DAGONEWS! - DRAGHI SI E' ROTTO IL CAZZO: SE LA MAGGIORANZA DI GOVERNO CONTINUA CON QUESTO ANDAZZO, CERCASSE UN ALTRO AL POSTO MIO… - BOMBARDATO DI TELEFONATE, ASSEDIATO DAI PARTITI, IRRITATO DALLE CONTINUE LITI, VETI, DISPETTI DEI MINISTRI, MARIOPIO HA AVUTO UN MOMENTO DI SCORAMENTO: SE ENTRO DOMANI NON SI TROVA UN PUNTO DI ACCORDO TRA I PARTITI O UNA MEDIAZIONE ACCETTABILE, VENERDI' DRAGHI PORTERA' IN PARLAMENTO IL TESTO DELLA CARTABIA COSI' COM'E' E QUEL CHE SUCCEDE, SUCCEDE...

Condividi questo articolo


mario draghi giuseppe conte mario draghi giuseppe conte

Dagonews

 

Sommerso dai dossier, bombardato di telefonate, assediato dai partiti, Mario Draghi ha avuto un momento di scoramento. Sa di essere al centro di una sfida epocale per l'Italia, con in gioco i 209 miliardi di euro del Recovery Fund, eppure vede ostacoli a ogni angolo. I dispetti tra i partiti, i veti e i capricci incrociati dei ministri, lo stanno fiaccando e irritando.

mario draghi marta cartabia 1 mario draghi marta cartabia 1

 

SuperMario sente la responsabilità del suo incarico: ha accettato palazzo Chigi e ci ha messo sia la faccia che la reputazione per rassicurare Bruxelles sulla volontà dell'Italia di intraprendere un serio percorso di riforme. Anche perché se non mostriamo il cammello non vediamo euro-moneta.

 

Cardine primo del piano di "ripresa e resilienza" deve essere la riforma della Giustizia, messa a punto dal ministro Cartabia. Un testo su cui si sta consumando una guerriglia logorante.

 

ursula von der leyen consegna a mario draghi la pagella di bruxelles al recovery plan italiano 3 ursula von der leyen consegna a mario draghi la pagella di bruxelles al recovery plan italiano 3

Draghi deve barcamenarsi tra i confronti fiume con il ministro Cartabia (quasi 5 ore l'altro giorno) e i contro-rilanci di Giuseppe Conte, tra i mal di pancia del M5s e i veti di Lega e Forza Italia. SuperMario è affaticato: non pensava di dover gestire una tale litigiosità.

 

L'Europa pretende dall'Italia processi più brevi e una Giustizia più efficiente e quel che la maggioranza riesce a offrire è uno psicodramma ideologico che divampa in Parlamento, sui giornali, nel talk, sui social, con toghe in trincea e costituzionalisti con l'elmetto. Tutti a sermoneggiare, sentenziare, discutere e criticarsi a vicenda in un groviglio di opinioni spesso sganciate dalla realtà.

 

sergio mattarella e mario draghi sergio mattarella e mario draghi

Una gazzarra di voci che fiaccherebbe anche il più coriaceo dei monaci zen. Solo che SuperMario non è un bonzo. Né un gonzo. E si è stufato di questa cagnara.

 

Ora si tira dritto: se entro domani non si troverà un punto di caduta accettabile per i partiti sulla riforma della Giustizia, venerdì porterà il testo in Parlamento così com'è. E quel che succede, succede. Con i suoi, Draghi è stato laconico e deciso. In parole povere, avrebbe detto: Se la maggioranza di governo continua con questo andazzo, ne cercassero un altro…

 

 

Condividi questo articolo

politica

IN FONDO A DESTRA C’È IL TILT – LA FEDERAZIONE SEMBRA UN MIRAGGIO: BERLUSCONI L’HA ARCHIVIATA PER NON INDISPETTIRE LA MELONI E PERCHÉ PER IL QUIRINALE GLI SERVONO ANCHE I VOTI DI FDL (ANCHE SE LEI HA GIÀ FRENATO SULLA CANDIDATURA) - SALVINI LA VORREBBE PER ENTRARE DALLA PORTA DI PALAZZO CHIGI, MA FINGE DI AVERLA ARCHIVIATA – IN MEZZO C’È IL RUBABANDIERA: LA “DUCETTA” RUBA AL “CAPITONE” CHE A SUA VOLTA FA CAMPAGNA ACQUISTI IN FORZA ITALIA – E IN PIAZZA PER LE AMMINISTRATIVE SCENDONO TUTTI DIVISI…

“SALVINI PENSI A TASSE E NORD. BASTA INSEGUIRE I NO VAX” - CON L'ADDIO DI LUCA MORISI, IL GURU DELLA PROPAGANDA SOCIAL SALVINIANA, PARTE L'OFFENSIVA DEI COLONNELLI DEL NORD EST CHE, SULLE SPOGLIE ANCORA CALDE DELLA "BESTIA", VOGLIONO UN CAMBIO DI STRATEGIA, A PARTIRE DALLA COMUNICAZIONE – UNA SPACCATURA NEL CARROCCIO CHE STA CREANDO UN SOLCO TRA AMMINISTRATORI ED ELETTI "ROMANI" – I PRIMI HANNO SEMPRE PIÙ COME RIFERIMENTO LA LINEA GOVERNISTA DI GIORGETTI MENTRE BORGHI E BAGNAI CONTINUANO LA CROCIATA CONTRO IL GREEN PASS…

“I SANTORI, I TRAVAGLI, I PURGATORI, I RANUCCI: ADESSO DOVRANNO OSSERVARE UN PO’ DI SILENZIO” – SANSONETTI ESULTA PER LA SENTENZA SULLA TRATTATIVA STATO-MAFIA: “PERCHÉ SI È VOLUTO COSTRUIRE QUESTA MOSTRUOSITÀ? CI SONO TRE RAGIONI. QUELLA POLITICA: BISOGNAVA COLPIRE SILVIO BERLUSCONI. LA SECONDA È GIUDIZIARIA: I MAGISTRATI NON ERANO TUTTI PREPARATISSIMI. TERZA DI COSTUME: SI È COSTRUITA TUTTA LA LEGGENDA DELL’ANTIMAFIA MILITANTE, QUALE ALIMENTATA POLITICI, MOLTI GIORNALISTI, MORALIZZATORI, TUTTA GENTE CHE DI MAFIA NON SA NULLA E CHE ALLA MAFIA NON HA MAI TORTO UN CAPELLO…”