LA CORSA A TRE PER LA PROCURA DI ROMA - PER IL POSTO DI PIGNATONE PASSA IN TESTA GIUSEPPE CREAZZO, PROCURATORE DI FIRENZE, CHE AVREBBE SORPRASSATO LO VOI (PALERMO) NEL BORSINO DEL CSM. MA PER LA DECISIONE POTREBBERO PASSARE MESI, NON SARÀ FACILE TROVARE L'ACCORDO TRA I MEMBRI DELLA COMMISSIONE INCARICHI DIRETTIVI - C'È ANCHE IL PROCURATORE GENERALE DI FIRENZE (CORTE D'APPELLO) MARCELLO VIOLA

-

Condividi questo articolo

 

Valentina Errante per ''Il Messaggero''

 

giuseppe pignatone giuseppe pignatone

Il primo voto della Commissione incarichi direttivi, la quinta, è previsto per la fine della prossima settimana, ma la partita più importante per il Csm, la nomina del procuratore di Roma, potrebbe rimanere aperta per mesi, prima di arrivare al plenum. E anche lì potrebbero esserci sorprese. I lavori sono cominciati ieri, ma la scelta per la successione alla poltrona, lasciata vacante lo scorso 9 maggio da Giuseppe Pignatone, dopo sette anni, è tutt' altro che fatta.

 

Nonostante le candidature siano in tutto tredici, la rosa, sin dal primo momento, è costituita da tre nomi: il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, quello di Firenze, Giuseppe Creazzo, e il pg di Firenze, Marcello Viola. Il testa a testa dovrebbe essere tra Lo Voi e Viola, entrambi esponenti di Magistratura indipendente. E il nodo sembra essere proprio questo: uno dei due sarà di certo votato dalle altre correnti, mentre quella di appartenenza potrebbe spaccarsi.

 

LA COMMISSIONE

francesco lo voi 1 francesco lo voi 1

Presieduta dal togato di Unicost Gianluigi Morlini, la Commissione direttivi ha sinora licenziato 55 nomine. Ma è la prima volta che deve affrontare scelte così importanti. E certo non sarà facile trovare l' accordo tra i quattro togati che la compongono, rappresentativi di tutte le correnti della magistratura (tra loro c' è anche Piercamillo Davigo, che da presidente dell' Anm ha denunciato le logiche spartitorie del Csm), e i laici dell' area di governo, Emanuele Basile (Lega) e Fulvio Gigliotti (M5S).

 

Anche perché si tratta di partite che si incrociano, considerato che candidati concorrono per diversi uffici direttivi e che a Roma ci sono da assegnare anche due posti da procuratore aggiunto ai quali aspirano anche due ex consiglieri di Palazzo dei Marescialli: Luca Palamara e Antonello Ardituro. I tempi dipenderanno dal numero di proposte votate dalla commissione, poi i profili dei candidati verranno comparati e sulle proposte sarà chiesto il concerto al ministro della Giustizia. Quindi si andrà al plenum per il voto.

marcello viola procuratore generale firenze 2 marcello viola procuratore generale firenze 2

 

LA PARTITA

La partita, salvo sorprese, è a tre, con l' inconsueta candidatura di Viola da parte di Mi, come sfidante di Lo Voi che sembrava essere il successore naturale di Pignatone.

 

Gli altri undici sono Creazzo - di Unicost -, il pg di Salerno Leonida Primicerio, che concorre anche per la procura ordinaria della sua città, l' attuale numero uno dei pm di Frosinone, Giuseppe De Falco, e quello di Velletri, Francesco Prete.

 

Tra le domande arrivate a palazzo dei Marescialli anche quelle dell' attuale procuratore di Ravenna, Alessandro Mancini, di quello di Siena, Salvatore Vitello, e di quello dei minori di Campobasso, Claudio Di Ruzza. Candidatura anche dal pg di Lecce Antonio Maruccia, dal vicepresidente della Corte penale internazionale, Cuno Tarfusser, e dall' attuale capo dipartimento Affari di Giustizia, Giuseppe Corasaniti. In corsa, un solo procuratore aggiunto: Michele Prestipino, braccio destro di Pignatone a Palermo e Reggio Calabria, prima che a Roma, attuale reggente della procura della Capitale e già responsabile della Dda.

giuseppe creazzo giuseppe creazzo

 

GLI AGGIUNTI

Ventitré le domande per le due poltrone di aggiunto, che però la commissione valuterà successivamente. Quattordici sono già sostituti: Erminio Amelio, Maurizio Arcuri, Ilaria Calò, Giancarlo Cirielli, Antonio Clemente, Sergio Colaiocco, Gianfederica Dito, Nicola Maiorano, Antonella Nespola, Luca Palamara, Stefano Pesci, Vittorio Pilla, Alberto Pioletti, Pietro Pollidori.

michele prestipino e giuseppe pignatone (1) michele prestipino e giuseppe pignatone (1)

 

Condividi questo articolo

politica

QUANTO DURA IL CONTE ZELIG A PALAZZO CHIGI? E’ ORMAI FUORI DAL BALCONE - IL SUPPLI' CON LE UNGHIE HA DIMENTICATO DI ESSERE UN BURATTINO CON LA POCHETTE MESSO A PALAZZO CHIGI DALL'INCAUTO DI MAIO E SI E’ MESSO IN TESTA DI ESSERE UN LEADER - UN SONORO VAFFANCULO ALL’EX BIBITARO: “IL PIANO ANTI-EVASIONE NON PUÒ ESSERE NÉ SMANTELLATO NÉ TOCCATO. IO HO INIZIATO CON IL M5S CHE GRIDAVA "ONESTÀ ONESTÀ" - VAFFA A RENZI: “BISOGNA FARE SQUADRA, CHI NON LA PENSA COSÌ È FUORI DAL GOVERNO"

SALVINI PROVA A DARE UNA SPALLATINA AL GOVERNO CON 200 MILA PERSONE ALLA MANIFESTAZIONE DEL CENTRODESTRA A PIAZZA SAN GIOVANNI - IL LEGHISTA NE HA PER TUTTI: RANDELLATE A CONTE, DI MAIO, PD, RENZI, VIRGINIA RAGGI, L’EUROPA - E’ IL RITORNO DEL “CAPITONE” DI PIAZZA: DIO, PATRIA E FAMIGLIA, CON TIRATE SULLA SICUREZZA E CONTRO GLI SBARCHI - LA PIAZZA CHIEDE ELEZIONI E MANDA UN “VAFFA” A BEPPE GRILLO - MELONI VERSIONE TRUMP: “SE SERVONO I MURI SI COSTRUISCONO” - BERLUSCONI RIESUMA I “COMUNISTI”