DAGOREPORT – “SANTA” E VOLUBILE: LE MILLE VERSIONI DELLA  SANTADECHÈ SULLE SUE DIMISSIONI DA MINISTRO IN CASO DI RINVIO A GIUDIZIO. ALL’INIZIO SI È DIFESA SENZA ESITAZIONI, POI HA IPOTIZZATO UN PASSO INDIETRO (“FARÒ UNA SERIA E COSCIENTE VALUTAZIONE”) E OGGI, DI NUOVO, CAMBIA SPARTITO: “NESSUNO MI HA CHIESTO DI DIMETTERMI” - PERCHÉ ONDEGGIA COSÌ TANTO? QUALI ASSI NELLA MANICA È CONVINTA DI AVERE? – NESSUN COMMENTO DALLA MELONA CHE SA BENE CHE FDI NON VEDE L'ORA DI RISPEDIRLA A CUNEO (A PARTE IL SODALE LA RUSSA) - NEL CASO IN CUI LA PITONESSA NON SI RASSEGNASSE A DIMETTERSI, E' GIA' PRONTO UN RIMPASTO DI GOVERNO DOPO LE EUROPEE: DATI IN USCITA ANCHE DELMASTRO E ZANGRILLO…- VIDEO 

-

Condividi questo articolo


DANIELA SANTANCHE ESCLUDE LE DIMISSIONI - NO A PROCESSI MEDIATICI

 

DAGOREPORT

DANIELA SANTANCHE - ATREJU DANIELA SANTANCHE - ATREJU

Difficile capire cosa passi nella testa cotonata di quella furbacchiona di Daniela Santanchè. Nei mesi scorsi, la “Pitonessa”, a proposito dell’inchiesta sulla presunta truffa relativa alla società Visibilia, che ha fondato e da cui si è dimessa nel 2022, ha avuto un atteggiamento ondivago.

 

Prima si è trincerata in un’autodifesa tetragona, poi piano piano, capendo che la Procura di Milano aveva in mano più di quanto immaginasse, la Santadeché ha iniziato a ipotizzare un passo indietro dalla guida del Ministero del Turismo fino alla dichiarazione del 23 marzo scorso, in cui, testualmente, ha detto: “Continuo ad avere fiducia nella giustizia e confido che la vicenda possa concludersi per me positivamente già con l’archiviazione da parte del pm. Tuttavia, in sede politica, dopo la decisione del gup, per rispetto del governo e del mio partito, farò una seria e cosciente valutazione”. Tradotto: in caso di rinvio a giudizio, sono pronta a dimettermi.

GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHE GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHE

 

Oggi, però, la signora Garnero, ha cambiato di nuovo spartito: “Nessuno mi ha chiesto di dimettermi. Giorgia Meloni? Ci siamo sentite, è serenissima”. Come mai Daniela Santanchè ondeggia tra un sì, un no e un nì? Quali assi nella manica è convinta di avere per blindare il suo incarico?

 

La Ducetta, che si trova a Beirut, per un incontro con il primo ministro libanese, Najib Mikati, in realtà non è affatto “serenissima”, di fronte ai guai giudiziari della ministra, che potrebbero terremotare il suo Governo.

 

Potesse intervenire subito per silurare la Santanchè, Giorgia Meloni lo farebbe, visto che l’intera base di Fratelli d’Italia non vede di buon occhio la spumeggiante imprenditrice 62enne, che non è mai stata considerata una camerata, ma un “regalo” di Ignazio La Russa, che della “Santa” è grande amico e avvocato.

DIMITRI KUNZ E DANIELA SANTANCHE DIMITRI KUNZ E DANIELA SANTANCHE

 

La Sora Giorgia tiene in considerazione gli umori delle sue truppe e, davanti all’ostinazione poltronara della ministra del Turismo, potrebbe rispondere con un benservito post-datato: un bel rimpasto di Governo dopo le elezioni europee.

 

Un’occasione ghiotta per una messa a punto al Consiglio dei ministri e a qualche posticino di sottogoverno, a partire dal sottosegretario portaguai Andrea Delmastro. Ne potrebbe approfittare anche Forza Italia per sostituire il ministro della Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, che finora ha deluso le aspettative, già non altissime, nei suoi confronti.

LA VILLA DI FORTE DEI MARMI COMPRATA E RIVENDUTA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA LA VILLA DI FORTE DEI MARMI COMPRATA E RIVENDUTA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA

 

daniela santanche dito medio daniela santanche dito medio DANIELA SANTANCHE E IGNAZIO LA RUSSA DANIELA SANTANCHE E IGNAZIO LA RUSSA LA VILLA A FORTE DEI MARMI COMPRATA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA E DA DIMITRI KUNZ FIDANZATO DI DANIELA SANTANCHE LA VILLA A FORTE DEI MARMI COMPRATA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA E DA DIMITRI KUNZ FIDANZATO DI DANIELA SANTANCHE LA VILLA A FORTE DEI MARMI COMPRATA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA E DA DIMITRI KUNZ FIDANZATO DI DANIELA SANTANCHE LA VILLA A FORTE DEI MARMI COMPRATA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA E DA DIMITRI KUNZ FIDANZATO DI DANIELA SANTANCHE LA VILLA A FORTE DEI MARMI COMPRATA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA E DA DIMITRI KUNZ FIDANZATO DI DANIELA SANTANCHE LA VILLA A FORTE DEI MARMI COMPRATA DALLA MOGLIE DI IGNAZIO LA RUSSA E DA DIMITRI KUNZ FIDANZATO DI DANIELA SANTANCHE paolo zangrillo foto di bacco paolo zangrillo foto di bacco

 

DANIELA SANTANCHE IGNAZIO LA RUSSA DMITRI KUNZ D ASBURGO A PRANZO AL BARETTO DI MILANO DANIELA SANTANCHE IGNAZIO LA RUSSA DMITRI KUNZ D ASBURGO A PRANZO AL BARETTO DI MILANO ignazio la russa e daniela santanche a cortina foto chi ignazio la russa e daniela santanche a cortina foto chi

 

 

najib mikati najib mikati

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)