DAGOREPORT! CHIAMATELO MISTERO DEL TESORO, ANZICHÉ MINISTERO - L’ENIGMA È IL FUTURO DEL DIRETTORE GENERALE, ALESSANDRO RIVERA. PUR INVISO A SALVINI E MELONI, IL FLEBILE MINISTRO GIORGETTI NON VUOLE ACCOMPAGNARLO ALLA PORTA. COSÌ IL TETRO PALAZZONE DI VIA XX SETTEMBRE SI È DI NUOVO SPACCATO IN DUE: DA UNA PARTE IL TESORO CAPITANATO DAL LEGHISTA SENZA QUALITÀ, DALL’ALTRA LE FINANZE NELLE MANI DEL VICE-MINISTRO MAURIZIO LEO, FEDELISSIMO DI GIORGIA - OVVIAMENTE LEO, QUELLO CHE GLI DICE GIORGETTI GLI ENTRA DA UNA PARTE E GLI ESCE DALL’ALTRA E, IN SOSTANZA, FA IL MINISTRO “OCCULTO” DELLE FINANZE

-

Condividi questo articolo


giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

DAGOREPORT

Chiamatelo Mistero del Tesoro, anziché ministero. L’enigma è il futuro del direttore generale del dicastero, Alessandro Rivera. Inviso a Salvini e alla Meloni non solo per i suoi legami con il Pd ma perché artefice dell’inefficienza del Mef, a partire dalle pessime gestioni del Monte dei Paschi e Autostrade (acquisita a una cifra esorbitante da Cdp) per finire con il guazzabuglio Ita ex Alitalia. 

ALESSANDRO RIVERA ALESSANDRO RIVERA

 

Ma il flebile Giorgetti non vuole accompagnare Rivera alla porta: lasciandolo al suo posto non rischia di finire stritolato dal sostituto (era circolato il nome di Luigi Buttiglione) e soprattutto avrà sempre un direttore generale riconoscente nei suoi confronti.

 

Così il tetro palazzone di via XX Settembre si è di nuovo spaccato in due: da una parte il Tesoro capitanato dal leghista senza qualità e dall’altra le Finanze nelle mani del vice-ministro  Maurizio Leo, fedelissimo di Giorgia al punto che se lo portò alla conferenza stampa per illustrare la Finanziaria – cosa mai successa prima di vedere un vice-ministro al fianco della premier.

MAURIZIO LEO MAURIZIO LEO

 

Ovviamente Leo , quello che gli dice Giorgetti gli entra da una parte e gli esce dall’altra e, in sostanza, fa il ministro “occulto” delle Finanze.

MAURIZIO LEO GIORGIA MELONI MAURIZIO LEO GIORGIA MELONI

 

Condividi questo articolo

politica

"SE DINO GIARRUSSO VUOLE ENTRARE NEL PD PRIMA CHIEDA SCUSA A CHI HA FERITO IN PASSATO" - STEFANO BONACCINI FRENA SULL’INGRESSO DELL’EX GRILLINO NEL PARTITO DEMOCRATICO - LE EVENTUALI SCUSE DI GIARRUSSO POTREBBERO NON BASTARE PERCHÉ LA COMMISSIONE CONGRESSO DEL PD STA VALUTANDO L'AMMISSIBILITÀ DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE: LO STATUTO PD VIETA IL TESSERAMENTO DI CHI È GIÀ ISCRITTO A UN ALTRO PARTITO (E L’EX IENA HA FONDATO UN MOVIMENTO POLITICO NEI MESI SCORSI CON CATENO DE LUCA) - ALESSANDRO GASSMANN SI UNISCE AL CORO DI CRITICHE E SCAPOCCIA: “NON VOTO PIU’ PER IL PD”

“PUTIN MI DISSE 'NON VOGLIO FARTI MALE, MA CON UN MISSILE CI VORREBBE SOLO UN MINUTO” – BORIS JOHNSON RACCONTA UNA TELEFONATA PIUTTOSTO TESA CON “MAD VLAD”, AVVENUTA PRIMA DELL’INVASIONE RUSSA DELL’UCRAINA, IN CUI IL PRESIDENTE RUSSO MINACCIÒ DI BOMBARDARE IL REGNO UNITO -  OVVIAMENTE, ERA UNA BATTUTA (LA RUSSIA NON BOMBARDEREBBE MAI UN PAESE NATO COSÌ, D'EMBLEE, RISCHIANDO DI FINIRE INCENERITA), MA SERVE ALL’EX PREMIER PER FAR VEDERE QUANTO È DURO LUI RISPETTO A QUELLE PAPPEMOLLI DEI SUOI SUCCESSORI... - VIDEO