DAGOREPORT - DOPO LE CRITICHE DI MOLINARI, ROMEO, CENTINAIO E ALTRI ATTIVISTI ALL’IPOTESI DI CANDIDARE VANNACCI CON LA LEGA ALLE EUROPEE, SALVINI HA ALLENTATO IL CORTEGGIAMENTO AL GENERALE. DELLA SERIE: OK, NON LO SOLLECITO PIU’ - RIUSCIRA’ IL VIRILE VANNACCI, NEL SUO “MONDO AL CONTRARIO”, A FARSI SPEDIRE DALLA LEGA A BRUXELLES O RESTERA’ FUORI PER LA RIVOLTA DEGLI STESSI ELETTORI DEL CARROCCIO? AH, SAPERLO…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

MATTEO SALVINI - VLADIMIR PUTIN - ROBERTO VANNACCI - MEME BY EDOARDO BARALDI MATTEO SALVINI - VLADIMIR PUTIN - ROBERTO VANNACCI - MEME BY EDOARDO BARALDI

La candidatura offerta da Matteo Salvini al generale Vannacci ha innescato una rivolta nella Lega e soprattutto nei gruppi parlamentari, guidati da Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo. I due non hanno perso occasione di bersagliare la tanto evocata discesa in campo del militare, considerato un corpo estraneo sia dalla base che dai dirigenti del Carroccio.

 

Romeo, in un’intervista “Libero”, ha mostrato il suo scetticismo all’ipotesi: “È una decisione che spetta al Segretario Salvini e al Consiglio federale. Noi sicuramente abbiamo già tanti candidati validi del territorio. Se verrà candidato o meno, spetterà a chi ha il compito di farlo. Mi spiace, però, che si stia parlando incessantemente solo di questo e molto poco delle tante figure che abbiamo sul territorio e degli eurodeputati uscenti”.

 

riccardo molinari massimiliano romeo matteo salvini al quirinale riccardo molinari massimiliano romeo matteo salvini al quirinale

Il capogruppo a Montecitorio Molinari si è mostrato sulla stessa “freddezza d’onda”: “Le elezioni europee? Precedenza ai militanti storici. Vannacci? È una valutazione che deve fare il segretario”.

 

Visti anche i siluri anti-Vannacci sganciati dall’ex ministro Centinaio (“Non lo voterò. Sceglierò uno della Lega che si è fatto il mazzo sul territorio”) e da 21 esponenti del Carroccio con una lettera polemica ("Perché fare accordi con chi non ha la nostra naturale repulsione nei confronti di fasci e svastiche?”), Salvini ha allentato il suo corteggiamento al generale. Della serie: ok, non lo sollecito più. Chissà se alla fine Vannacci, in un “mondo al contrario” dopo tanti rumors e indiscrezioni, finirà fuori dalle liste della Lega per la rivolta dei suoi stessi elettori…

 

ORA ANCHE I LEGHISTI DOC CONTRO VANNACCI. E FDI STRIZZA L’OCCHIO AI NO-VAX

V.G. per “il Fatto quotidiano”

 

roberto vannacci roberto vannacci

Gianmarco Centinaio l’ha già detto una volta e lo ripete per la seconda ad ‘Un giorno da pecora’: “Il mio entusiasmo per la candidatura di Vannacci? È a meno 2000... la mia opinione è nota: la Lega deve candidare leghisti, già uno che deve meditare se candidarsi o no non lo sceglierei mai. Se Vannacci sarà candidato nella mia circoscrizione non lo voterò, sceglierò uno della Lega che si è fatto il mazzo sul territorio”.

 

romeo salvini molinari romeo salvini molinari

D’altronde che i veri esponenti del Carroccio non vedano di buon occhio la candidatura del generale più chiacchierato della penisola non è certo un segreto, ma a questo negli ultimi tempi si va aggiungendo l’ostentata riluttanza dell'autore de ‘Il mondo al contrario’, attualmente alle prese con la presentazione in giro per l’Italia del suo secondo libro, nei confronti di una discesa in campo con la Lega.

 

Insomma, nell’analisi costi-benefici, la scelta di arruolare il Vannacci nella speranza che le sue sparate in prosa facciano guadagnare qualche voto in più, porta con sé due contro non da poco: indispone il ceto politico doc (in una fase in cui l'insofferenza nei confronti della linea del segretario è già alta) e sposta il partito all'estrema destra di Giorgia Meloni, rendendolo sempre meno plausibile come soggetto centrale di un'eventuale esperienza di governo.

 

salvini vannacci salvini vannacci

Se poi in termini di numeri, l’azzardata investitura non fosse nemmeno remunerativa, i detrattori del generale sarebbero doppiamente giustificati ad infierire. Centinaio continua a ripeterlo, ma a quanto pare in via Bellerio si fanno orecchie da mercante. Segretario avvisato... Voto: N.C. 

RICCARDO MOLINARI RICCARDO MOLINARI ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI MATTEO SALVINI RICCARDO MOLINARI MATTEO SALVINI RICCARDO MOLINARI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"