DAGOREPORT – COSA FRULLA NELLA TESTA DI ORBAN? IL PREMIER UNGHERESE, DA MEZZO MITOMANE QUAL È, SI È CONVINTO DI POTER CONVINCERE L’AMICO PUTIN A UNA TREGUA COME PRESIDENTE DI TURNO DELL’UE. A “MAD VLAD” NON DISPIACEREBBE SOFFIARE SUL FUOCO E SPACCARE L’EUROPA, APPROFITTANDO DELL’INCAPACITÀ DI QUEL RIMBAMBITO DI BIDEN DI DIFENDERE KIEV. NON A CASO, HA RIFIUTATO LA MEDIAZIONE DI ERDOGAN, CHE PURE NEL 2022 ERA A UN PASSO DALLA PACE…

-

Condividi questo articolo


1. DAGOREPORT

viktor orban e vladimir putin viktor orban e vladimir putin

Cosa frulla nella testa di Orban? Secondo un’indiscrezione di Radio Liberty, non smentita da Budapest, quel mitomane del premier ungherese domani volerà a Mosca per un incontro bilaterale con Vladimir Putin.

 

Sarebbe la prima visita di un primo ministro dell’Unione europea dall’invasione russa dell’Ucraina di due anni e mezzo fa e, fatto ben più grave, Orban andrebbe da presidente di turno dell’Ue. Insomma, va in rappresentanza di tutti e 27 gli Stati membri, cancellando in un secondo 28 mesi di pugno duro, da parte di Bruxelles, contro Mosca.

 

orban zelensky orban zelensky

Orban si muove da anni come il cavallo di troia di Putin in Europa: pone il veto sugli aiuti a Kiev, si mette di traverso ai negoziati per l’ingresso nell’Ue (e nella Nato) dell’Ucraina. Ma negli ultimi tempi è attivissimo: prima ha incontrato Trump, poi, dopo il tradizionale tour tra i Paesi europei (tra cui l’Italia), nei giorni scorsi ha avuto un vertice con Zelensky.

 

L’incontro è stato, per usare un eufemismo, teso: l’ex comico di Kiev, che da più di due anni è bombardato dai missili russi, si è sentito chiedere dal “Viktator” di Budapest “un cessate il fuoco immediato”. E ha replicato piccato parlando di una “pace giusta”.

 

viktor orban e vladimir putin viktor orban e vladimir putin

E Putin? Come al solito “Mad Vlad” può gongolare di fronte alle fratture dell’Occidente. Gli Stati Uniti, con Biden che regge l’anima con i denti, non hanno evidentemente più l’autorevolezza di difendere Kiev.

 

Allo zar non resta che attendere, e sfruttare nel contempo le fratture europee. Non a caso, ieri ha rifiutato la mediazione di Erdogan, che pure nel 2022 era arrivato a una bozza di accordo per una pace piuttosto conveniente per i russi.

VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO

 

All’ex agente del Kgb, che per inquinare le acque ha fatto anche un endorsement a Marine Le Pen, non dispiacerebbe la strada scelta dal fido Orban.

 

Che peraltro, tramite i servizi segreti, avrebbe scoperto uno scandalo in grado di gettare ancora fango su Zelensky: la moglie avrebbe utilizzato per acquisti privati i fondi destinati agli aiuti all’Ucraina, come una Lady Soumahoro qualunque.

 

Calunnie, quasi certamente, che però finiranno per alimentare la macchina di propaganda del Cremlino, che negli anni ha trasformato il presidente ucraino da eroe di guerra in parassita dalla moralità discutibile…

viktor orban e vladimir putin viktor orban e vladimir putin

 

2. RADIO LIBERTY, 'ORBAN DOMANI A MOSCA DA PUTIN'

(ANSA) - "Il premier ungherese Viktor Orban è atteso a Mosca nella giornata di domani per un bilaterale con Vladimir Putin". La notizia è stata rilanciata da Radio Liberty, che cita il giornalista investigativo Szabolcs Panyi, secondo il quale una delegazione del governo ungherese sarebbe già nella capitale russa in attesa di Orban. La visita del premier al Cremlino va a cadere a stretto giro dalla prima missione di Orban e Kiev e segna l'inizio della presidenza ungherese di turno dell'Ue. Interpellate a riguardo, fonti del governo ungherese non hanno né confermato né smentito la notizia.

putin orban putin orban

 

Se confermata si tratterebbe della prima visita a Mosca di un premier dell'Ue al Cremlino da quando è iniziata la guerra.

 

A rendere particolarmente significativa la mossa di Orban c'è il dato che l'Ungheria, dal primo luglio ha assunto la guida della presidenza di turno dell'Ue. Interpellato sull'obiettivo di Orban in merito alla guerra in Ucraina, il suo portavoce Zoltan Kovacs, che è anche il commissario del governo per la presidenza Ue, si è limitato a sottolineare che il premier vuole ritagliarsi un ruolo da "facilitatore" per la fine del conflitto.

 

viktor orban vladimir putin viktor orban vladimir putin

"Orban non vuole promuovere una conferenza di pace, ma la prima priorità della presidenza è la pace", ha spiegato Kovacs. Il capo del governo di Budapest, ufficialmente, è atteso per il 5 e 6 luglio al vertice dell'Organizzazione degli Stati turchi, in Azerbaigian. Ad avvalorare la tesi secondo la quale Orban starebbe per volare a Mosca c'è un elemento: di prassi la Commissione Ue viaggia nella capitale del Paese presidente di turno nei primissimi giorni del semestre. Nel caso dell'Ungheria, tuttavia, ciò non è avvenuto e la visita dei commissari è attesa per dopo l'estate. Kovacs ha parlato di "semplici problemi di agenda" motivando il rinvio della missione dell'esecutivo Ue.

volodymyr zelensky Charles Michel volodymyr zelensky Charles Michel

 

3. MICHEL, PRESIDENZA UE NON PUÒ IMPEGNARSI CON RUSSIA PER UE

(ANSA) - "La presidenza di turno dell'Ue non ha il mandato di impegnarsi con la Russia per conto dell'Ue. Il Consiglio europeo è chiaro: la Russia è l'aggressore, l'Ucraina è la vittima. Nessuna discussione sull'Ucraina può aver luogo senza l'Ucraina". Lo dichiara su X il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Il riferimento è alle notizie sul viaggio di Viktor Orban a Mosca. (ANSA).

 

4. FONTI UNGHERIA, 'NATO RESTI ALLEANZA DIFENSIVA, STOP A KIEV'

Viktor Orban, primo ministro Ungheria Viktor Orban, primo ministro Ungheria

(ANSA) - L'accordo sull'opt-out dell'Ungheria da operazioni militari dell'Alleanza Atlantica concordato con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, e confermato da Mark Rutte, che sarà alla guida dell'Alleanza da ottobre, "è un accordo storico" e "riguarda solo la missione di coordinamento in Ucraina". Lo riferisce un funzionario ungherese. "L'Ucraina non è membro della Nato e non lo diventerà a breve" ha spiegato la stessa fonte in merito a un'eventuale adesione di Kiev all'Alleanza atlantica. "È compito della Nato - ha aggiunto - restare un'alleanza difensiva e offrire piena protezione ai suoi membri".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)