DAGOREPORT - È PARTITA LA MANOVRA REPUBBLICANA PER ABBATTERE DONALD TRUMP: UNA VOLTA FATTO FUORI IL PUZZONE, È IL TURNO DELLA "COMETA" NIKKI HALEY. "GIOVANE", DONNA, DI ORIGINI INDIANE, CONTRO DI LEI BIDEN NON AVREBBE SPERANZE - "SLEEPY JOE" SI GIOCA TUTTO SULLA FINE DELLE GUERRE IN UCRAINA E A GAZA: PER QUESTO HA RIMESSO A POSTO NETANYAHU, E APPARECCHIA UN ACCORDO TRA PUTIN E ZELENSKY. PER CONVINCERE L'EX COMICO UCRAINO A CEDERE CRIMEA E UNA PARTE DEL DONBASS A "MAD VLAD", GLI STATI UNITI SGANCERANNO UN GROSSO CONTRIBUTO ECONOMICO - L'INCONTRO CON XI JINPING E LA "MINACCIA" AL GOVERNO DI KIEV...

-

Condividi questo articolo


TRUMP E NIKKI HALEY TRUMP E NIKKI HALEY

DAGOREPORT

È partita la manovra dei vecchi volponi repubblicani per abbattere Donald Trump. Il corpaccione del “Grand Old Party” è stufo delle intemperanze dell’ex puzzone della Casa Bianca, e vuole evitare a tutti i costi che non sia lui il candidato che si frapporrà a Joe Biden, il prossimo anno. L’obiettivo non è difficile: basta lasciare che i numerosi processi in cui è coinvolto “The Donald” facciano il loro corso.

 

Una volta estromesso per via giudiziaria Trump, l’unica alternativa credibile, all’interno del Partito, non è più l’ex golden boy della Florida, Ron DeSantis, ma Nikki Haley. “Giovane” (ha 51 anni), di origini indiane, e molto “istituzionale”: è stata governatrice della Carolina del Sud e poi ambasciatrice degli Usa presso le Nazioni Unite. Il suo profilo attrae molto i “big donors” del Partito: non a caso, ha ricevuto l’endorsement di Jamie Dimon, amministratore delegato di Jp Morgan.

 

jamie dimon 8 jamie dimon 8

Ma l’appoggio principale che ha ottenuto la Haley è quello della dinastia Bush. A muoversi ufficialmente è stato Jonathan, cugino dell’ex presidente, George W., e amministratore delegato di una startup di dati sanitari, che ha ospitato una raccolta fondi virtuale e sostiene che Nikki sia l’unica in grado di battere Trump.

 

Non solo: i repubblicani sanno benissimo che il profilo autorevole ma inedito di Nikki Haley, donna, con il suo profilo etnico misto, sarebbe una pietra tombale anche per le speranze di rielezione di Joe Biden.

 

JONATHAN BUSH JONATHAN BUSH

I sondaggi attuali, che analizzano soltanto uno scontro tra l’attuale presidente e Donald Trump, sono “deviati” dalle due guerre, a Gaza e in Ucraina.

 

Per questo, Joe Biden ha tirato fuori gli artigli da decisionista e ha fatto la voce grossa con Netanyahu. Il premier israeliano ha dovuto abbassare il capino di fronte all’ultimatum americano: o la finisci qui, o ti puoi sognare altri aiuti da parte nostra. E così, “Bibi” ha dato il suo assenso alla tregua e al rilascio degli ostaggi.

 

netanyahu biden netanyahu biden

Ottenuto un primo, fragile, risultato in Israele, Joe Biden deve però ottenere un’altra, vera vittoria: la fine, o quantomeno un “congelamento” del conflitto in Ucraina.

 

Secondo il tabloid tedesco “Bild”, gli Stati Uniti, insieme alla Germania (in grossa crisi economica dopo la sentenza della Corte Costituzionale sulla manovra), pensano di constringere Zelensky a trattare con Putin, semplicemente riducendo le forniture di armi.

 

joe biden e volodymyr zelensky - armi all ucraina -vignetta osho joe biden e volodymyr zelensky - armi all ucraina -vignetta osho

Washington ha fatto un’offerta onorevole all’ex comico ucraino: hanno promesso un cospicuo contributo economico al governo ucraino, così da dare un vantaggio strategico a Kiev, e costringere il presidente a fare un accordo onorevole con il dirimpettaio russo. La trattativa si muove sempre sui soliti punti: la Crimea e una parte del Donbass dovranno rimanere alla Russia (come già, di fatto, lo erano prima dell’invasione).

 

PUTIN ZELENSKY PUTIN ZELENSKY

Quel volpone di “Sleepy Joe” è più lucido di quanto sembri. Sa benissimo che anche gli ucraini non ne possono più dei bombardamenti e delle trincee, e per questo ha minacciato Zelensky di indire un referendum sulla questione nel Paese. Un referendum che per il buon Volodymyr sarebbe una sconfitta totale, considerando che, secondo i sondaggi, il 74% dei suoi concittadini è a favore della fine del conflitto.

 

XI JINPING E JOE BIDEN XI JINPING E JOE BIDEN

Per Zelensky sarebbe la fine della sua carriera politica, ma sa che non c’è altra via d’uscita. Per questo, dovrà rimangiarsi quello che ha sempre detto, cioè che non c’è pace “finché tutti i territori occupati non torneranno all’Ucraina”. Una volta chiuso l’accordo, il prode Zelensky durerà quanto un gatto in tangenziale. Sarà difficile rispondere di queste contraddizioni di fronte al suo popolo, che avrebbe perso centinaia di migliaia di soldati invano. Dopo un anno, al massimo due, Ze dovrà tornare a fare televisione.

 

Ps. L’incontro di San Francisco tra Biden e Xi Jinping, e il successivo vertice tra Pechino e i Paesi arabi, sono andati benissimo. I leader delle due più grandi potenze del mondo hanno deciso di portare a termine la loro “operazione di stabilizzazione speciale”, per far tornare la pace nel mondo tormentato da una crisi economica durissima, dovuta alle due guerre.

 

nikki haley 3 nikki haley 3

Per entrambi, è una necessità: gli Stati Uniti, a differenza dell’Europa (che “paga” solo per il conflitto in Ucraina) non possono permettersi di gestire due fronti così costosi, contemporaneamente. E per il Dragone, inviluppato in una recessione drammatica, serve tornare a fare quello che sa fare meglio: conquistare il mondo, sì, ma con la manifattura a basso costo. Sempre meglio delle armi…

 

 

 

 

2. HALEY POTREBBE DAVVERO BATTERE TRUMP? I GRANDI DONATORI OSANO SOGNARE

Traduzione dell’articolo di Kate Kelly and Rebecca Davis O’Brien per www.nytimes.com

 

Alla fine del mese scorso, Nikki Haley, ex ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha ricevuto una telefonata inaspettata da Jamie Dimon, amministratore delegato di JPMorgan Chase.

 

nikki haley ron desantis dibattito repubblicano a miami nikki haley ron desantis dibattito repubblicano a miami

Dimon ha detto di essere rimasto impressionato dalla conoscenza di Nikki Haley dei “dettagli” sulle policy pubbliche, e dal suo approccio aperto alle complesse questioni sollevate nella corsa presidenziale repubblicana, secondo quanto riferito da una persona che ha familiarità con ciò che hanno discusso. Continuate così, le ha detto.

 

Non è stato l'unico peso massimo dell'economia a dirlo. Nelle ultime settimane, un gruppo di amministratori delegati, investitori di hedge fund e responsabili di accordi aziendali di entrambi i partiti ha iniziato a gravitare verso la signora Haley e, in alcuni casi, a scavare più a fondo nelle proprie tasche per aiutarla.

 

TRUMP E NIKKI HALEY TRUMP E NIKKI HALEY

La sua ascesa nei sondaggi e le ottime performance nei dibattiti hanno suscitato nei repubblicani la speranza di aver trovato un candidato in grado di porre fine al dominio dell'ex presidente Donald J. Trump.

 

"Sono ben lontano dal decidere - qualcosa potrebbe cambiare - ma sono molto colpito da lei", ha dichiarato Kenneth G. Langone, il miliardario cofondatore di Home Depot, che ha fatto una donazione alla campagna di Haley e sta pensando di farne altre. "Penso che sia una candidata valida. Sicuramente la preferirei a Trump".

 

JONATHAN BUSH CON GEORGE BUSH SENIOR JONATHAN BUSH CON GEORGE BUSH SENIOR

Il nuovo appello della signora Haley alla folla dei finanzieri arriva in un momento critico della corsa per la nomination, quando cioè un'eco positiva e un flusso di denaro costante sono vitali per la sopravvivenza di un candidato. A meno di otto settimane dai caucus dell'Iowa, la campagna della signora Haley e i comitati politici alleati hanno bisogno di denaro per pagare viaggi, pubblicità, personale e una campagna di sensibilizzazione per attirare potenziali elettori.

 

Alcuni imprenditori dicono di apprezzare la sua attenzione alla riduzione delle tasse e della spesa pubblica. Altri lodano le sue capacità in politica estera e la sua ricerca di un messaggio repubblicano vincente sui diritti dell'aborto, su cui ha cercato un percorso moderato ma che recentemente ha virato a destra: Haley ha detto che avrebbe firmato un divieto di sei settimane come governatore della Carolina del Sud.

 

nikki haley 2 nikki haley 2

Molti dicono di vederla come un'alternativa gradita a Trump, che incolpano di aver incitato alla violenza del 6 gennaio 2021, di essere costato ai repubblicani la maggioranza al Senato nelle elezioni di metà mandato dello scorso anno e di essere troppo volubile come comandante in capo. La preferiscono anche al presidente Biden, le cui politiche economiche e la cui età sono state citate da molti come una preoccupazione.

 

"È rinvigorente essere di nuovo entusiasti di un candidato", ha dichiarato Jonathan Bush, amministratore delegato di una startup di dati sanitari e cugino dell'ex presidente George W. Bush. Ha ospitato una raccolta fondi virtuale per la signora Haley all'inizio di novembre.

 

Bush, un repubblicano che ha votato per Biden nel 2020 e per Gary Johnson, il candidato libertario, nel 2016, ha detto di essere stato colpito dalla sua conoscenza e dalla sua postura.

biden netanyahu 2 biden netanyahu 2

 

"L'argomento su cui tutti si concentrano è: "Come si batte Donald Trump?"". Bush", ha detto, "e lei è stata attenta a dire: "Guardate, la gente deciderà su di lui, ma questo è il mio punto di vista su alcune questioni". E ha elencato alcune questioni, relative al nostro debito, al nostro ruolo nel mondo. Ma si è percepita un'energia elettrica", ha aggiunto, "che credo abbia entusiasmato la folla".

 

Ma anche con lo slancio della signora Haley, fermare la marcia apparentemente inesorabile di Trump verso la nomination repubblicana promette di essere un'impresa ardua. Con un ampio margine di vantaggio nei sondaggi nazionali e nei primi Stati, l'ex presidente sta correndo come fosse un “incumbent”, con legioni di sostenitori pronti a votare solo per lui.

 

DONALD TRUMP TIM SCOTT DONALD TRUMP TIM SCOTT

Diversi donatori e consiglieri hanno descritto due gruppi che si stanno formando tra i maggiori donatori di denaro:

 

In primo luogo, coloro che hanno ceduto alla probabilità che Trump, a prescindere da ciò che pensano di lui, sarà probabilmente il candidato, e hanno deciso di smettere di finanziare potenziali alternative. In secondo luogo, coloro che ritengono che, con sufficienti risorse finanziarie e un'abile operazione sul campo, la signora Haley potrebbe spodestarlo.

 

Nonostante le grandi probabilità, i suoi sostenitori finanziari dicono di vedere un percorso verso la vittoria.

 

"C'erano persone a cui Trump non piaceva affatto, ma che erano molto scettiche sul fatto che potesse essere fermato", ha detto Eric Levine, un raccoglitore di fondi repubblicani che dirige le pratiche di bancarotta e contenzioso di Eiseman Levine Lehrhaupt & Kakoyiannis. "Ora credono che possa essere fermato", ha detto, sottolineando la costante ascesa della signora Haley nei sondaggi.

 

 

nikki haley 4 nikki haley 4

Levine, che inizialmente aveva appoggiato il senatore Tim Scott della Carolina del Sud, ha organizzato una raccolta fondi per Haley il 4 dicembre. "La sua aura di invincibilità (di Trump, ndR) è completamente svanita", ha detto. Una portavoce della campagna della signora Haley ha rifiutato di commentare.

 

La sua campagna ha dichiarato di aver raccolto 1 milione di dollari nelle prime 24 ore dopo l'ultimo dibattito del 9 novembre, in cui si è distinta per le sue posizioni da falco sull'Ucraina e su Gaza e per aver liquidato in modo sprezzante Vivek Ramaswamy, un rivale che ha definito "feccia".

 

Anche se i numeri della raccolta fondi per il quarto trimestre non sono ancora stati resi noti, le interviste con circa 20 dirigenti finanziari e aziendali suggeriscono che presto arriveranno altri assegni consistenti.

 

Vivek Ramaswamy e nikki haley al dibattito dei candidati repubblicani Vivek Ramaswamy e nikki haley al dibattito dei candidati repubblicani

La cassa di 11,6 milioni di dollari della signora Haley è già stata rafforzata dai contributi alla campagna di ricchi dirigenti di Wall Street, tra cui il gestore di fondi Stanley Druckenmiller e l'investitore di private equity Barry Sternlicht.

 

"Sostengo Nikki perché penso che la nazione abbia bisogno di superare le divisioni e le paure dell'estrema destra e sinistra", ha detto Sternlicht. "Inoltre, scelgo un volto nuovo, una persona più giovane che rifletta in modo più accurato la nazione".

 

Timothy Draper, un venture capitalist californiano, è stato uno dei primi sostenitori, versando 1,25 milioni di dollari in un super PAC a suo sostegno. Nelle ultime settimane, ha dichiarato, ha raccolto l'interesse di democratici e repubblicani e, in particolare, di molte donne. "Penso che possa unire il Paese", ha detto.

Kenneth C. Griffin Kenneth C. Griffin

 

La signora Haley si è intrattenuta con Gary D. Cohn, l'ex presidente di Goldman Sachs che è stato il principale consigliere economico di Trump nello stesso periodo in cui la signora Haley era ambasciatrice alle Nazioni Unite, e con il banchiere d'investimento Aryeh Bourkoff, che ha organizzato per lei una raccolta fondi a Manhattan il 14 novembre.

 

Il suo team sta discutendo con i rappresentanti di Kenneth C. Griffin, miliardario fondatore di un hedge fund, su argomenti che vanno dall'aumento dell'accesso degli studenti a un'istruzione di alta qualità a come garantire una forte difesa nazionale, secondo quanto riferito da una persona informata sulle loro discussioni.

 

gary cohn jared kushner ivanka trump gary cohn jared kushner ivanka trump

Griffin ha recentemente dichiarato a Bloomberg News di stare "considerando attivamente" il suo sostegno, ma non ha ancora preso una decisione.

 

I sostenitori della signora Haley, così come alcuni osservatori repubblicani, ritengono che se riuscisse ad avvicinarsi a DeSantis in Iowa o addirittura a superarlo per il secondo posto, potrebbe entrare nelle elezioni primarie del New Hampshire, la settimana successiva, con un vero slancio. Se riuscisse a raccogliere il sostegno degli elettori indipendenti dello Stato, aggiungono alcuni di loro, potrebbe avere la possibilità di battere Trump.

 

nikki haley 1 nikki haley 1

"C'è la possibilità nei prossimi mesi di vincere il New Hampshire", ha detto Bush, che ha intenzione di formare un comitato d'azione politica per promuovere la signora Haley presso gli elettori indipendenti del Granite State, non lontano da dove vive lui, nel Maine.

 

Bush intende anche ripetere la sua raccolta fondi virtuale per presentarla a nuovi donatori senza chiederle di dedicare tempo inutile a un cocktail party. (Ha detto di aver invitato i cugini Bush all'evento di novembre, ma che nessuno di loro ha partecipato).

 

gary cohn donald trump gary cohn donald trump

Un'inversione di tendenza nel New Hampshire potrebbe anche spostare l'ago della bilancia durante le primarie del 24 febbraio nello Stato di origine della signora Haley, la Carolina del Sud, dove è stata governatore prima di lavorare nell'amministrazione Trump. Lì è al secondo posto nei sondaggi, con un forte distacco dall'ex presidente.

 

La snellezza della campagna della signora Haley è diventata un vantaggio. Nel terzo trimestre, la sua campagna ha speso 3,5 milioni di dollari, circa 43 centesimi per ogni dollaro incassato, una percentuale di gran lunga inferiore a quella di candidati come DeSantis e Scott, che si è ritirato questo mese.

 

nikki haley nikki haley

Alcuni dirigenti di Wall Street, molti dei quali si concentrano sulla spesa pubblica e sul debito, notano con favore che la signora Haley vola in gran parte in pubblicità.

 

Per alcuni donatori di alto livello, l'apertura alla signora Haley deriva dalla disperazione. "Prenderei chiunque non abbia più di 76 anni o non sia pazzo", ha detto Michael Novogratz, amministratore delegato della società di criptovalute Galaxy Digital, un ex sostenitore di Biden che ora sta esplorando sia la signora Haley che il rappresentante Dean Phillips, il democratico del Minnesota che sta organizzando un'ultima corsa per la nomination del suo partito. Novogratz ha detto che Trump è troppo divisivo e che Biden è troppo vecchio.

 

La signora Haley è una persona che potrebbe sostenere, così come l'ex governatore del New Jersey Chris Christie. "Purtroppo", ha aggiunto, "non vedo nessuno dei due battere Trump".

gary cohn gary cohn donald trump gary cohn donald trump gary cohn

jamie dimon 6 jamie dimon 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP