DIRE CHE I RAPPORTI TRA MATTARELLA E MELONA SONO PRECIPITATI E' UN PIETOSO EUFEMISMO
ALL'INIZIO IL COLLE (E DRAGHI) NON ERANO OSTILI A UNA PREMIER IN MODALITA' "DRAGHETTA" - MA IL PASSATO NON PASSA: ED ECCO I LA RUSSA, I FAZZOLARI, I DONZELLI, I DELMASTRO CHE PER ANNI ERANO IN ATTESA DELLA RIVINCITA. CASSATA LA ''DRAGHETTA'', VIENE AVANTI LA "DUCETTA"
- A QUEL PUNTO E' SCESO IL SIPARIO E L'UNO-DUE SFERRATO DAL COLLE SU MANGANELLI DI PISA E PIANO MATTEI NON È CHE L'INIZIO - DOPO LE EUROPEE, SERGIO MATTARELLA, IN DUPLEX CON MACRON, AVRA' UN RUOLO ENORME PER METTERE L'ITALIA AL RIPARO DA SBANDATE SOVRANISTE
- UN COMMISSARIO ALLA DIFESA EUROPEA SARA' IL PRIMO ATTO DEL PROGRAMMA DI URSULA...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

mattarella meloni mattarella meloni

All’inizio della legislatura, ottobre 2022, Sergio Mattarella non era per nulla ostile a Giorgia Meloni e al governo di destra-centro.

 

Sia lui che Mario Draghi volevano aiutare la premier a orientarsi nel procelloso mare del governo e dei rapporti internazionali, tant’è che nelle primissime settimane la Sora Giorgia si travestì da “Draghetta”, mostrando una cautela sorprendente e una prudenza molto democristiana. Anche perché la finanziaria riuscì a passare l'esame di Bruxelles solo grazie a Draghi che, in sostanza, l'aveva messa a punto.

 

fazzolari meloni fazzolari meloni

I mesi successivi, però, hanno lasciato emergere il suo vero volto: una Ducetta piena di spigoli, accentratrice e diffidente, ossessionata da congiure e tradimenti. Come nel film di Al Pacino "Carlito's Way", il passato ha bussato alla porta, con in mano vecchie cambiali da riscuotere: ed ecco i La Russa, i Fazzolari, i Donzelli, i Delmastro. Tutto quella vecchia Fiamma, ex Fronte della Gioventù, che per un paio di decenni è rimasta sul marciapiede di Via della Scrofa in attesa della rivincita.

 

Il cipiglio molto mal-destro mostrato da Palazzo Chigi, da "Fascio tutto io!", ha via via sempre più indispettito Mattarella, che, da siciliano vero, se l’è legata al dito, mostrando un atteggiamento sempre più aspro nei confronti dell’esecutivo. Un sentiment del Quirinale che ha trovato subito la complicità del Deep State, dalla Corte dei Conti alla Ragioneria generale dello Stato.

 

giorgia meloni sergio mattarella vertice italia africa giorgia meloni sergio mattarella vertice italia africa

L’ennesima riprova di tale conflitto è l’ultimo uno-due sferrato al mento della Melona: prima l’affondo contro le manganellate della polizia agli studenti di Pisa, sabato.

 

Ala durissima dichiarazione del Capo dello Stato - (“Il Presidente della Repubblica ha fatto presente al Ministro dell'Interno, trovandone condivisione, che l'autorevolezza delle Forze dell'Ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni. Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento”) - la risposta della premier è stata quella di delegare Donzelli a esprimere solidarierà alla... Polizia. 

CLAUDIO DESCALZI E GIORGIA MELONI CLAUDIO DESCALZI E GIORGIA MELONI

 

Un assordante silenzio, quello della "Nana bionda", che nasce dal fatto che il giustizialismo antico di Fratelli d'Italia non vuole abbandonare le Forze dell'Ordine in mano all'eterno nemico, Salvini. 

 

Poi il ceffone ancora più sonoro, ma sottovalutato dai media, sul piano Mattei, con l’invito a non escludere l’Unione europea dal fantomatico progetto per l’Africa (“E' urgentissimo definire un nuovo patto d'immigrazione e d'asilo e stringere intese con i Paesi di origine e transito […] Il governo ha lanciato il piano per collaborare con i paesi del continente africano in una maniera che coinvolga l'intera Unione europea”).

balilla - manganelli rigati - meme balilla - manganelli rigati - meme

 

Uno schiaffo del Colle alla arrogante mitomania della sora Giorgia, che immaginava, attraverso l’Eni, di poter metter in riga 50 paesi africani e trasformare l’Italia in un indispensabile ponte tra il continente nero e il vecchio, senza passare per i Macron e gli Scholz.

 

L’altro dispetto di Mattarella all'ex fan ballerina di Michael Jackson sta nell’inossidabile rapporto con Gianni Letta, più che detestato dall’entourage di Fratelli d’Italia e invece da sempre ben accolto tra le stanze damascate del Quirinale.

 

Un asse che ha portato nuovamente frutti: nella scelta dei suoi vicesegretari, infatti, Tajani ha scelto anche Deborah Bergamini, che è stata scelta da Marina Berlusconi e dall'Eminenza Azzurrina per raccogliere l’ereditàdi Letta come ambasciatrice con i poteri romani. Tajani, che di sicuro non avrebbe scelto Bergamini come vice, ha fatto buon viso a cattivo gioco. Del resto, l'ex monarchico è a capo di Foirza Italia solo per il suo forte rapporto con il Partito Popolare Europeo. Punto. 

 

giorgia meloni ursula von der leyen sergio mattarella vertice italia africa giorgia meloni ursula von der leyen sergio mattarella vertice italia africa

Il presidente della Repubblica, come molti, sta aspettando il 9 giugno. Sa che dalle urne europee dipendono le sorti del Governo, del Paese e dell’intera Unione. Dopo il voto Mattarella avrà un ruolo enorme . Sarà lui, e non Giorgia Meloni, a interloquire da pari grado, ad esempio, con Emmanuel Macron. I due presidenti, che hanno un rapporto speciale e si rispettano, hanno suggellato questa intesa con il Trattato del Quirinale, era Draghi.

 

Toccherà al Colle tenere l’Italia al riparo da pericolosi sbandamenti sovranisti, anche perché la candidata numero uno alla presidenza della Commissione, cioè l’uscente Ursula von der Leyen, ha già chiarito che il perimetro della sua nuova maggioranza non cambierà rispetto a quello attuale.

 

 

 

 

mario draghi all ecofin di gand, in belgio mario draghi all ecofin di gand, in belgio

ROBERTA METSOLA - MARIO DRAGHI ROBERTA METSOLA - MARIO DRAGHI mario draghi mario draghi giorgia meloni ursula von der leyen sergio mattarella vertice italia africa giorgia meloni ursula von der leyen sergio mattarella vertice italia africa GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN A FORLI GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN A FORLI

LA NOTA DI SERGIO MATTARELLA SULLE MANGANELLATE DELLA POLIZIA A PISA LA NOTA DI SERGIO MATTARELLA SULLE MANGANELLATE DELLA POLIZIA A PISA

EVITA DE' NOALTRI - VIGNETTA BY MACONDO EVITA DE' NOALTRI - VIGNETTA BY MACONDO SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”