DOPO BOSSI E MARONI, ANCHE L’EX MINISTRO CASTELLI SCARICA SALVINI: “IL SUO SUCCESSORE SARA’ UNO DEI GOVERNATORI. IL NORD HA VOLTATO LE SPALLE AL PARTITO PERCHÉ DELUSO. NESSUNO PARLA PIÙ DI AUTONOMIA, SALVINI L'HA MESSA DA PARTE. SE VOLESSE TORNARE ALLE ORIGINI, CON CHE CREDIBILITÀ LO FAREBBE?" - LA VECCHIA LEGA E’ TUTTA CONTRO IL CAPITONE! NEL CONSIGLIO FEDERALE DEL CARROCCIO NESSUNO DISCUTE LA SEGRETERIA SALVINI. C'È STATA UNA DISCUSSIONE FRANCA MA…

-

Condividi questo articolo


(ANSA) C'è stata una discussione franca ma è emersa la tutela assoluta del segretario federale Matteo Salvini: hanno parlato tutti e nessuno lo ha messo in discussione.

 

CASTELLI SALVINI CASTELLI SALVINI

Lo fanno sapere fonti della Lega, mentre è ancora in corso il federale a Via Bellerio.

 

 

    A testimonianza del clima di condivisione, la Lega ha diffuso una foto della riunione in cui si vede Matteo Salvini seduto accanto a Luca Zaia. Poi Massimiliano Fedriga vicino ad Attilio Fontana. Poco dietro Giancarlo Giorgetti. (ANSA).

 

CASTELLI

Estratto dell’intervista a huffingtonpost.it

 

“La stagione del Salvini premier è finita. Il successore sarà uno dei governatori" Roberto Castelli, storico dirigente della Lega e più volte ministro, parla a ”Huffington Post”: La stagione del Salvini premier è finita. Il Nord ha voltato le spalle al partito perché deluso. Nessuno parla più di autonomia, Salvini l'ha messa da parte. Se volesse tornare alle origini, con che credibilità lo farebbe?"

umberto bossi e matteo salvini umberto bossi e matteo salvini LUCA ZAIA UMBERTO BOSSI MATTEO SALVINI LUCA ZAIA UMBERTO BOSSI MATTEO SALVINI

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! – IL “BORIS GODUNOV” ALLA SCALA HA “SCONGELATO” IL RAPPORTO BRUXELLES-ROMA: FONDAMENTALE L’INCONTRO TRA VON DER LEYEN E MATTARELLA, NEL QUALE I DUE HANNO PARLATO A LUNGO DEL PNRR - ENTRO DOMANI SARÀ COMUNICATO IL NUOVO ACCORDO SULLA SOGLIA MINIMA PER I PAGAMENTI CON IL POS. L’EUROPA GRADIREBBE CHE IL LIMITE NON SUPERI DIECI EURO, MENTRE IL GOVERNO, COME NOTO, LO VUOLE ALZARE A 60. SI ANDRÀ A UNA MEDIAZIONE E SI TROVERÀ UN COMPROMESSO. NESSUNA INTESA INVECE (PER IL MOMENTO) SUL TETTO AL CONTANTE…

LAZIO, CHE STRAZIO – GIORGIA MELONI NON HA ANCORA DECISO CHI SARÀ IL CANDIDATO GOVERNATORE NELLA SUA REGIONE. IL TEMPO STRINGE: SI VOTA A FEBBRAIO E I “FRATELLI D’ITALIA” SONO SPACCATI SUL NOME DI FABIO RAMPELLI, DETTO “AEROPLANINO”. LA DUCETTA VORREBBE IMPORLO, MA QUELLO DEL VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, SEPPUR AUTOREVOLE E CONOSCIUTO A ROMA, È UN NOME NON AMATISSIMO (EUFEMISMO) TRA I SUOI – LA SCORSA SETTIMANA “IO SO’ GIORGIA” HA DETTO: “FABIO È IL PIÙ CONOSCIUTO”. E QUALCHE MALIGNO HA AGGIUNTO: “È CONOSCIUTO ANCHE PER LE CATTIVERIE…” - E ALEGGIA LO SPETTRO MICHETTI