DE VITO È VIVO E LOTTA IN CAMPIDOGLIO - IL GRILLINO DA DUE GIORNI NON È PIÙ AI DOMICILIARI, OGGI È TORNATO AL COMUNE DI ROMA E PRESIEDE L'ASSEMBLEA CAPITOLINA. AI SENSI DELLA LEGGE SEVERINO, OLTRE ALLA MISURA CAUTELARE DECADE ANCHE LA SOSPENSIONED DALLE SUE CARICHE PUBBLICHE - GELO DEI GRILLINI ROMANI

-

Condividi questo articolo

 

Da www.leggo.it

marcello de vito marcello de vito

 

Dagli arresti domiciliari allo scranno più alto dell'Assemblea capitolina. Marcello De Vito, sospeso a marzo dal prefetto dopo l’arresto per la vicenda dello stadio di Tor di Valle, secondo quanto risulta a Leggo, da oggi a sorpresa presiede nuovamente il Consiglio comunale di Roma.

 

Marcello De Vito, presidente del'Assemblea capitolina, espulso dal M5S, è stato arrestato con l'accusa di corruzione nel marzo scorso in uno dei filoni dell'indagine relative al nuovo stadio della Roma. De Vito è tornato libero lo scorso 19 novembre su decisone del tribunale di Roma accogliendo una istanza del difensore Angelo Di Lorenzo. Per lui il processo è stato fissato con rito immediato per il prossimo dicembre.

 

 

ROMA: DECADE SOSPENSIONE DE VITO, TORNA PRESIDENTE

 (ANSA) - Ai sensi della Legge Severino "a seguito dell'ordinanza di revoca degli arresti domiciliari per Marcello De Vito decade la sospensione della carica di consigliere e presidente dell'Assemblea capitolina e vengono meno le condizioni per la supplenza del consigliere Roberto Allegretti, il cui mandato ha termine". Lo ha annunciato in apertura di Assemblea Capitolina la vicepresidente del consiglio, Sara Seccia. De Vito torna dunque ad essere presidente del Consiglio Comunale di Roma.

MARCELLO DE VITO ROBERTA LOMBARDI MARCELLO DE VITO ROBERTA LOMBARDI MARCELLO DE VITO MARCELLO DE VITO MARCELLO DE VITO MARCELLO DE VITO ROBERTA LOMBARDI MARCELLO DE VITO VITO CRIMI ROBERTA LOMBARDI MARCELLO DE VITO VITO CRIMI MARCELLO DE VITO VIRGINIA RAGGI MARCELLO DE VITO VIRGINIA RAGGI MARCELLO DE VITO E VIRGINIA RAGGI MARCELLO DE VITO E VIRGINIA RAGGI

 

Condividi questo articolo

politica

A RENZI È PARTITA LA FRIZIONE: RILANCIA IL POST DI UN ODIATORE CONTRO FORMIGLI, ABBRACCIANDOLO COME ''UNO DI NOI''. MA ENZO PURO ERA UNO CHE CONSIDERAVA MATTEUCCIO INVOTABILE E ''DI DESTRA''. E QUANDO GLI SI FA NOTARE QUESTO DETTAGLIO PRECISA: ''SOSTENEVO CIVATI, MARINO E BERSANI, MA POI HO CAPITO''. E MENO MALE CHE LI SOSTENEVA! CIVATI LO CHIAMAVA ''IMBECILLE'', MARINO ''UNA MERDA UMANA'', SU BERSANI VI RISPARMIAMO - QUANDO UN LEADER POLITICO APPALTA LA SUA PROPAGANDA AL PRIMO URLATORE SOCIAL CHE TROVA, VUOL DIRE CHE È FINITO (ALTRO CHE ''BESTIA'')