DAGONEWS - NESSUN PM DELLA PROCURA DI MILANO È ANDATO IERI SERA AD ASSISTERE ALLA PRIMA DELLA SCALA CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, CARLO NORDIO, NEL CARCERE DI SAN VITTORE, COME ERA PREVISTO. UNA REAZIONE, IN EVIDENTE DISSIDIO, ALLE AFFERMAZIONI DI NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI, RITENUTE GRAVI. ERA PREVISTA LA PRESENZA DEL PROCURATORE CAPO, DEL PROCURATORE GENERALE E DI VARI PM AGGIUNTI, MA NESSUNO SI È PRESENTATO, LASCIANDO IL MINISTRO CON LA SOLA “MESTIZIA” MORATTI…

-

Condividi questo articolo


 

CARLO NORDIO A SAN VITTORE CARLO NORDIO A SAN VITTORE

DAGONEWS

Nessun Pm della Procura di Milano è andato ieri sera ad assistere alla prima della Scala con il Ministro della Giustizia, Carlo Nordio, nel carcere di San Vittore, come era previsto.

 

La mancata partecipazione è una reazione, in evidente dissidio, alle affermazioni di Nordio sulle intercettazioni, ritenute gravi. Era prevista la presenza del Procuratore Capo, del Procuratore Generale e di vari Pm aggiunti, ma nessuno si è presentato, lasciando il Ministro con la sola “Mestizia” Moratti.

 

GIACINTO SICILIANO GIACINTO SICILIANO

Vana l’attesa del Direttore di San Vittore, Giacinto Siciliano che ha fatto rimuovere i posti a sedere dei pm assenti, alcuni dei quali sono andati direttamente al Teatro della Scala a seguire l’opera dal vivo.

CARLO NORDIO CARLO NORDIO CARLO NORDIO IN VERSIONE CHURCHILL CARLO NORDIO IN VERSIONE CHURCHILL RIVOLTA AL CARCERE DI SAN VITTORE - DETENUTI SUL TETTO RIVOLTA AL CARCERE DI SAN VITTORE - DETENUTI SUL TETTO

 

Condividi questo articolo

politica

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”