DIO PERDONA, CALENDA NO! IL CHURCHILL DEI PARIOLI SU TWITTER FA IL BULLO TRA FRECCIATE AI RIVALI E ULTIMATUM AGLI ALLEATI – “O NOI O FRATOIANNI”, "DELLA SORTE DI DI MAIO, D'INCÀ, DI STEFANO E COMPAGNIA NON CE NE IMPORTA NULLA”, “DARIO FRANCESCHINI, IL TERZISMO ALLA VOLEMOSE BENE CON NOI NON FUNZIONA” – IL DEM ORFINI HA UN'IDEA: "UN HACKER CHE MANDA IN DOWN IL TWITTER DI CALENDA PER TRE GIORNI LO ABBIAMO? COSÌ MAGARI RIUSCIAMO A COMPLETARE LA COALIZIONE SENZA DRAMMI"

- -

 

- -

 

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Caccia per il Corriere della Sera

 

carlo calenda 3 carlo calenda 3

E finalmente ieri alle 19.44, dopo oltre 4 ore di insolito silenzio - ma nel pomeriggio era impegnato, doveva incontrare di nuovo Enrico Letta e Benedetto Della Vedova - Carlo Calenda è tornato su Twitter, decisamente la sua comfort zone . Stavolta se l'è presa con Silvio Berlusconi che aveva appena detto «il centro siamo noi»: «Guardi che il Ppe è alleato con i Socialdemocratici (leggi Pd) contro Salvini e Meloni. Quindi seguendo il suo ragionamento lei è un pericoloso bolscevico...», la frecciata al Cavaliere.

 

Insomma, botta e risposta, Calenda non perdona. Lui è fatto così, non ne fa passare una, Twitter è la sua arena.

 

carlo calenda 2 carlo calenda 2

Tweet su tweet, un cinguettio continuo. Ieri adunata alle 7.25: il leader di Azione posta un sondaggio secondo cui insieme a +Europa sarebbero sopra a Berlusconi. E twitta: «Bene. Primo sondaggio in cui si supera Forza Italia. Allora via così». Ma poi la giornata prende un'altra piega. Dalle 8 in poi, con una raffica di post, Calenda (ribattezzato non a caso «er mitraglia» da una sua follower) dà fuoco alle polveri e il destinatario è sempre indirettamente Enrico Letta, il segretario del Pd.

 

Ore 8.08: «Della sorte di Di Maio, D'Incà, Di Stefano e compagnia non ce ne importa nulla. Al contrario, prima tornano alle loro professioni precedenti meglio è per il Paese.

letta calenda letta calenda

E per quanto concerne l'agenda o è quella di Draghi o è quella dei no a tutto. Chiudiamo questa storia ora».

 

Ore 8.29: «C'è una ambivalenza che tormenta la sinistra dalla sua origine: riformismo o massimalismo. L'accordo sottoscritto è una scelta. Può essere cancellata ma non annacquata. Decidete».

 

Ore 10.20: «Ogni giorno vediamo aggiungere alla coalizione un partito zattera e iniziative incoerenti con quanto definito. Anche basta». Partiti zattere? Così, Nicola Fratoianni, leader di Sinistra italiana, si risente e twitta anche lui: «Agenda Draghi? Non esiste. Lo ha detto #Draghi stesso. Povero Calenda, deve correre in cartoleria a comprarsene un'altra». E la polemica esplode: «Direi che abbiamo raggiunto un punto di chiarezza - twitta di rimando Calenda -. A queste condizioni non c'è spazio per loro nella coalizione». Per cercare di placare gli animi, prova a intervenire Dario Franceschini, il ministro dem della Cultura. Sono le 11.13: «Calenda e Fratoianni, fermatevi! - twitta -.

 

carlo calenda 1 carlo calenda 1

Ci aspetta una sfida molto più grande dell'interesse dei nostri partiti: evitare che l'Italia finisca in mano a una destra sovranista e incapace. Per iniziarla e vincerla occorre rispettarci a vicenda e accettare le nostre diversità». Macché, 7 minuti dopo, Calenda replica pure a lui: «Dario, il terzismo alla volemose bene con noi non funziona. Avete firmato un patto: Nato, rigassificatori, equilibrio di bilancio, revisione Rdc, agenda Draghi. Dall'altro lato c'è una dichiarazione al minuto contro tutto questo. Chiarite. Punto». Una mattinata al fulmicotone. #LettaCalenda ieri è stata una delle tendenze di Twitter.

 

carlo calenda 4 carlo calenda 4

Passano pochi minuti e Angelo Bonelli, leader dei Verdi, va a dire al TgLa7 : «Il bambino va educato perché se sei viziato poi cresci male, quindi la nostra funzione è pedagogica». E Calenda, il «Churchill dei Parioli» come lo chiama beffardamente il sito Dagospia , anche qui non la prende bene. Altro tweet: «Vorrei capire se si può pensare di lavorare insieme così @Enrico Letta. Boh». Ferito dagli attacchi personali, lui non transige: su Nato, agenda Draghi e il resto, vuole che il Pd prenda una posizione precisa. Altrimenti l'accordo salterà.

CALENDA CALENDA

 

Condividi questo articolo

politica

NOTIZIE FRESCHE DAL FRONTE DELLE ELEZIONI. C’E’ QUELLO CHE SI E’ CALATO LE BRAGHE NELLA CABINA, AVANTI LA SEXY SCRUTATRICE CON GHIANDOLE MAMMARIE EXTRA LARGE, SEGUE UNO/A CHE HA SCRITTO A MANO UNA LAMENTELA PERCHE’ LA DIVISIONE MASCHI E FEMMINE E’ LESIVA DI CHI E’ “IN TRANSIZIONE” (CE VOLEVA LA CODA LGBTQ+?) - E POICHE’ LA LEGGE CONSENTE DI ALLEGARE AL VERBALE DEL VOTO LE PROTESTE DEI CITTADINI, CI SONO OVVIAMENTE QUELLI CHE HANNO PRESO SUL SERIO LA POSSIBILITA’. IL NOTO STORICO DELL’ARTE SENZA STORIA, TOMASO MONTANARI HA ALLEGATO UNA PAGINA DATTILOSCRITTA CONTRO IL ROSATELLUM (CON IN CALCE IL SUO CODICE FISCALE) - PLEASE, DATEVE ‘NA CALMATA: E' SOLO UN SALTO NEL VOTO…