1. CRONACHE DI UNA STANCA NON SFIDUCIA DI MEZZA ESTATE CON TEMPORALE, IN SENATO 2. ALFANO: PRIMA LASCIA IL MINISTERO, MEGLIO È PER LA SUA CARRIERA POLITICA, PIÙ DURA PIÙ È A RISCHIO. TRADITO IL “SISTEMA”, I COSIDDETTI "APPARATI" CON LUI HANNO CHIUSO. IL KAZAKO DIFFICILMENTE POTRÀ SCROLLARSI DI DOSSO IL MARCHIO DI INAFFIDABILITÀ ISTITUZIONALE RISPETTO ALLA CATENA DI COMANDO DEL MINISTERO PIÙ DELICATO 3. BERLUSCONI SI E' RIVISTO IN SENATO IL CAVALIERE, PREOCCUPATISSIMO PER LA CRISI ECONOMICA: L'ITALIA, HA PRECISATO, REALISTICAMENTE NON E' IN GRADO DI USCIRE DALL’EURO 4. MENTRE IL NANO DI ARCORE PIAGNUCOLAVA, LA SUA "BADANTE" MARIA ROSARIA ROSSI SI ABBRACCIAVA E BACIAVA CON DIVERSI GRILLINI, A COMINCIARE DA VITO CRIMI, MANIFESTANDO UNA CONFIDENZIALITA' DI RAPPORTI CHE HA STUPITO MOLTO I PRESENTI 5. LA GAFFE DI MORRA SU BORSELLINO, L’IRA DI FRANCESCHINI SU ZANDA, RENZI PREOCCUPATO

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

ANGELINO ALFANO E MOGLIEANGELINO ALFANO E MOGLIE

Cronache di una stanca non sfiducia di mezza estate con temporale, il teatrino di un giorno in Senato in ordine alfabetico.

ALFANO ANGELINO. Superata la scontata prova di oggi, non potrà che rendersi conto gia' nelle prossime settimane di essere davanti ad un bivio: o rimanere ministro dell'Interno più che dimezzato con mille insidie quotidiane, oppure trovare le modalità per un'uscita "alta e nobile"' come si usava ai tempi d'oro della Prima Repubblica.

Angelino AlfanoAngelino Alfano

I cosiddetti "apparati" con lui hanno chiuso: non e' un problema di singoli esponenti dell'alta burocrazia ma, per così dire, di sistema tradito. Significa che egli difficilmente potrà scrollarsi di dosso il marchio di inaffidabilità dal punto di vista istituzionale rispetto alla catena di comando del ministero più delicato, dove basta poco per ritrovarsi tutta la responsabilità di qualsiasi cosa dovesse andare storta, e tutti i suoi predecessori ci perdonino se pensiamo a possibili tensioni sociali o a piccoli/grandi problemi di ordine pubblico.

SILVIO BERLUSCONI E DIETRO LA SCRITTA TASSE jpegSILVIO BERLUSCONI E DIETRO LA SCRITTA TASSE jpeg

Il tutto pregando ogni giorno Santa Rosalia che alla bambina estradata verso Astana, e anche alla madre, non venga la tosse, il raffreddore o quant'altro: perché in tal caso non i grillini e neppure Sel, ma la comunità internazionale attenta ai diritti umani lo rimetterebbe in un attimo sul banco degli imputati.

Insomma, prima lascia il ministero, meglio è per la sua carriera politica, più dura più è a rischio. E questo al di la' del merito stesso della vicenda kazaka, sulla quale ben pochi leader sono innocenti, ma soltanto per le modalità con le quali Alfano Angelino l'ha gestita.

SILVIO BERLUSCONI - MARIA ROSARIA ROSSISILVIO BERLUSCONI - MARIA ROSARIA ROSSI ENRICO LETTA ALLA CAMERA TRA ALFANO E BONINOENRICO LETTA ALLA CAMERA TRA ALFANO E BONINO

BERLUSCONI SILVIO. Si e' rivisto in Senato il Cavaliere, ma in tono minore e preoccupatissimo per la crisi economica (e non sapeva ancora delle pesanti condanne dei suoi compagni di bunga bunga alias cene eleganti). Nessuna fila per omaggiarlo, solo un piccolo drappello di senatori ai quali ha raccontato quanto segue:

VITO CRIMI CON IL MEGAFONOVITO CRIMI CON IL MEGAFONO

1. La crisi economica durerà ancora a lungo e che non sarà facile per nessuno, cittadino o impresa, uscirne indenne.

2. Una possibilità potrebbe essere quella di uscire dall'euro e tornare alle monete nazionali, con conseguente svalutazione da una parte e stampa di carta moneta dall'altra. Ma l'Italia, ha precisato, realisticamente non e' in grado di farlo.

3. Un giovane imprenditore amico suo e' andato a riferirgli che mette in libertà qualche centinaio di persone perché delocalizza in Albania dove tutto, a partire dal costo del lavoro, costa un terzo di quanto occorra in Italia.

4. In generale, i suoi amici benestanti che lavorano all'estero non vengono più in Italia nemmeno per i week end perché le mogli non possono nemmeno fare shopping a causa della "folle" limitazione dell'uso del contante. E anche le loro barche restano stabilmente all'estero.

ANGELINO ALFANOANGELINO ALFANO

5. E' uno sbaglio gigantesco aprire la stagione delle riforme senza mettere quella della giustizia tra le cose da fare. Ma, anche qui, non per rompere con Letta Enrico, Re Giorgio II e il Pd ma per cercare di imporre il tema.

Mentre Berlusconi Silvio diceva quanto sopra, la sua "badante" Rossi si abbracciava e baciava con diversi grillini, a cominciare dall'ex capogruppo al Senato Crimi Vito, manifestando una confidenzialita' di rapporti che ha stupito molto i presenti, fotografi compresi.

nicola morranicola morra

LETTA ENRICO. Ha abbastanza inutilmente caricato la vicenda di significato politico rispetto a tutto il governo. Inutilmente, poiché il pathos era finito ieri con il pronunciamento del gruppo Pd.

MORRA, PROFESSORE A 5 STELLE. Il capogruppo grillino e' stato giudicato dai suoi stessi senatori penoso in sede di dichiarazione di voto, con due scivolate di cui speriamo non si accorgano Grillo Beppe e Casaleggio Roberto: ha indicato il Craxi Bettino di Sigonella come esempio virtuoso da seguire e ha cambiato nome a Paolo Borsellino chiamandolo Salvatore: quando l'aula ha cominciato a rumoreggiare, lui non ha capito a cosa si riferissero ed e' dovuto intervenire il presidente Grasso Piero per correggerlo. Figura di m.

ENRICO LETTAENRICO LETTA

RENZI MATTEO. I suoi si sono dispersi, almeno al Senato. Lui intanto starebbe preoccupandosi del fatto di doversi ricandidare a sindaco di Firenze ad aprile dell'anno prossimo: non perché tema di non essere eletto ma perché ha paura di prendere meno voti dell'ultima volta, il che non sarebbe un bel viatico sul piano nazionale.

ZANDA FRANCESCO. Aveva preparato il discorso in un modo, ha dovuto cambiarlo dopo aver letto l'articolo di Scalfari Eugenio su Repubblica e ha finito per fare un discorso molto severo, e anche realista, verso Alfano Angelino. Ha riscosso la forte irritazione di Letta Enrico e Franceschini Dario (quest'ultimo apparso oggi di pessimo umore) ma e' riuscito a tenere unito il suo gruppo. Almeno per oggi.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)