DEI DELITTI E DE LE PEN (MARINE) – LA PROCURA DI PARIGI HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER MARINE LE PEN E PER ALTRE 27 PERSONE (TRA CUI IL PADRE JEAN-MARIE E ALTRI NOVE EURODEPUTATI DEL RASSEMBLEMENT NATIONAL) CON L’ACCUSA DI APPROPRIAZIONE INDEBITA DI FONDI PUBBLICI EUROPEI – IL SOSPETTO È CHE LA MADRINA DEL SOVRANISMO FRANCESE, ALLEATA DI SALVINI, ABBIA “ORGANIZZATO UN SISTEMA FRAUDOLENTO” ATTRAVERSO L’ASSUNZIONE FITTIZIA DI ASSISTENTI PARLAMENTARI – COSA RISCHIA E LE MOSSE DI MARINE PER EVITARE SANZIONI TROPPO PESANTI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Mauro Zanon per il Foglio

 

salvini le pen salvini le pen

Nemmeno il tempo di sfogliare le foto ricordo del vaudeville à l’italienne a Pontida accanto al suo amico e alleato Matteo Salvini  che i magistrati francesi l’hanno riportata alla realtà dei dossier giudiziari. Venerdì, la procura di Parigi ha chiesto il rinvio a giudizio per Marine Le Pen e per altre ventisette persone con l’accusa di appropriazione indebita di fondi pubblici europei negli anni in cui la madrina del sovranismo francese è stata eurodeputata, tra il 2004 e il 2017, e il suo partito si chiamava ancora Front national (oggi Rassemblement national).

matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida

 

Oltre a Marine Le Pen, nella lista degli indagati, figurano il padre Jean-Marie e altri nove eurodeputati, dodici assistenti frontisti delle sedi di Bruxelles e Strasburgo e quattro collaboratori dell’ex Fn. Gli altri nomi di spicco sono Louis Aliot, ex compagno di Marine, Bruno Gollnisch, con un passato da numero due del partito, Nicolas Bay, attuale vicepresidente della formazione sovranista rivale Reconquête!, Wallerand de Saint-Juste, tesoriere all’epoca dei fatti contestati, e Julien Odoul, oggi portavoce di Rn. La giustizia francese sospetta che Marine Le Pen abbia “organizzato un sistema fraudolento di appropriazione indebita di fondi europei a suo vantaggio, attraverso l’assunzione fittizia di assistenti parlamentari”.

 

 

vistor orban marine le pen vistor orban marine le pen

(...) Ma cosa rischia l’ex candidata alle presidenziali, sconfitta per due volte consecutive da Emmanuel Macron e accusata ora di “appropriazione indebita di fondi europei” e “complicità” col sistema fraudolento? La procura, nel suo comunicato, ha sottolineato che la pena massima in questi casi è dieci anni di carcere, il pagamento di una multa da 1 milione di euro e la privazione del diritto di eleggibilità per dieci anni (durata massima).

 

 

 

Tutto inizia nel 2015, quando l’Europarlamento annuncia di aver sollecitato l’Ufficio europeo per la lotta anti frode, in seguito a possibili irregolarità nei versamenti di denaro sui conti corrente di alcuni assistenti parlamentari dell’allora Front national. Nel dicembre 2016, due giudici parigini aprono un’istruttoria, e nel giugno del 2017, poco dopo la prima sconfitta al ballottaggio contro Macron, Marine Le Pen è iscritta nel registro degli indagati.

 

matteo salvini marine le pen mangiano a pontida 1 matteo salvini marine le pen mangiano a pontida 1

Ora, la leader sovranista francese, assieme ad altre ventisei persone del suo partito, è chiamata a presentare la sua versione dei fatti davanti al tribunale, anche se curiosamente, prima ancora della notifica della procura parigina, ha accettato di versare 339mila euro nelle case del Parlamento europeo per aver remunerato con i fondi Ue due assistenti che lavoravano per il suo partito in Francia, la sua capa di gabinetto e la sua guardia del corpo. Il rimborso è stato effettuato per evitare “un’esecuzione forzata” della decisione amministrativa presa dal Parlamento europeo, ha commentato Rodolphe Bosselut, avvocato di Marine Le Pen. Secondo quest’ultimo, il pagamento “non costituisce in alcun modo un’ammissione esplicita o implicita delle affermazioni del Parlamento europeo”. Ma sembra proprio un tentativo di evitare sanzioni troppo pesanti da parte dei giudici.

marine le pen marine le pen matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida marine le pen matteo salvini meme by edoardo baraldi marine le pen matteo salvini meme by edoardo baraldi matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida MATTEO SALVINI E MARINE LE PEN MATTEO SALVINI E MARINE LE PEN STRACHE SALVINI LE PEN STRACHE SALVINI LE PEN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…