DOPO AVER PASSATO DUE ANNI A SBOMBALLARCI CON LA STORIA DEI BOT RUSSI, IL “GUARDIAN” È COSTRETTO AD AMMETTERE CHE LA VITTORIA DEI TORY È OPERA DELL’ELETTORATO INGLESE – IN PARTICOLARE, LA ''COLPA'' E' DEI BABY BOOMER E DI UNA CAMPAGNA DI FAKE NEWS CHE HA TROVATO AMPIO SPAZIO SUI SOCIAL, PERO' GESTITI DA ESSERI UMANI E AUTOCTONI – IL FIORE ALL’OCCHIELLO DI “BORIA” JOHNSON SAREBBE STATA UNA…

-

Condividi questo articolo

Alex Hern per "www.theguardian.com"

 

la gioia di boris johnson dopo la vittoria alle elezioni la gioia di boris johnson dopo la vittoria alle elezioni

Sono stati i baby boomer e non i bot, a far vincere i Tory. Per l'intera campagna elettorale siamo stati alla ricerca di ciò che gli accademici chiamano "propaganda computazionale", ciò che le piattaforme chiamano "comportamento coordinato non autentico" e ciò che i media chiamano sempre più, giustamente o erroneamente, bot russi.

 

boris johnson bacia il suo cane dilyn mentre va a votare boris johnson bacia il suo cane dilyn mentre va a votare

Ma ogni volta che ci imbattevamo in qualcosa di strano, un'attenta ispezione rivelava che la migliore spiegazione era la meravigliosa diversità dell'esperienza umana o, più prosaicamente, gli elettori più anziani il cui desiderio di impegnarsi nell'attivismo politico supera la loro competenza tecnica.

 

boris johnson boris johnson

Negli ultimi giorni della campagna elettorale, per esempio, abbiamo visto una campagna di disinformazione volta a denigrare la famiglia di un bambino di quattro anni malato in cui si diceva che avevano messo in scena una sua foto del piccolo sdraiato sul pavimento di un ospedale. Questo ha lasciato il posto alla consapevolezza che non esisteva una vera campagna; solo un’invenzione pubblicata su Facebook, condivisa da migliaia di persone che volevano che fosse vera e tagliata e incollata su Twitter da altri che non si sono preoccupati di riscriverla con le loro stesse parole.

 

C'erano persone reali dietro gli account Twitter che pubblicavano #nevercorbyn ogni cinque minuti o che pubblicavano commenti simili sotto i post di Boris Johnson su Facebook, o che sembravano non fare altro che ritwittare i video del partito conservatore. Perché le persone reali sono strane.

boris johnson e carrie symonds alla conferenza tory di ottobre 2019 2 boris johnson e carrie symonds alla conferenza tory di ottobre 2019 2

 

Internet non è il luogo adatto per una campagna intelligente. Il partito laburista ha diffuso video su video, ha speso più dei Tory su Snapchat e Facebook e ha consegnato l'account Twitter di Jeremy Corbyn a una persona che capisce i meme estremamente bene durante il giorno delle elezioni. I conservatori si sono semplicemente seduti e hanno trascorso sei settimane facendo ostinatamente gli stupidi, e ha funzionato.

boris johnson gelato boris johnson gelato

 

In effetti, uno dei pochi cambiamenti nella strategia che abbiamo visto nelle elezioni online è stato che i conservatori hanno puntato su semplicità e stupidità. L'apertura della campagna è stata contrassegnata da una "strategia di shitposting", con il partito dei Tory che ha condiviso contenuti di basso livello, messaggi banali nella chiara speranza che avrebbero ottenuto la stessa diffusione dagli avversari quanto dai sostenitori.

 

boris johnson alla camera dei comuni 1 boris johnson alla camera dei comuni 1

Ma, con il procedere delle elezioni, quell'approccio è stato abbandonato a favore di uno brutalmente più semplice: scrivere tre righe, vere o meno, e ripeterle in loop, su ogni piattaforma, senza vergogna o variazione. Inventare politiche dei Laburisti, dargli un costo e twittarle come il costo dei Laburisti. Elaborare una strategia fiscale e twittarla come la bomba fiscale voluta dai Laburistu. E poi ripetere roboticamente “get Brexit done”.

 

boris johnson alla camera dei comuni boris johnson alla camera dei comuni

Ma c’è un lato positivo.  Nonostante tutta l'attenzione prestata alle pubblicità su Facebook, queste contano ancora meno delle politiche e delle personalità.

 

Negli ultimi giorni delle elezioni, dal 12 novembre all'11 dicembre, i liberali democratici e i laburisti hanno speso ciascuno almeno 800.000 sterline su Facebook; ma i vincitori, i conservatori, hanno speso meno di 550.000 sterline: non puoi ancora comprare un'elezione su Facebook.

proteste contro boris johnson 8 proteste contro boris johnson 8

 

Uno dei timori della politica di Facebook in materia di pubblicità politica è che si possa esportare la visione americana della “libertà di parola”, dove la libertà di spesa politica illimitata è diventata un requisito per assicurarsi bauli da guerra da milioni di dollari prima ancora di pensare a una carriera politica.

 

Ma nel Regno Unito, il totale speso su Facebook, da parte di tutti da ottobre 2018, è inferiore a 20 milioni di sterline. In effetti, la lezione più immediata della vittoria dei Conservatori ci dice l'opposto: spendere il minimo, promuovere semplici messaggi sull'affluenza e sulla paura, e non pensarci troppo.

jeremy corbyn in piazza contro boris johnson jeremy corbyn in piazza contro boris johnson

 

La storia potrebbe diventare più complicata col passare del tempo. I terribili strumenti di trasparenza di Facebook, sebbene siano ancora migliori di quelli offerti da qualsiasi altra piattaforma, non rivelano nemmeno informazioni sul target dell’elettorato.  Google rivela ancora di meno: una delle spese online più consistenti dei conservatori potrebbe stato l’acquisto per due giorni di un banner della home page su YouTube. Ma tutto ciò che l'azienda rivela è che farlo per un giorno costa "oltre 50.000 sterline".

 

BORIS JOHNSON BORIS JOHNSON

Nel complesso, Google, dove i Tory superano i laburisti più di due a uno, è forse il luogo che in maniera più desolante racconta la campagna digitale. In tutte le campagne si sono spesi soldi in ricerche mirate sugli avversari, ma i conservatori hanno fatto un ulteriore passo avanti, acquistando annunci per apparire quando le persone cercavano il "programma dei laburisti" e "registrarsi per il voto via posta". Ho perso il conto del numero di volte in cui abbiamo discusso se una determinata mossa fosse "oltraggio elettorale" o semplicemente "tattica astuta".

 

BORIS JOHNSON BORIS JOHNSON

Allora, qual è il risvolto positivo? Che siamo stati noi a farci questo. Non c’erano interferenze straniere o attori non statali che gestivano vaste reti di bot. Nella prima settimana della campagna, il Guardian ha riferito che le tattiche dello stato russo nel 2016 erano state adottate dai politici stessi: non semplicemente gestendo fattorie di troll, ma facendo campagne attraverso la divisione e la provocazione. Ed è quello che abbiamo visto, con falsi fact-checker, shitposting, ricerche errate e altro ancora. Ma quello che abbiamo iniziato, possiamo fermarlo. Dobbiamo.

boris johnson eletto leader dei tory 2 boris johnson eletto leader dei tory 2 jeremy hunt boris johnson 1 jeremy hunt boris johnson 1 boris johnson a lezione di autodifesa boris johnson a lezione di autodifesa boris johnson con le conigliette boris johnson con le conigliette boris johnson prende il toro per le corna boris johnson prende il toro per le corna boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson bacia un coccodrillo boris johnson bacia un coccodrillo boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris jogging boris jogging boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson a hong kong boris johnson a hong kong boris johnson boris johnson boris johnson alle prese con una gru boris johnson alle prese con una gru boris johnson 2 boris johnson 2 boris johnson 1 boris johnson 1 BORIS JOHNSON BORIS JOHNSON

boris johnson leccato dal cane boris johnson leccato dal cane

 

Condividi questo articolo

politica

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209