DIBBA, MA NON DOVEVI ESSERE IN INDIA? - LEGGETE L'ESILARANTE POST DEL CHE GUEVARA DI VIGNA CLARA: LA LEGA FA SCHIFO ED È PIENA DI CRIMINALI, PROSECUZIONE PERFETTA DEL BERLUSCONISMO A CUI RUBA NON SOLO I VOTI. MA NOI CI RESTIAMO AL GOVERNO PERCHÉ… - L'OBIETTIVO È SOLO UNO: ESSERE VERGINE QUANDO GIGGINO CADRÀ E LUI POTRÀ DIRE ''IO IL GOVERNO CON QUEGLI ZOZZONI NON L'HO MAI VOLUTO''

-

Condividi questo articolo

 

Alessandro Di Battista su Facebook:

 

luigi di maio matteo salvini luigi di maio matteo salvini PAOLO ARATA PAOLO ARATA

Ricapitoliamo: l'ex-responsabile energia della Lega, Paolo Arata è stato arrestato per corruzione e auto-riciclaggio per una brutta storia di mazzette sulle rinnovabili. Anche uno dei suoi figli è finito in carcere, l'altro ha ottenuto un contratto a Palazzo Chigi grazie a Giorgetti. Ad ogni modo questo è il sistema che dobbiamo combattere, e onestamente, lo stiamo facendo. L'Italia ha, oggi, una fantastica legge anti-corruzione e il merito è tutto del Movimento 5 Stelle. Lo ripeto, il governo vada avanti perché c'è un contratto da rispettare con ottime proposte ancora da realizzare.

 

ALESSANDRO DI BATTISTA ALESSANDRO DI BATTISTA

Allo stesso tempo il Movimento deve continuare a denunciare il malaffare dilagante, malaffare reso possibile dalle relazioni pericolose dei partiti. Tutti quanti sia chiaro. Dal PD con le sue schifezze nella sanità umbra e con Lotti che prova a scegliersi il procuratore generale della procura dove è imputato, fino alla Lega, un partito che non sta rubando a Forza Italia solo voti. Purtroppo gli sta rubando uomini e dinamiche.

 

Arata, d'altro canto, prima di diventare (secondi i giudici) “socio occulto di Vito Nicastri, a sua volta legato al boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro” e prima di partecipare a convention leghiste sull'energia è stato deputato proprio di Forza Italia. D'altronde il berlusconismo proverà a sopravvivere allo stesso Berlusconi. Come? Diventando il tratto distintivo di altre forze politiche.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

DI MAIO ALL'ATTACCO DI ZANDA PER LA DONAZIONE DI 15 MILA € RICEVUTA DA CARLO DE BENEDETTI. “SAREBBE GRAVE SE FOSSE VERO: E POI CI VENGONO A PARLARE DI LIBERTA’ DI STAMPA?” - LA REPLICA DEL TESORIERE DEL PD (CHE ANNUNCIA QUERELA CONTRO IL VICEPREMIER): “IL CONTRIBUTO DI DE BENEDETTI (CHE DA TEMPO NON È PIÙ L' EDITORE DELL' ESPRESSO) È STATO REGOLARMENTE COMUNICATO E COMPARE NEI BOLLETTINI DELLE CAMERE. FORSE A DI MAIO DÀ FASTIDIO ANCHE LA TRASPARENZA”- LA NOTA DI "REPUBBLICA"