DA DOVE ARRIVAVANO I SOLDI PER IL VIAGGIO DI SALVINI A MOSCA? ANTONIO CAPUANO AVEVA GIÀ ACQUISTATO I BIGLIETTI MA, POICHÉ C'ERA STATO UN PROBLEMA CON LA SUA CARTA DI CREDITO, ERA CORSO IN SOCCORSO OLEG KOSTYUKOV, IL PRIMO SEGRETARIO DELL'AMBASCIATA RUSSA E UOMO DEI SERVIZI DI INTELLIGENCE – KOSTYUKOV, TRA L’LATRO, È FIGLIO FIGLIO D'ARTE: SUO PADRE SAREBBE IGOR KOSTYUKOV, IL DIRETTORE DEL GRU, IL SERVIZIO MILITARE RUSSO, UNO DEGLI UOMINI PIÙ VICINI A PUTIN…

-

Condividi questo articolo


Giuliano Foschini per “la Repubblica”

 

ANTONIO CAPUANO E LA COMPAGNA Madeleine Mbone PER LE STRADE DI ROMA ANTONIO CAPUANO E LA COMPAGNA Madeleine Mbone PER LE STRADE DI ROMA

Ma davvero «Antonio Capuano si è fatto prestare i soldi per il volo di Salvini in Russia dal figlio del capo del Gru, il servizio militare russo? E questo, il leader della Lega lo sapeva?».

La domanda è di Lia Quartapelle, responsabile esteri del Partito democratico, per caso ieri proprio in trasferta. A Kiev, però. La risposta è in una Sos, una segnalazione di operazione sospetta, di Banca d'Italia pubblicata ieri dal quotidiano La Verità .

 

Gli uomini dell'Antiriciclaggio hanno infatti messo insieme tutta una serie di strani movimenti di denaro che hanno avuto al centro l'avvocato napoletano, ex parlamentare di Forza Italia, protagonista delle cronache italiane nelle ultime settimane. Quando si è saputo che a organizzare il possibile viaggio a Mosca di Salvini, poi naufragato dopo le polemiche, era proprio lui. Si diceva che i movimenti finanziari di Capuano sono da tempo al centro di attenzione. In particolare una serie di bonifici sui conti a lui intestati o a lui riconducibili che arrivavano dalla Romania e dal Kuwait.

matteo salvini giancarlo giorgetti by macondo matteo salvini giancarlo giorgetti by macondo

 

Si tratta di complesse transazioni che coinvolgono Capuano, la sua compagna, la modella camerunense Madelein Mbone (che ha in Italia un patrimonio, da lei stesso dichiarato, che va da uno a cinque milioni di euro) e altri personaggi che in questi anni sono transitati attorno a Capuano: una ex compagna, un ingegnere professore universitario, e un architetto, tutti di nazionalità kuwaitiana. Ed è proprio con il Kuwait che l'ex parlamentare campano aveva contatti diretti e frequenti, essendo stato anche consulente del fondo sovrano.

 

OLEG KOSTYUKOV OLEG KOSTYUKOV

Il punto più importante, per lo meno da un punto di vista politico, è però un altro. E riguarda una transazione da poche migliaia di euro eppure cruciale: il viaggio che Capuano stava organizzando per Matteo Salvini in Russia. In un primo momento era stato calendarizzato per gli inizi di maggio. Poi tutto era stato spostato tutto alla fine del mese, partenza il 29 e ritorno il 31 con scalo in Turchia: Istanbul all'andata e Ankara al ritorno. Dopo la pubblicazione della notizia dell'imminente partenza su Repubblica , aveva fatto desistere Salvini da salire sul volo per Mosca. Ma ormai era troppo tardi. Capuano si era già spinto oltre.

 

matteo salvini con maglietta no sanzioni alla russia (e dietro savoini) matteo salvini con maglietta no sanzioni alla russia (e dietro savoini)

Aveva acquistato i biglietti, secondo quanto ricostruisce la Verità , e non aveva fatto da solo: poiché c'era stato un problema con la sua carta di credito era corso in soccorso Oleg Kostyukov, il primo segretario dell'ambasciata russa. Come spesso però accade ai diplomatici di stanza all'estero, non si occupano soltanto di relazioni.

Ma sono in realtà agenti dei servizi di intelligence. E nel caso di Kostyukov anche qualcosa di più: un figlio d'arte. Suo padre sarebbe infatti Igor Kostyukov, il direttore del Gru, il servizio militare russo, uno degli uomini più vicini a Vladimir Putin. Il rapporto con un dirigente importante come Kostyukov figlio rende però ancora più delicato ruolo e posizione di Capuano.

 

ANTONIO CAPUANO ANTONIO CAPUANO

Sul quale stanno lavorando i nostri servizi di intelligence a cui il Copasir ha chiesto una relazione. «Noi - ha detto il presidente del Comitato, Adolfo Urso - non giudichiamo mai l'attività professionale dei cittadini. Ma abbiamo attivato le procedure per verificare che i nostri servizi abbiano svolto appieno quanto necessario per tutelare la sicurezza nazionale a fronte di chi ha più volte ribadito di lavorare per ambasciate di Paesi che tendono a condizionare con ogni mezzo la nostra democrazia»

antonio capuano antonio capuano antonio capuano antonio capuano matteo salvini foto di bacco (19) matteo salvini foto di bacco (19) IL VIAGGIO DI SALVINI A MOSCA BY ELLEKAPPA IL VIAGGIO DI SALVINI A MOSCA BY ELLEKAPPA matteo salvini con le armi 6 matteo salvini con le armi 6 matteo salvini applauso per zelensky matteo salvini applauso per zelensky Antonio Capuano con Nuri al Maliki Antonio Capuano con Nuri al Maliki

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)