DAGOREPORT! - LA PRESENZA DI FLAVIO CATTANEO ALLO SCIAGURATO FESTONE SALVINIANO HA FATTO RUMORE TRA TUTTI COLORO CHE SON SOSPESI IN ATTESA CHE IL GOVERNO LICENZI LA LISTA DELLE NOMINE DELLE AZIENDE PARTECIPATE DALLO STATO, PREVISTA TRA IL 20 E IL 25 MARZO. AL FINE DI LASCIARE UN’IMPRONTA DEL SUO GENIO MANAGERIALE, MISTER FERILLI AVEVA PUNTATO SULL’ENEL (MA QUI MELONI VUOLE DONNARUMMA), QUINDI HA RIVOLTO LE SUE UNGHIE SU POSTE. IN BARBA ALLA DUCETTA PIJO-TUTTO, TUTTO PUÒ ACCADERE. BASTA VEDERE COME È TERMINATA LA BATTAGLIA PER LA GIUNTA LOMBARDA, CON IL SUCCESSO DI SALVINI…

-

Condividi questo articolo


MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI - VIGNETTA BY ALTAN MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI - VIGNETTA BY ALTAN

DAGOREPORT

Lo sciagurato festone salviniano – sciagurato perché la cultura del potere prevede un sacro comandamento: l’opportunità – ha visto brillare la presenza di Flavio Cattaneo, affiancato dalla sua Ferilli. Invitato alla festa da Salvini (Sabrina Ferilli è nelle grazie di Francesca Verdini, nel suo ruolo di producer cinematografica), la presenza di Kit Cat ha fatto rumore tra tutti coloro che son sospesi in attesa che il governo licenzi la lista delle nomine delle aziende partecipate dallo Stato prevista tra il 20 e il 25 marzo.

 

Al fine di lasciare un’impronta del suo genio manageriale al comando dell’Enel, società che è gravata di 70/80 miliardi di debiti ed ha urgente bisogno di un nuovo corso, Cattaneo ha riannodato i fili con il suo mentore Ignazio La Russa, ha poi incontrato Giorgia Meloni. Risultato: zero. 

 

flavio cattaneo salvini flavio cattaneo salvini

A quanto si vocifera tra gli “addetti ai livori”, la Ducetta lo reputa “inaffidabile” in quando, un anno fa, alla Convention milanese di Fratelli d’Italia, Cattaneo dette buca impegnato com’era sul fronte Generali Assicurazioni per conto di Caltagirone. Quindi ha allacciato un rapporto con il capo leghista che ormai fa da portavoce anche di Berlusconi, e insieme stanno fronteggiando, con successo, le voglie pigliatutto di “Io sono Giorgia”.

 

Basta vedere come è terminata la battaglia per la giunta lombarda, con Salvini che è riuscito a farsi dare 5 assessori alla Lega, ai quali però si aggiungono 2 in quota Lista Fontana, 2 a Forza Italia, contro i 7 ai Fratelli d’Italia. Eppure nelle urne il risultato del centrodestra ha dato come primo partito Fratelli d'Italia col 25,18%, la Lega al 16,53%, Lista Fontana 6,2, Forza Italia al 7,23. Non solo, il Capitone ha pure messo il veto a Romano La Russa come vice-presidente.

ignazio la russa e daniela santanche a cortina foto chi ignazio la russa e daniela santanche a cortina foto chi

 

Un successo, quello di Salvini, che ha origine dal fatto che viene riconosciuto come supremo capo della Lega (solo Zaia si può permettere di contraddirlo ma unicamente per ciò che riguarda il Veneto). Mentre il monolite di Fratelli d’Italia, epoca via della Scrofa, non esiste più diviso tra varie correntine (La Russa-Santadeché, Rampelli, Fazzolari, Donzelli), ognuno con il proprio orticello da preservare.

 

Tornando a Mister Ferilli. Dopo che l’improvvida Meloni ha annunciato mesi fa la scelta di voler nominare a capo dell’Enel il fidato Stefano Donnarumma al posto di Starace (con Paolo Scaroni presidente in quota Lega/Forza Italia), Cattaneo avrebbe rivolto le sue attenzioni verso la poltrona di Del Fante alle Poste, dove però non c’è bisogno di alcun piano di rilancio perché l’azienda va bene ed è stato lanciato recentemente “Poste Energia” su luce e gas. 

sabrina ferilli flavio Cattaneo sabrina ferilli flavio Cattaneo

 

Più drammatiche si presentano le nomine di Leonardo, dove troviamo una folla di pretendenti all’incarico di Ad al posto di Alessandro Profumo: Cingolani (by Meloni), Mariani (by Crosetto), Cutillo (by Salvini). Si rincorrono poi le voci che insieme all’amministratore delegato cambierà anche il presidente, cioè Carta. Ed uno dei papabili è un altro generale delle Fiamme Gialle, Giuseppe Zafarana, il cui mandato è in scadenza.

 

GIORGIA MELONI E LE NOMINE BY MACONDO GIORGIA MELONI E LE NOMINE BY MACONDO

Come finirà la battaglia delle nomine? Finirà come per le recenti giunte regionali lombarde e laziali: si apriranno vari tavoli, si prenderanno tutti a cazzotti, ma si capirà finalmente su quali nomi si attestano i tre partiti di maggioranza. Dopodiché si incontreranno i tre caballeros Meloni-Salvini-Berlusconi ed uscirà la fatidica fumata bianca. 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA