NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI PER LA REGIONE LOMBARDIA. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

Condividi questo articolo


MATTEO SALVINI AL SENATO MATTEO SALVINI AL SENATO

DAGOREPORT

Nella giungla dei sondaggi ormai è durissimo capirci qualcosa. Ogni rilevazione scodella dati che fanno a cazzotti con altri sondaggi. Vedi le percentuali della Lega: una volta è sotto Azione, un’altra è sopra il duplex Calenda/Renzi. La realtà è che la volubilità politica del cittadino italico viaggia senza freni.

 

luca zaia matteo salvini massimiliano fedriga attilio fontana luca zaia matteo salvini massimiliano fedriga attilio fontana

Quello che è certo è che il Carroccio non tira al nord come una volta e oggi Salvini ha il suo bacino di consensi nel centrosud, abbandonato dalla vecchia Lega di Zaia e Fedriga. Non a caso al funerale di Roberto Maroni i due governatori si sono presentati insieme a Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia, mentre Salvini affiancato da Calderoli si è pure beccato qualche fischio. 

 

letizia moratti attilio fontana letizia moratti attilio fontana

L’attivismo sfrenato del Capitone, che tanto irrita sia la Meloni che il Quirinale, è motivato dalla sfida che vede contrapposti Attilio Fontana e Letizia Moratti. L’eroe del Papeete sa benissimo che se perde la Lombardia, sarà costretto a fare le valigie. Una disfatta che ribalterebbe gli equilibri politici del governo Meloni.

 

Purtroppo Letta, dopo il flop elettorale, è finito in bambola, trascinato alla deriva dalla rissa delle correnti del Pd che non hanno o non vogliono per motivi ideologici capire che una occasione di buttare fuori la Lega dalla prima regione italiana non capiterà più. Ed è spuntato il minorino Majorino, apice del tafazzismo Dem.

Marie Therese Mukamitsindo Alessandro Majorino Marie Therese Mukamitsindo Alessandro Majorino

 

Allo stato attuale di alcuni sondaggi riservati, Fontana è accreditato del 26%, la Moratti del 25 e Majorino del 23. Di qui il duello sulla data del voto lombardo: Salvini lo vuole ai primi di febbraio mentre Mestizia Moratti (e il Pd) dopo la nomina del nuovo segretario dei Dem – mentre alla Meloni aspetta sulla riva del fiume sperando in un ridimensionamento del suo bizzoso alleato di governo. 

CARLO CALENDA LETIZIA MORATTI CARLO CALENDA LETIZIA MORATTI ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA ZAIA - GIORGETTI - FONTANA - CALDEROLI - SALVINI - FEDRIGA ATTILIO FONTANA ATTILIO FONTANA attilio fontana pontida 2022 attilio fontana pontida 2022 PIERFRANCESCO MAJORINO PIERFRANCESCO MAJORINO luca zaia e massimiliano fedriga 4 luca zaia e massimiliano fedriga 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)