DAGOREPORT! – ALLARME ROSSO TRA GLI EUROPOTERI: LA VITTORIA DEL DESTRORSO GEERT WILDERS IN OLANDA È FUMO NEGLI OCCHI PER BRUXELLES. MA IL PIÙ TERRORIZZATO DI TUTTI DAL POSSIBILE GOVERNO UBER-SOVRANISTA È MACRON, CHE TEME DI PRENDERE UNA SBERLA DA MARINE LE PEN ALLE EUROPEE – IL TOYBOY DELL’ELISEO STA PROVANDO A SPINGERE GLI ALTRI LEADER DEI PAESI BASSI A FORMARE UN “CORDONE SANITARIO”, CON UNA FORMULA ALL’ITALIANA: GOVERNO DI LARGHE INTESE CON PREMIER TECNICO…

-

Condividi questo articolo


GEERT WILDERS GEERT WILDERS

DAGOREPORT

La grande affermazione elettorale di Geert Wilders in Olanda ha allertato gli euro-poteri.

 

Ma il più timoroso di tutti è il presidente francese, Emmanuel Macron. Dal giorno dopo lo scrutinio elettorale in Olanda, l’Eliseo si è messo in moto per impedire al leader del Partito per la Libertà (Pvv) di formare il governo.

 

In che modo? Spingendo gli altri leader a formare un “cordone sanitario” attraverso una formula “all’italiana”: governo di larghe intese con premier tecnico.

 

MARK RUTTE EMMANUEL MACRON MARK RUTTE EMMANUEL MACRON

Il toyboy dell’Eliseo è particolarmente attivo perché ritrovarsi un Wilders alla guida dei Paesi Bassi significa, in prospettiva, fare un regalo alla grande nemica Marine Le Pen, che potrebbe approfittarne alle elezioni europee del 2024.

 

In più, il portacipria di Brigitte ha costruito negli anni un rapporto privilegiato con l’ex premier olandese, Mark Rutte, che sogna di diventare il prossimo segretario generale della Nato, e che sta provando a convincere il suo partito, il VVD, a non dare alcun tipo di appoggio al biondo Wilders.

 

MARINE LE PEN GEERT WILDERS MARINE LE PEN GEERT WILDERS

DAGOSPIA – 25 NOVEMBRE 2023 - È NATO IL CORDONE SANITARIO PER EVITARE CHE GEERT WILDERS VADA AL GOVERNO – L’UNIONE EUROPEA (E LA NATO) NON POSSONO ACCETTARE CHE L’ESTREMISTA DI DESTRA FILO-PUTINIANO DIVENTI PRIMO MINISTRO. COME FARE? È PARTITO IL PRESSING SUL PREMIER USCENTE, MARK RUTTE, IN PREDICATO DI DIVENTARE SEGRETARIO GENERALE DELL’ALLEANZA ATLANTICA. DOVRÀ CONVINCERE IL SUO PARTITO, IL VVD, A NON DARE ALCUN TIPO DI APPOGGIO (NEMMENO ESTERNO) A WILDERS

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/nbsp-nato-cordone-sanitario-evitare-che-geert-wilders-vada-375745.htm

Marine Le Pen Matteo Salvini Geert Wilders Harald Vilimsky foto Lapresse Marine Le Pen Matteo Salvini Geert Wilders Harald Vilimsky foto Lapresse

matteo salvini geert wilders matteo salvini geert wilders geert wilders con manifesto nemmeno un centesimo all italia 3 geert wilders con manifesto nemmeno un centesimo all italia 3

 

EMMANUEL MACRON MARK RUTTE EMMANUEL MACRON MARK RUTTE

geert wilders con manifesto nemmeno un centesimo all italia 2 geert wilders con manifesto nemmeno un centesimo all italia 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...