DAGONEWS - A BRUXELLES SONO TERRORIZZATI ALL’IDEA CHE ALLA CASA BIANCA ARRIVI UN PRESIDENTE CONTRARIO ALLA GUERRA IN UCRAINA - SE WASHINGTON SMETTE DI POMPARE DOLLARI IN DIFESA DI KIEV, L’EUROPA SI RITROVA CON IL CERINO IN MANO, INCAPACE DI AIUTARE ZELENSKY E CON UN VICINO RUSSO ORMAI OSTILE E AGGRESSIVO - UN REPENTINO CAMBIO DI STRATEGIA AMERICANO NON E’ IRREALE: S'E' GIA’ REALIZZATO IN AFGHANISTAN - GLI USA HANNO MOLLATO DONNE E BAMBINI AI TALEBANI DOPO VENTI ANNI DI PRESENZA MILITARE…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

ABBRACCIO TRA ZELENSKY E BIDEN ABBRACCIO TRA ZELENSKY E BIDEN

L’avvio dell’anno elettorale che porterà all’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti, a novembre 2024, sta creando molte tensioni a Bruxellles. Gli europoteri sono molto preoccupati all’ipotesi di ritrovarsi alla Casa Bianca un presidente repubblicano (Trump o il suo fac simile, Ron Desantis), contrario a pompare miliardi di dollaroni in direzione Kiev.

 

Se Washington fa un rapido e improvviso dietrofront, come già ha fatto in Afghanistan, dove dalla sera alla mattina hanno lasciato donne e bambini in mano ai Talebani, l’Europa si ritroverà con una mano davanti e l’altra ‘ndré. Senza il sostegno americano, la resistenza ucraina dura quanto un gatto sul raccordo anulare, e a quel punto Putin avrebbe gioco facile nel prendersi quel che vuole.

 

joe biden a kiev con zelensky 3 joe biden a kiev con zelensky 3

L’Europa si ritroverebbe con un vicino ormai ostile e aggressivo (la Russia), difficile da contenere per le sue disponibilità economiche e militari, e allo stesso tempo avrebbe enormi difficoltà a ricostruire con Mosca un rapporto di fiducia come ai vecchi tempi.  Senza contare che gli americani, che come dice Marco Travaglio, “rompono il cazzo da 70 anni”, si muovono in autonomia per i loro interessi egemonici: l’accordo Aukus con Regno Unito e Australia, per lo sviluppo di sottomarini nucleari di nuova generazione, conferma che la vera priorità di Washington non è la stabilità del vecchio continente, ma la sfida alla Cina nel Pacifico. Tradotto: vista dagli Usa, l’Europa è solo un’arena in cui giocare una delle sue molteplici partite a scacchi.

VOLODYMYR ZELENSKY E JOE BIDEN A KIEV VOLODYMYR ZELENSKY E JOE BIDEN A KIEV VOLODYMYR ZELENSKY E JOE BIDEN A KIEV 1 VOLODYMYR ZELENSKY E JOE BIDEN A KIEV 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO