LA CONFERENZA STAMPA SENZA STAMPA: UNA PROVA DA OSCAR PER GIORGIA MELONI – A TUNISI, DOPO L'INCONTRO CON SAIED, LA DUCETTA HA REGISTRATO UN VIDEO CON UNA SCENOGRAFIA CHE RICHIAMA QUELLA DEGLI INCONTRI CON I GIORNALISTI A MARGINE DEI VERTICI INTERNAZIONALI, CON TANTO DI LEGGIO E MICROFONO. PICCOLO PARTICOLARE: I GIORNALISTI NON C'ERANO. E COSÌ LA MELONA HA EVITATO OGNI DOMANDA – LA STESSA SCENEGGIATA SI ERA VISTA NEL GIUGNO DELL'ANNO SCORSO SEMPRE A TUNISI – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Tommaso Ciriaco per www.repubblica.it

 

giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi

Ormai è un format: leggio, microfono, sguardo verso interlocutori della stampa immaginari, ‘’buonasera a tutti’’. Fiction, quella di Giorgia Meloni. Scenografia tunisina travestita da ‘dichiarazioni alla stampa della Presidente del Consiglio’’ da Tunisi, cosi si legge. È la quarta visita in pochi mesi nel Paese nordafricano.

 

[... ]Quando quella italiana volò in Tunisia direttamente da Roma, fu lasciata fuori dal palazzo presidenziale, per decisione del governo locale. Anche stavolta le dichiarazioni di Meloni seguono lo schema richiesto dagli uomini di Saied, poco incline alle abitudini delle democrazie occidentali: un intervento senza domande, in estrema sintesi.

giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi

 

E, soprattutto, senza giornalisti. Nessun cronista assiste all’evento. C’è appunto il podio, ma mancano anche i rappresentanti dei media vicini al regime (non è chiaro soltanto se sia presente un esponente dell’agenzia di stampa statale). Manca anche la tv tunisina, perché le immagini diffuse sono quelle prodotte direttamente Palazzo Chigi.

 

giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi

Come in passato, la premier parla da sola - così hanno chiesto i tunisini - inseguendo presumibilmente lo sguardo di qualcuno dei suoi collaboratori. C’è la postura della leader tipica di quando si dichiara alla stampa, quindi. Ci sono pure i fogli che servono a raccontare della visita a Tunisi. Meloni guarda a destra, poi a sinistra, racconta il senso dell’incontro. ‘’Sono molto contenta’’, ribadisce, sempre cercando ciò che non c’è: i giornalisti.

 

giorgia meloni a tunisi giorgia meloni a tunisi

Ci sono però due indizi che incrinano la scena messa in atto a favore di camera. Il primo: al termine del discorso, lungo poco più di cinque minuti, Meloni si rivolge alla sua destra cercando qualcuno con lo sguardo, facendo un segno di assenso e soddisfazione, come quando si conclude la registrazione di un intervento video, che termina proprio in quel momento. [...]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI