NON SI CAPISCE PERCHE’ TRAVAGLIO E I PASDARAN CINQUESTELLE FURIOSI CON DRAGHI PER LE BATTUTE SU CONTE NON FACCIANO IL CONTROPELO A BEPPE GRILLO - MA COME, “L’ELEVATO” SENTE MARIOPIO SPERNACCHIARE IL SUO “AMMINISTRATORE DELEGATO” E NON BATTE CIGLIO? INVECE DI AZZANNARLO, LASCIA CADERE NEL VUOTO LE CRITICHE A PEPPINIELLO APPULO (“E’ INADEGUATO”), SALVO POI RICACCIARLE TEMPO DOPO? - LA VERITA’ E’ CHE GRILLO E’ IL PRIMO A NON SOPPORTARE CONTE, VERSO IL QUALE NON HA MAI AVUTO MOLTA STIMA - MA DAVANTI AL "FONDATORE", TRAVAGLIO E GLI ALTRI 5STELLE ABBASSANO LA CRESTA...

Condividi questo articolo


DAGONOTA - NON SI CAPISCE PERCHE’ TRAVAGLIO, PADELLARO E GRULLINI VARI SIANO FURIOSI CON DRAGHI PER I GIUDIZI SU CONTE: VISTO CHE L'INTERLOCUTORE DEL PREMIER ERA GRILLO, DOVEVA ESSERE IL GARANTE DEL MOVIMENTO IL PRIMO A SFANCULARLO CON UN VIBRANTE "FATTI I CAZZI TUOI!" - PERCHE' CONTE E TRAVAGLIO NON S'INCAZZANO DIRETTAMENTE CON GRILLO? HANNO PAURA? LA VERITA’ E’ CHE BEPPEMAO E' CONTRO L'USCITA DAL GOVERNO E CON IL NO ALLE DEROGHE AL SECONDO MANDATO HA PRATICAMENTO ANNIENTATO IL PARTITO DI CONTE...

 

FUORI LE PALLE, PLEASE!

Marco Travaglio per il “Fatto quotidiano”

 

MARCO TRAVAGLIO E GIUSEPPE CONTE MARCO TRAVAGLIO E GIUSEPPE CONTE

La notizia è semplice: Grillo confida a vari parlamentari, a Fico, a Conte e a De Masi che Draghi gli ha chiesto di far fuori Conte "leader inadeguato" e poi di lasciarlo solo seguendo Di Maio. Siccome c'è chi non può credere che il premier - e non uno qualunque: il Migliore - traffichi ribaltoni e scissioni nel primo partito del suo governo, Grillo mostra gli screenshot dei messaggi, ma li fa leggere perché le cose più gravi sono state dette a voce.

Conte, fin troppo signore, tace. I deputati mormorano e martedì la voce giunge all'orecchio di molti cronisti, che la censurano.

 

conte draghi grillo 4 conte draghi grillo 4

Tranne la Stampa, che la pubblica tra mille distinguo, e il Fatto, che intervista De Masi. E lo trova così furioso per le condotte di Draghi e di Grillo da sentirsi obbligato a denunciarle, ora che Beppe ne ha parlato ai suoi. Le edizioni online dei due quotidiani escono a mezzanotte di martedì.

 

Ed è allora che Palazzo Chigi apprende la notizia. Se fosse falsa (ma non si vede come potrebbe), Draghi la smentirebbe di prima mattina a Madrid, per evitare che lo scandalo monti e interferisca col vertice Nato. Invece tace, mentre Conte si dice "sconcertato per la grave interferenza". Dichiarazioni e tensioni si rincorrono e si alimentano per l'intera mattina e metà pomeriggio.

 

grillo draghi conte grillo draghi conte

Poco prima dell'incontro stampa di Draghi, Conte lo richiama: Draghi prova a negare, Conte risponde che si fida dei racconti fatti da Grillo a lui e agli altri. Alle 15.50 Draghi, davanti ai cronisti, perde un'altra occasione per smentire: "Ho parlato con Conte poco fa, abbiamo cominciato a chiarirci, ci risentiamo domani per vederci presto. Il governo non rischia". Lo scandalo tracima. Alle 19 Conte va da Mattarella. Alle 20.21 anonime "fonti di Palazzo Chigi" dicono ciò che per 20 ore avrebbe potuto dire il premier mettendoci la faccia: "Mai chiesto a Grillo di rimuovere Conte".

BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE - MARIO DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE - MARIO DRAGHI - BY EDOARDO BARALDI

 

Draghi lo ribadisce ieri in conferenza stampa, dopo che i giornaloni hanno occultato la notizia e ribaltato il rapporto aggressore-aggredito (Rep: "Assedio al governo"; Corriere: "Governo: tensione alle stelle"; Stampa: "Lite Conte-Draghi"). Poi precisa: "Non ho sentito Grillo". Ma come: il tuo amico Beppe ti attribuisce frasi gravissime e per giunta false, e tu che lo chiami ogni due per tre non gli chiedi perché ha scatenato quel putiferio inventandosi tutto? "Mi pare - aggiunge - che Grillo abbia smentito" (invece non ha smentito un bel nulla: si è solo detto "strumentalizzato").

 

Chiede di vedere i messaggi a Grillo, che dovrebbe conoscere avendoli inviati lui, e che non cancellano i plurimi racconti di Grillo. Ma non risponde alla domanda del Fatto: "Lei nega di aver parlato male di Conte a Grillo?". E non si capisce se sia più lungo il naso o la coda di paglia.

grillo travaglio felici grillo travaglio felici

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA