1. DAGONOTA - IERI, IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, UN ALTRO PEZZO DI MARIO DRAGHI SI È SBRICIOLATO
 2. VEDERE IL CELEBRATO SUPERMARIO, FARSI STRATTONARE SULLE MISURE ANTI-COVID, COSTRETTO QUINDI A UNA PENOSA MEDIAZIONE, HA DIMOSTRATO CHE L’EX GOVERNATORE DELLA BCE NON È ALL’ALTEZZA DI ESSERE UN LEADER: SE AVESSE AVUTO IL POLSO D’ACCIAIO DEL 2012, QUELLO DA “WHATEVER IT TAKES”, E METTEVA SUL TAVOLO LE DIMISSIONI, LE SUE MISURE SAREBBERO PASSATE
3. L'AUTOREVOLISSIMO DRAGHI NON L’HA FATTO PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE NON VUOLE INIMICARSI NESSUNO PUR DI OTTENERE I VOTI DI TUTTI PER TRASLOCARE SULLA POLTRONA DI MATTARELLA
4. MA ALLORA NON SEI UN LEADER CARISMATICO MA SOLO UN CAPO MEDIOCRE

Condividi questo articolo


DAGONOTA

MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI

Ieri, in Consiglio dei ministri, un altro pezzo di Draghi si è sbriciolato. Vedere il celebrato SuperMario, farsi strattonare sulle misure anti-Covid dai rigoristi Pd, Fi e Leu e dalla Lega che minaccia lo strappo su obbligo vaccinale e green pass rafforzato, costretto quindi a una faticosa e penosa mediazione, ha dimostrato che l’ex governatore della Bce non è all’altezza di essere un leader.

 

Se ieri Draghi avesse avuto il polso d’acciaio del 2012, quello da “whatever it takes”, e metteva sul tavolo le sue dimissioni, le sue misure anti-Covid sarebbero passate e il duplex Salvini-Giorgetti l'avrebbe presa in quel posto senza vaselina. Non l’ha fatto per il semplice motivo che non vuole inimicarsi nessuno pur di ottenere i voti di tutti per traslocare al Quirinale. Ma allora non sei un leader carismatico ma solo un capo mediocre.

 

Condividi questo articolo

politica

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”