le forze russe stanno cercando di accerchiare la città di Bakhmut nella regione di Donetsk, ma senza successo.

 

vladimir putin brinda con lo champagne e parla della guerra 1 vladimir putin brinda con lo champagne e parla della guerra 1

Pesanti battaglie sono in corso anche intorno alla città di Kreminna nella regione di Lugansk, secondo il governatore Serhiy Haidai. La città di Kherson solo ieri è stata presa di mira 11 volte. E, secondo il vice capo dell’ufficio presidenziale, Kyrylo Tymoshenko, sarebbe stato colpito anche un reparto maternità, senza che nessuno sia rimasto ferito.

 

Il presidente russo Vladimir Putin, dopo aver incontrato per la seconda volta in pochi giorni il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko, ha firmato un decreto in risposta all’introduzione da parte di alcuni Stati del price cap al greggio russo. Il provvedimento, in vigore dal 1° febbraio fino al 1° luglio 2023, vieta la fornitura di petrolio e prodotti petroliferi dalla Russia alle controparti che introducano un prezzo massimo nei contratti.

vladimir putin ha voglia di te vladimir putin ha voglia di te

 

E proibisce la fornitura di petrolio ad acquirenti stranieri, se il contratto prevede un meccanismo di price cap. Le consegne di petrolio e prodotti petroliferi russi a Paesi che hanno aderito al price cap saranno possibili solo per deroga del Cremlino.

vladimir putin vladimir putin vladimir putin visita un centro di addestramento vladimir putin visita un centro di addestramento vladimir putin visita un centro di addestramento vladimir putin visita un centro di addestramento vladimir putin visita un centro di addestramento vladimir putin visita un centro di addestramento

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…