DITE A ELLY CHE "SOLO LE SPIE PRENDONO APPUNTI" (COPYRIGHT MASSIMO D’ALEMA) - A RIMINI AL CONGRESSO CGIL LA GRAFOMANE SCHLEIN HA SCRITTO PIÙ QUADERNI DI ANTONIO GRAMSCI E ALLA FINE RIVOLTO A CALENDA, CONTE, FRATOIANNI: “DIAMOCI UN APPUNTAMENTO FUORI DA QUI” (UNA PIZZATA, UNA BIRRA?) - I FISCHI A CALENDA - IMBATTIBILE LA SUPERCAZZOLA DI PEPPINIELLO APPULO: “IL NOSTRO COMPITO È TROVARE L’HUMUS PER AVERE UNA STELLA POLARE”. CHE VOR DI'?

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Carmelo Caruso per “il Foglio”

 

ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN GIUSEPPE CONTE

Gramsci, chi? In un’ora di tavola rotonda ha scritto più quaderni lei di Antonio. Il Pd ha la prima segretaria grafomane, Elly Schlein “la scrivana”, la nuova Elena Ferrante, la segretaria geniale. E’ Rimini, il Congresso della Cgil, numero diciannove (100 stand, gadget cult la felpa “Perennials”, box pranzo a 17 euro) ma sembra il Salone del Libro di Torino. Il segretario Maurizio Landini, per proteggere Carlo Calenda, ospite fischiato, ha indossato la parrucca di Voltaire: “Difendo io il tuo diritto di parlare. Vai, Carlo, prego”.

 

Lucia Annunziata, che moderava, era versione Anna Magnani di Bellissima: “Elly, forza, presentati, coraggio. Ti do dieci minuti in più”. Il silicon comunista Fratoianni si gingillava l’Apple Watch mentre Giuseppe Conte, imbattibile, spiegava: “Il nostro compito è trovare l’humus per avere una stella polare”. Che? Urge bicarbonato.

ELLY SCHLEIN IN VERSIONE SEVERUS PITON ELLY SCHLEIN IN VERSIONE SEVERUS PITON

 

Racconta un sindacalista: “L’intelligenza artificiale e ora Elly. Per voi giornalisti è finita. Anche questa è una riconversione industriale”. Erano le 12.45. In quel momento l’editoria italiana, che scarseggia di mezzi  (l’inviato è ora in streaming) ha compreso che è nata una bestsellerista. Per più di un’ora Elly Schlein ha riempito il suo taccuino. Aveva ragione a disperarsene quando li ha persi in treno. Sta scrivendo la nuova Recherche. Primo libro: Dalla Parte di Prodi.

 

A Landini per poco esplodeva un’arteria e lei scriveva. Conte citava Piketty e lei annotava. Calenda sfidava il pubblico, “Aho! nun so’ venuto a cantarvi ‘All you need is love’, se semo capiti?” e Schlein che faceva? Come Massimo Troisi: “Mo me lo segno”. Naturalmente anche quando Fratoianni (ha più dispositivi Apple lui che il ceo Tim Cook) esordiva con “condivido tutto quello che ha detto Elly”, sulla carta Elly riportava: “Fratoianni,  segno di approvazione”.

 

CONTE ANNUNZIATA CALENDA LANDINI SCHLEIN FRATOIANNI rimini cgil CONTE ANNUNZIATA CALENDA LANDINI SCHLEIN FRATOIANNI rimini cgil

A Rimini, erano sullo stesso palco Schlein, Calenda, Fratoianni e Conte, l’opposizione a Meloni, e tutti insieme hanno “riflettuto”. Vi diciamo solo che è finita con questa frase di Elly, la segretaria geniale: “Diamoci un appuntamento fuori da qui”. Una pizzata, una birra? Da Roma sono arrivati Andrea Orlando, per salutare la sua amica, la ministra del Lavoro spagnola Yolanda Díaz, e poi Matteo Richetti, il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico (pranza sempre con riso in bianco).

 

 

elly schlein elly schlein

Conte, il dandy, si prende sotto braccio Landini. Rivela un cronista (corrispondente a Rimini) “oggi si fanno esercitazioni di fischio su Calenda”. A Calenda, che vive solo per questo, come Jimi Hendrix viveva per incendiare le chitarre, non sembra vero. Quando Annunziata chiede: “Calenda, ma si può provare a fare un’alleanza?”, lui, Calenda, “No, e ve la dico dritta”. Conte, che è una lenza, aveva un piano che neppure al Pentagono. Dunque, ragiona Conte: “Schlein mi vuole scavalcare sul salario minimo? Sapete che faccio? Le ricordo che il suo Pd ha approvato il Jobs act. In un solo colpo metto Schlein contro i riformisti del suo partito, ma anche contro Landini. Calenda, che ora sta con Renzi, e non solo, sarà costretto ad attaccare Schlein e me. Io mi prendo gli applausi dei sindacalisti. Calenda i fischi, Schlein costretta a difendersi”. Piano riuscito.

 

CONTE ANNUNZIATA CALENDA LANDINI SCHLEIN FRATOIANNI rimini cgil CONTE ANNUNZIATA CALENDA LANDINI SCHLEIN FRATOIANNI rimini cgil elly schlein 2 elly schlein 2

(…)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)