IL COLMO PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER DEL PD: CANDIDARE UN CATTOLICO ANTI-ABORTISTA – IL NOME DI MARCO TARQUINIO CONTINUA A SPACCARE IL PARTITO DEMOCRATICO: LE POSIZIONI DELL’EX DIRETTORE DI “AVVENIRE” SUI DIRITTI E SUL CONFLITTO IN UCRAINA (DI ZELENSKY HA DETTO: “SE AVESSE FATTO LE VALIGIE, IL CONFLITTO SAREBBE FINITO”) SONO INDIGERIBILI PER L’ALA RIFORMISTA DEI DEM – PER COMPENSARE, SCHLEIN PENSA DI PIAZZARE IN LISTA ANCHE ALESSANDRO ZAN, IN QUOTA RAINBOW…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

ELLY SCHLEIN E ALESSANDRO ZAN ELLY SCHLEIN E ALESSANDRO ZAN

Candidare Alessandro Zan nel Nord Est, al terzo posto. Per bilanciare […] l’impatto di Marco Tarquinio, che sarebbe in corsa nella circoscrizione Centro, probabilmente in quarta posizione. La segretaria del Pd è chiamata a fare l’equilibrista. Le liste per le Europee sono un lavoraccio per tutti i leader, ma soprattutto se fai il capo del Pd.

 

[…] A Schlein il nome di Tarquinio, ex direttore di Avvenire, è stato proposto da Demos, il movimento di Paolo Ciani, vicino a Sant’Egidio. La leader [...] sembrava essersi convinta, tanto da formulare la proposta all’interessato. Metteva in conto le lamentele di un pezzo di partito, l’ala più atlantista, quella di Lorenzo Guerini, per le note posizioni anti-armi a Kiev del giornalista.

 

Sperava invece che non venissero troppo sottolineate le uscite di Tarquinio contro il ddl Zan, contro il matrimonio egualitario […], perfino contro le unioni civili di Cirinnà, che nemmeno Giorgia Meloni mette più in discussione. E anche le sortite sull’aborto — «una leggenda nera della morte come diritto», cit. sempre di Tarquinio — che inquietano una fetta del mondo femminista che Schlein tiene da sempre in considerazione.

 

Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi

Lui per ora replica sportivo: «[...] le polemiche sono fisiologiche. Certo mi aspetterei qualche giudizio meno precipitoso, meno superficiale », diceva l’altro ieri a Linea Notte, su Rai3. L’Ucraina? «Mi hanno accusato di essere complessista, ma se fosse tutto semplice, basterebbe dire: cessate il fuoco!». I diritti? «Ho sempre detto: prima viene la persona, poi ragioniamo sui modi, chiarendo che non ci sono mai diritti da accampare su altre persone».

 

Il punto è che Tarquinio [...] è persona senza dubbio rigorosa. Un intellettuale onesto, che sceglie una posizione e poi difficilmente la cambia. E questo rischia di creare due cortocircuiti, nel Pd: perché per il lato confessionale, resta un cattolico conservatore […]. Dal lato laico, ha posizioni molto-molto di sinistra sulla guerra [...[]. Posizioni che stonano con la linea del Pd, a sostegno di Kiev.

 

Certo il personaggio [...] è complesso, mica facile da riassumere in tre frasi. Classe ‘66 da Assisi, scout, una carriera quarantennale cominciata alla Voce, non quella di Montanelli ma il settimanale dei cattolici dell’Umbria, poi il Tempo, poi Avvenire, di cui diventa direttore nel 2009, quando subentra a Dino Boffo, silurato dal Giornale di Berlusconi. Però Tarquinio, va detto, ha saputo scostarsi dal “ruinismo” del predecessore. Boffo, ai tempi dei Dico di Rosy Bindi, titolava: «Non possumus », non possiamo, per citare Pio IX.

 

MARCO TARQUINIO MARCO TARQUINIO

E invece Tarquinio, per le unioni civili, virò sulla formula «Unicuique suum », a ciascuno il suo. E secondo il giornalista, non è questione di latinorum, ma di sostanza. Anche se poi il ddl Cirinnà lo criticò aspramente: «Un testo pieno di ambiguità e forzature», perché considerato (da lui) un irricevibile «simil matrimonio gay», che rincorreva «derive falsamente progressiste verso ingiustizie e disumanità».

 

Però Tarquinio ha criticato i raduni “per la famiglia” di Pillon e Salvini, che avrebbero prodotto «una polemica inutilità», così scriveva nel 2019. E di certo sta sul gozzo ai cattolici integralisti (che non gradiscono, eufemismo, il magistero di Francesco) col loro sito Nuova Bussola Quotidiana, che addirittura l’ha accusato, al contrario, di «omosessualismo ».

 

LA CORSA DI ELLY SCHLEIN - VIGNETTA DI CLAUDIO CADEI PER ITALIA OGGI LA CORSA DI ELLY SCHLEIN - VIGNETTA DI CLAUDIO CADEI PER ITALIA OGGI

Sulla guerra, o meglio sulle guerre, la sua posizione è quella del Papa, quindi quella dell’«abbaiare della Nato» alle porte di Mosca. Con un’aggiunta di sortite piuttosto ruvide su Zelensky: «Gli eroi sono altri, non ammazzano»; «Se avesse fatto le valigie, la guerra sarebbe finita» […]. Considerazioni su cui ragiona Schlein, che sulle armi ha tenuto la linea di Ue e Nato, e che è la leader più femminista e più vicina al mondo Lgbtq che il Pd abbia mai avuto. E forse proprio per questo è l’unica che potrebbe far digerire questa candidatura al suo partito. Magari rinunciando al posto di capolista per sé, pure nelle Isole.

Marco Tarquinio Marco Tarquinio SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI marco tarquinio foto di bacco marco tarquinio foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)