CONTE, GUARDATI LE SPALLE - INCONTRO A TORINO TRA CHIARA APPENDINO E VIRGINIA RAGGI: "UN'OCCASIONE PER CONFRONTARCI E PARLARE ANCHE DI TANTI PROGETTI DA REALIZZARE PER IL NOSTRO FUTURO" - LE DUE EX SINDACHE AVRANNO DISCUSSO DI COME TORNARE IN PISTA E SFILARE IL MOVIMENTO DAL CIUFFO TINTO DI PEPPINIELLO APPULO?

-

Condividi questo articolo


Da "la Stampa"

 

CHIARA APPENDINO E VIRGINIA RAGGI CHIARA APPENDINO E VIRGINIA RAGGI

Incontro a pranzo ieri a Torino tra le ex sindache M5S Virginia Raggi (Roma) e Chiara Appendino (Torino). «Sono venuta a trovare Chiara Appendino, che tra pochi giorni diventerà mamma per la seconda volta. Un'occasione per confrontarci e parlare anche di tanti progetti da realizzare per il nostro futuro», twitta la Raggi postando la foto dell'incontro.

 

«Oggi una piacevolissima visita a Torino» ha aggiunto Appendino che ha condiviso lo stesso scatto. «Credo - osserva l'ex sindaca di Torino che negli ultimi giorni si è sfilata da un ruolo di vertice nel M5S - che con Virginia Raggi sia stato il primo pranzo senza guardare l'orologio. Abbiamo parlato a lungo delle nostre esperienze e di quanto amministrare una città sia, in ogni caso, tra i più grandi onori che si possano vivere».  

giuseppe conte giuseppe conte

 

Condividi questo articolo

politica

GIALLO QUIRINALE - QUALE RUOLO STA SVOLGENDO NELL’OMBRA MATTARELLA MENTRE REGNA IL CAOS TRA LE FORZE POLITICHE OSTAGGIO DEI VETI INCROCIATI E DEI GRANDI ELETTORI LEGATI ALLO SCRANNO (E ALLA PENSIONE)? – DA OLTRE UN ANNO NELL’AGENDA ISTITUZIONALE DEL CAPO DELLO STATO USCENTE FIGURANO I NOMI DI DRAGHI, AMATO, CASSESE E CARTABIA. ANCHE SE PERDE QUOTA L’AUTOCANDIDATURA DI SUPERMARIO, CHE HA LEGATO LA SUA PERMANENZA A PALAZZO CHIGI (RIBADITA A MATTARELLA) SOLO SE GARANTITO DA UNO DEI PAPABILI EVOCATI (E SUSSURRATI) DALLA MUMMIA SICILIANA

DRAGHI CHI? - OSANNATO PER MESI COME IL SALVATORE DELLA PATRIA, SI È GONFIATO DI EGOLATRIA COME UNA MONGOLFIERA. QUANDO HA AVUTO IL BISOGNO DEL CONSENSO DEI PARTITI PER SALIRE AL COLLE, HA PAGATO LA SUA ARROGANZA CON IL VAFFA CORALE DI SALVINI, BERLUSCONI, CONTE, FRANCESCHINI. OGGI L’EX UOMO DELLA PROVVIDENZA PIGOLA: CHIUNQUE VERRÀ ELETTO AL QUIRINALE, NON DARÒ LE DIMISSIONI – “PUÒ ANCHE DARSI CHE DRAGHI RESTI PER QUALCHE SETTIMANA MA AL PRIMO INCIDENTE, ALLA PRIMA RISSA NELLA MAGGIORANZA, È CHIARO CHE DRAGHI SE NE ANDRÀ”

“SALVINI ERA CONTRO I REATI DI OPINIONE AI TEMPI DELLA LEGGE ZAN, ALLORA PERCHÉ MI QUERELA?” - SELVAGGIA LUCARELLI: “IL POLITICO CHE CI HA MOLESTATI PER MESI CON LO SLOGAN ‘LE IDEE NON SI PROCESSANO' PER PERMETTERE A CHIUNQUE DI PICCHIARE UN OMOSESSUALE SENZA L’AGGRAVANTE DELL’OMOFOBIA, VUOLE IL CARCERE PER CHI PENSA CHE LUI SIA UN CINICO CALCOLATORE, CON L’AGGRAVANTE DELLA CARTOLINA DA BOOMER SUI SOCIAL” - MI HA DENUNCIATO PER UN POST SU DI LUI, IN CUI C'ERA…”