COME HANNO PRESO IN QATAR LE INTERCETTAZIONI DI PALAMARA SU RENZI INTERMEDIARIO PER FAR COMPRARE LA ROMA AGLI EMIRI? NON BENE (EUFEMISMO). IL GIOVANE EMIRO STA PROVANDO A RIPULIRE L'IMMAGINE DEL PICCOLO STATO DEL GOLFO, TRA TRASPARENZA FINANZIARIA E SCANDALI CALCISTICI - CONTATTI CON LA JUVE CI SONO STATI, MA GLI EMIRI VOGLIONO IL CONTROLLO, MENTRE AGLI AGNELLI SERVE SOLO QUALCUNO CHE INIETTI UN PO' DI LIQUIDITÀ

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

RENZI TAMIN AL THANI QATAR RENZI TAMIN AL THANI QATAR

Colpi di Qatar. L'ambasciatore in Italia ha mandato all'emiro un resoconto dettagliato di quanto emerso dalle intercettazioni di Palamara, che raccontava alla moglie di Renzi che a Doha faceva da intermediario per far comprare l'AS Roma (Lotti dixit - vedi questo articolo).

 

Tamim al Thani ha dato l'ordine ai suoi emissari di prendere le distanze da quello che è stato captato dal famigerato trojan, specificando che lui non riceve ex capi di governo e che non ricorda di aver visto Renzi fuori da occasioni ufficiali nelle sue vesti di premier.

 

ALFANO GENTILONI ALFANO GENTILONI

Di sicuro fu durante la cosiddetta blockade, l'embargo imposto da Arabia Saudita e Stati Uniti sul piccolo stato del Golfo, che dall'Italia si era ipotizzato l'ingresso degli emiri nella Roma e nella costruzione dello stadio. Se ne parlò durante una visita ufficiale di Alfano (allora ministro degli Esteri, con l'aiuto del suo fidato Andrea Gemma), in tempi di governo Gentiloni.

 

Oggi l'obiettivo del giovane emiro, salito sul trono in fretta e furia quando la comunità internazionale ha ''ostracizzato'' l'attivismo del padre nella regione (e fuori), è quello di riportare il Qatar nel salotto buono delle relazioni internazionali. È di poco tempo fa l'ingresso nella White List dell'Unione Europea, l'elenco che registra la trasparenza degli stati e delle loro istituzioni finanziarie.  

l tamim hamad thani CON SARKOZY l tamim hamad thani CON SARKOZY

 

Eredità della politica del padre e del vecchio primo ministro qatarino sono anche le inchieste che hanno portato al fermo di Michel Platini con l'accusa di corruzione per l'assegnazione dei Mondiali 2022. Anche se c'era Tamim a quel pranzo all'Eliseo con Sarkozy e l'ex juventino…

 

A proposito della squadra torinese, i contatti tra la Juve e il Qatar ci sono stati, in particolare con il ministro dello Sport Salah bin Ghanim Al Ali, ma si sono interrotti quando hanno capito che non avrebbero potuto prendere la maggioranza della squadra: gli Agnelli vogliono solo azionisti che caccino un po' di soldi per consolidare i bilanci squassati dalle ultime operazioni di mercato…

platini platini luca palamara 8 luca palamara 8 RENZI SALZANO PRIMO MINISTRO QATAR RENZI SALZANO PRIMO MINISTRO QATAR

 

Condividi questo articolo

politica

IN FONDO A DESTRA, C’È IL BUIO – DIETRO QUEL TEATRINO DI SALVINI, MELONI E TAJANI IN PIAZZA DEL POPOLO, C'E' LA LAPIDE DEL CENTRODESTRA: FORZA ITALIA DI FATTO HA MOLLATO L'ALLEANZA, A PRESTO SEGUIRA' FRATELLI D'ITALIA E IL TRUCE FINIRA' A FARE IL G.O. AL PAPEETE QUANDO ZAIA, SULL'ONDA DEL PLEBISCITO ALLE REGIONALI, CONQUISTERA' LA LEADERSHIP DELLA LEGA - SENZA IL BANANA IL VOTO SUL MES NON PASSA E SE POI CONTE ENTRASSE IN CRISI, BERLUSCONI POTREBBE CONCORDARE LA LEGGE ELETTORALE (PROPORZIONALE) E IL SOSTEGNO (PIÙ O MENO FORMALE) A UN NUOVO GOVERNO, AVENDO IN CAMBIO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SCELTA DEL PROSSIMO CAPO DELLO STATO (GIÀ OGGI RIVENDICA IL VERTICE DELL'AUTHORITY PER LE TELECOMUNICAZIONI)

FINCHÈ C’È VIRUS C’È SPERANZA – L’ISOLAMENTO FIDUCIARIO SI STA RIVELANDO UN FLOP E IL MINISTRO CORRE AI RIPARI IPOTIZZANDO UNA SERIE DI MISURE PER EVITARE CHE IL CONTAGIO DILAGHI: DAL RICOVERO OBBLIGATORIO PER CHI I SINTOMI DI COVID-19 AI CONTROLLI PER CHI ARRIVA IN ITALIA DA PAESI EXTRA UE, CON L'IPOTESI DI TAMPONI AI PASSEGGERI DOPO L'ATTERRAGGIO – I NUOVI FOCOLAI DIMOSTRANO CHE IL VIRUS LO STIAMO PORTANDO DALL’ESTERO E CRISANTI AVVERTE:  “QUI STANNO ENTRANDO PERSONE CON UNA CARICA VIRALE MOLTO ALTA…”

RICICCIA L'ETERNO LIBRO DEI SOGNI – DOPO ESSERE RIMASTI L’UNICO PAESE NELL'UE A NON AVER PRESENTATO UN PIANO DI RIFORME, CONTE PARTORISCE UNA BOZZA CHE DOMANI POTREBBE ARRIVARE AL CONSIGLIO DEI MINISTRI, CHE E' LA SOLITA SOLFA: ALLEGGERIMENTO DELLA PRESSIONE FISCALE E DELL’IVA, NIENTE CONDONO, CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE E RICICCIA IL SALARIO MINIMO – L'INUTILE GUALTIERI, INVECE DI DIRLO A SE STESSO, LO DICE AGLI ALTRI: “FARE PRESTO PER EVITARE LA DEPRESSIONE ECONOMICA…”

SETTEMBRE, ANDIAMO. E' TEMPO DI DESALVINIZZARE LA LEGA – GIORGETTI, L’EMINENZA GRIGIA DI ZAIA, SI È MESSO SULLA RIVA DEL FIUME AD ASPETTARE CHE IL CADAVERE DEL CAPITONE PASSI E PROSPETTA UN TRACOLLO SOCIALE: “L'AUTUNNO SARÀ DRAMMATICO. POTRÀ SALVARCI SOLO UNA SCELTA BIPARTISAN” –  POI TORNA A FAR FISCHIARE LE ORECCHIE A DRAGHI: “PENSO NON CI SIA ALTRA VIA PER EVITARE CHE SALTI TUTTO” (LO VEDETE L'EX PRESIDENTE DELLA BCE CHE SI METTE A DISCUTERE CON QUELLE NULLITA' DI ZINGA, DI MAIO E RENZI?) – A SALVINI CHE CHIEDE IN PIAZZA IL VOTO, GIORGETTI LO PERCULA: “VORRÒ VEDERE CHI NEI PROSSIMI ANNI AVRÀ VOGLIA DI GOVERNARE SULLE MACERIE…”