1. È TUTTO MOLTO STRIANO: PERCHÉ LA COMMISSIONE ANTIMAFIA NON CONVOCA E INTERROGA IL LUOGOTENENTE DELLA GUARDIA DI FINANZA, PROTAGONISTA DEL CASO DOSSIERAGGI ABUSIVI? 
2. PERCHÉ NELLE TRE INTERVISTE STRIANO HA CAMBIATO VERSIONE (PRIMA HA DETTO DI AVER AGITO SU MANDATO DEI PM, POI DI AVER FATTO TUTTO DA SOLO, PROTEGGENDO I MAGISTRATI?
3. STRIANO È STATO AUTORIZZATO DA QUALCUNO A PARLARE CON I GIORNALISTI (COME VUOLE LA PRASSI) O SI È MOSSO IN AUTONOMIA? – PERCHE' DOPO LO SCOPPIO DEL BUBBONE, NON È STATO SOSPESO, MA SOLO TRASFERITO IN UN ALTRO REPARTO. GODE DI PARTICOLARI PROTEZIONI?
4. DOPO IL SECCO NO DELLA DUCETTA ALLA COMMISSIONE D'INCHIESTA PARLAMENTARE, CHIESTA DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO E DAL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO, VITTIMA DI DOSSIERAGGIO, IL SOSPETTO È CHE, GRAZIE ALL’INAZIONE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA GUIDATA DALLA MELONIANA CHIARA COLOSIMO, SI VOGLIA “ADDORMENTARE” IL CASO, PER…

Condividi questo articolo


 

DAGOREPORT

GAETANO PECORARO INTERVISTA PASQUALE STRIANO - LE IENE GAETANO PECORARO INTERVISTA PASQUALE STRIANO - LE IENE

L’uomo al centro del caso dossieraggi, il luogotenente della Guardia di Finanza, Pasquale Striano, dopo essere rimasto nell’ombra, ha iniziato a straparlare.

 

Striano ha rilasciato tre interviste (il 10 marzo al “Giornale”, il 15 alla “Verità” e martedì scorso, 26 marzo, alle “Iene”), in cui accenna, insinua e, oltre a discutere di argomenti coperti da segreto istruttorio, lancia messaggi in codice.

 

Striano ha cambiato versione, da colloquio a colloquio. Per esempio, parlando con Giacomo Amadori sosteneva di aver agito su mandato dei pm, poi a Gaetano Pecoraro de "Le Iene" ha detto di aver fatto tutto da solo.

 

PASQUALE STRIANO PASQUALE STRIANO

La prima anomalia nel caso Striano è che nessuno della Commissione parlamentare antimafia, guidata dalla sorella d’Italia, Chiara Colosimo, abbia avvertito il bisogno di convocarlo in audizione, nonostante sia evidente che Striano avrebbe molte cose da raccontare e spiegare, per chiarire i contorni opachi dei presunti dossieraggi.

 

Eppure, la meloniana (“tendenza Arianna”) Colosimo ha convocato addirittura Andrea de Gennaro, nominato al vertice della Guardia di Finanza il 30 maggio 2023, quindi a dossieraggi fatti e scoperti.

 

Inoltre, in molti nei palazzi romani si chiedono: ma un ufficiale della Guardia di Finanza, prima di rilasciare un’intervista, deve ottenere un permesso dai superiori, o può parlare con i giornalisti come e quando vuole? Qualcuno lo ha autorizzato a parlare o si è mosso in autonomia? Le argomentazioni di Striano sono stati “condivise” con qualcuno o è tutta farina del suo sacco?

 

I messaggi allusivi di Striano hanno certamente un obiettivo: evitare di finire come un kleenex usato ed essere l’unico caprone espiatorio della vicenda che, per bocca del procuratore antimafia Melillo, "non sembra l'iniziativa di un singolo". E forse, non a caso, nell’intervista con le “Iene” Striano ha parlato più volte di “sistema”

RAFFAELE CANTONE CHIARA COLOSIMO RAFFAELE CANTONE CHIARA COLOSIMO

 

Altra anomalia. Dopo lo scoppio del bubbone dossieraggi, Pasquale Striano non è stato sospeso, ma solo trasferito in un altro reparto. Come mai? Il luogotenente gode di particolari protezioni?

 

Quale che sia la verità, il sospetto, anche per la scarsa incisività della Commissione antimafia, è che si voglia "addormentare" il caso, evitando nuovi scandali fino alle europee del 9 giugno, che saranno, nel bene o nel male, uno spartiacque cruciale per il futuro politico di Giorgia Meloni e del suo governo.

GAETANO PECORARO INTERVISTA PASQUALE STRIANO - LE IENE 2 GAETANO PECORARO INTERVISTA PASQUALE STRIANO - LE IENE 2

GAETANO PECORARO INTERVISTA PASQUALE STRIANO - LE IENE GAETANO PECORARO INTERVISTA PASQUALE STRIANO - LE IENE

POLITICI - MANAGER E VIP SPIATI DA PASQUALE STRIANO POLITICI - MANAGER E VIP SPIATI DA PASQUALE STRIANO PASQUALE STRIANO PASQUALE STRIANO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)