DAGOREPORT! IN NOMINE VOBISCUM - RIUSCITE A IMMAGINARE CLAUDIO DESCALZI, CONSIGLIERE ASCOLTATISSIMO DI GIORGIA, CHE SI TROVA SCARONI, CON IL SUO BAGAGLIO DI RAPPORTI INTERNAZIONALI E ABILITÀ MANOVRIERE, A CAPO DELL’ENEL, SOCIETÀ CHE CAPITALIZZA PIÙ DELL’ENI? - FLAVIO CATTANEO, VISTO CHE NON C’È TRIPPA PER GATTI, SI È CHIAMATO FUORI DALLA VIA TRUCIS - FAZZOLARI NICCHIA SU LORENZO MARIANI COME CEO DI LEONARDO - LUCIANO CARTA SI AGGRAPPA ALLA GIACCHETTA DI LUCIANO VIOLANTE - PER LA CUCCAGNA DI RFI CI PENSA SALVINI….

-

Condividi questo articolo


 

ROBERTA NERI ROBERTA NERI

DAGOREPORT

Domani, nuovo tavolo per le nomine delle partecipate. Facile prevedere che, come i precedenti, anche questa volta non si concluderà niente. Schermaglie, dichiarazioni di intenti, bla-bla. Ma intanto qualcosa dovrà andare in porto: il nuovo cda di ENAV.

 

Per l’ente di assistenza al volo rischia di ritrovarsi con il ritorno di Roberta Neri, vista la penuria di donne ai posti di comando che fa sbuffare la Ducetta (chissà dove hanno la testa i famosi cacciatori di teste: manager in gonnella capaci ce ne sono eccome). Altrimenti ci sono i candidati col testosterone come Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità portuale di Palermo.

flavio cattaneo sabrina ferilli foto di bacco (1) flavio cattaneo sabrina ferilli foto di bacco (1)

 

Tra autocanditature e manovre per affondare gli avversari, va registrato Flavio Cattaneo che, visto che non c’è trippa per gatti, si è chiamato fuori dalla Via Trucis delle nomine. Mentre non demorde Paolino Scaroni dalla sua battaglia per occupare la poltrona di presidente dell’Enel. Dopo il pesantissimo articolo de “La Stampa” di sabato sui rapporti Gazprom-Mentasti-Berlusconi, le speranze sono al lumicino. 

PAOLO SCARONI - SILVIO BERLUSCONI - ALEXEY MILLER - VLADIMIR PUTIN PAOLO SCARONI - SILVIO BERLUSCONI - ALEXEY MILLER - VLADIMIR PUTIN

 

Comunque deve essere chiaro che Claudio Descalzi, consigliere ascoltatissimo di Giorgia, non avrebbe mai gradito di trovarsi uno Scaroni, con il suo bagaglio di rapporti internazionali e abilità manovriere, a capo dell’Enel, società che capitalizza più dell’Eni. Sa bene che il vispo 76enne manager veneto finirebbe dopo 15 minuti a pestare i piedi nell’orticello del cane a sei zampe, pontificando di idrogeno, energia rinnovabili e nuove tecnologie. 

 

Descalzi Scaroni Descalzi Scaroni

Stesso discorso vale per l’ambizione espansa di Cattaneo che ha addirittura squadernato alla Meloni un fantasioso progetto di fusione Eni-Enel, sottolineando come le due aziende abbiano in comune molte attività, quindi andrebbero razionalizzate in un unico mega-gruppo. Destinata all’angolo del buonumore, invece, l’indiscrezione del “Foglio” sulla proposta della Lega di spedire alla presidenza dell’Eni l’europarlamentare no-euro leghista Antonio Maria Rinaldi. Nessun vuol capire che il presidente del cane a 6 zampe se lo sceglierà Descalzi in persona.

MELONI FAZZOLARI MELONI FAZZOLARI

 

Sul fronte Leonardo, per ora, si registra un Fazzolari poco favorevole a Lorenzo Mariani come Ceo: lo ritiene fragile come esperienza gestionale di una azienda così complessa. Meglio Cutillo, attualmente a capo degli elicotteri varesini Agusta Westland. Vista che traballa pericolosamente la poltrona di presidente di Leonardo, Luciano Carta si è aggrappato alla giacchetta di Luciano Violante, che è in buoni rapporti con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano. Il paradosso è che due vecchi amici come Carta e Zafarana, ambedue generali della Finanza, ora si ritrovano l’uno contro l’altro.

Giuseppe Lasco e Matteo Del Fante Giuseppe Lasco e Matteo Del Fante

 

Altro giro: Poste Italiane. La Meloni non ha più dubbi sulla riconferma del duplex Del Fante-Lasco. Mentre per le poltrone in ballo delle Ferrovie, RFI e Trenitalia, la prima destinata a intascare 27 miliardi di Pnrr, è una pratica destinata a Matteo Salvini, che di infrastrutture è il Ministro Storto (dal nome de suo capo di gabinetto). 

 

STEFANO SIRAGUSA STEFANO SIRAGUSA

Per la cuccagna di RFI ci affidiamo alle parole di Fittipaldi sul “Domani”: ‘’è assai improbabile l’arrivo di Stefano Siragusa, ex Tim e amico di Bisignani, Salvini ha invece già incontrato gli “interni” Vincenzo Macello e Umberto Lebruto. Manager esperti che conoscono perfettamente la rete ferroviaria, ma che sono ancora imputati insieme a una decina di tecnici nel processo per il disastro ferroviario di Pioltello”.

 

In merito al trasloco di Tomasi, ad di Aspi (ex Autostrade), a posto di Ferraris va detto che non si è mai un manager che intasca un milione e 100 mila l'anno decidere di finire a guadagnare 240 mila. Secondo: per spostare Ferraris da Ferrovie all'Enel al posto del predestinato Donnarumma occorre anzitutto che si dimetta subito affinché possa essere collocato nella liste del Mef dei candidati. Due ipotesi ben lontane dalla realtà.

 

 

antonio maria rinaldi foto di bacco (1) antonio maria rinaldi foto di bacco (1) PIERO CUTILLO PIERO CUTILLO luciano carta presidente di leonardo foto di bacco luciano carta presidente di leonardo foto di bacco luciano violante ugo zampetti luciano violante ugo zampetti vincenzo macello vincenzo macello PASQUALINO MONTI PASQUALINO MONTI LORENZO MARIANI MBDA LORENZO MARIANI MBDA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?