CONTE, IN AUTUNNO FACCIAMO I CONTI! – L’AVVOCATO TEMPOREGGIA, SOGNA IL QUIRINALE E LASCIA CHE SIANO GLI ALTRI AD AFFANNARSI DIETRO ALLE BEGHE POLITICHE, MA PER QUANTO PUÒ FUNZIONARE QUESTA STRATEGIA? SE ALLE REGIONALI C’È UN CONTEMPORANEO TONFO DEL PD E DELLA LEGA, CON IL CARROCCIO CONSEGNATO IN MANO AL MODERATO ZAIA, CAMBIEREBBE TUTTO. E “GIUSEPPI” INVECE VORREBBE CHE NIENTE CAMBI…

-

Condividi questo articolo

Francesco Verderami per il “Corriere della Sera”

 

conte meme conte meme

Il «fuso orario di Palazzo Chigi» differisce di sessanta minuti rispetto a quello che vige sul resto del territorio nazionale: chi lo conosce sa che l' appuntamento con Conte va spostato in avanti di un' ora, che è la media del ritardo con cui il premier si presenta.

Ministri e leader sindacali si sono ormai abituati al «fuso orario». Il governatore Bonaccini invece, che non aveva sincronizzato l' orologio, giorni fa ha atteso per quarantacinque minuti in conference-call prima di sbroccare.

conte casalino conte casalino

 

«Frattanto» è l' avverbio che Conte usa nei colloqui come intercalare, e che mette in risalto la sua indole e il suo motto politico: temporeggiare. Abitudinario per natura, ha adottato il mattinale dei Servizi come un breviario spirituale: quella lettura lo appassiona, e ci tiene alla delega che ha gelosamente custodito da un governo all' altro, dopo aver cambiato gli ufficiali di collegamento tra Palazzo Chigi e la struttura. Prudente e insieme diffidente, ha il suo giro ristretto.

 

conte meme conte meme

E se gli suggeriscono di allargarlo, evita di farlo. Ma quando percepisce che il travaglio si trasforma in fede, sa essere solidamente generoso con il nuovo interlocutore. Nel Pd lo accusano di «tardo andreottismo», senza l' allure del «divo Giulio», senza le sue sottigliezze, senza quel gusto particolare del potere. Che il premier a suo modo però coltiva nelle aziende partecipate, nelle authority e anche in Rai, dove il più importante tg - una volta definito «Giggiuno» - è stato ribattezzato nel governo «Tiggiuseppi». È il segno dei tempi.

 

conte salvini conte salvini

Secondo il rappresentante della segreteria dem, Miceli, «Conte ha la gobba», è cioè fortunato perché si è trovato a riempire il vuoto provocato dalla crisi dei partiti di maggioranza e opposizione: avversari che «frattanto» si sono trasformati in alleati e viceversa. Solo per lui in due anni non è cambiato nulla. Perciò l' altra sera ha vissuto in silenzioso compiacimento l' esito del voto al Senato sull' autorizzazione al processo di Salvini.

 

giuseppe conte luigi di maio giuseppe conte luigi di maio

La rivalsa è rimasta contenuta in un sospiro, in ricordo della crisi di governo di un anno fa: «Ho provato a dissuaderlo ma aveva perso la testa». Alla lunga, non è detto però che l' affanno altrui gli giovi. Almeno così la pensano i suoi avversari e soprattutto i suoi alleati. Perché alle Regionali un contemporaneo tonfo dei leader del Pd e della Lega potrebbe minacciare gli equilibri su cui poggia la sua reggenza.

 

E se Zingaretti non riuscisse a limitare i danni, Salvini non solo potrebbe assistere al successo della Meloni ma potrebbe anche subire un rovescio nel suo stesso partito: in Veneto la Lista Zaia viene accreditata nei sondaggi del 40%, con il Carroccio al 15%.

GIUSSEPPE CONTE COME ANDREOTTI BY EDOARDO BARALDI GIUSSEPPE CONTE COME ANDREOTTI BY EDOARDO BARALDI

 

Muterebbe tutto e Conte vorrebbe invece che non mutasse niente. «La pandemia - racconta infatti un autorevole ministro - lo ha trasformato in un attore politico e gli ha consentito di fare molte parti in commedia: prima si è mosso come punto di riferimento dei partiti di maggioranza, poi ha giocato in proprio attirando a sé un pezzo del Movimento, immaginando di contare sull' addomesticamento del Pd che gli garantisce radicamento sociale e classe dirigente».

 

Al dunque dovrà decidere. Ai centristi che sono andati a trovarlo ha detto «organizzatevi: se siete a disagio con Salvini, venite con noi». Sì, ma per fare cosa?

 

giuseppe conte dario franceschini giuseppe conte dario franceschini

Il premier temporeggia perché sogna l' ascesa al Quirinale e l' idea di una «lista Conte» è oggi solo un deterrente da usare contro gli alleati per non essere disarcionato. Ma non fa effetto: «Se solo esce da Palazzo Chigi diventa come una lumaca senza guscio che attraversa l' autostrada», avvisano nel Pd. Giusto per capire quali sentimenti covano nelle stive della maggioranza, dove fremono siccome le scadenze si avvicinano. E più della decisione sul Mes è la presentazione in Europa del Piano per le riforme a far perdere il sonno nel governo.

GIUSEPPE CONTE MEME GIUSEPPE CONTE MEME

 

A Bruxelles vige un altro «fuso orario», e la scrittura del progetto è assai complessa: per il 15 ottobre bisognerà aver dettagliato il crono-programma, specificato i costi e gli stati di avanzamento. Mica la passerella degli Stati generali.

 

«Frattanto» si avvicina il compleanno di Conte,l' otto agosto, e c' è la corsa ad accaparrarsi un invito: segno di un primato riconosciuto e per ora non intaccato. Il premier spera di passare indenne l' autunno. Come dice Franceschini «vedremo in autunno».

 

Condividi questo articolo

politica