E DRAGHI MORMORO': NON PASSA LO STRANIERO! - MARIOPIO AZIONA IL GOLDEN POWER PER FERMARE IL GRUPPO CINESE "ZHEJIANG JINGSHENG MECHANICAL" CHE VOLEVA ASSUMERE IL CONTROLLO DELLA BRANCA ITALIANA DI APPLIED MATERIALS, SPECIALIZZATA IN CHIP - QUELLO DI IERI È IL TERZO UTILIZZO DEL GOLDEN POWER DA FEBBRAIO A OGGI DA PARTE DEL GOVERNO DRAGHI, TUTTI CON TARGET LA CINA - PRIMA SU SYNGENTA, FOCALIZZATA NELL'AGRICOLO, E POI SHENZHEN INVENLAND IN APRILE, ALTRA IMPRESA NEL SETTORE DEI SEMICONDUTTORI…

-

Condividi questo articolo


MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI

Fabrizio Goria per "la Stampa"

 

La Cina ci prova, ma l'Italia rifiuta ancora una volta. Palazzo Chigi ha posto il veto, per la terza volta dal febbraio scorso, a un tentativo di acquisizione di attività strategiche da parte di Pechino. A questa tornata, è stata la volta di Zhejiang Jingsheng Mechanical, che voleva assumere il controllo della branca italiana di Applied materials, specializzata in chip. Ma il presidente del Consiglio Mario Draghi, di concerto con il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha sbarrato le porte.

ZHEJIANG JINGSHENG MECHANICAL ZHEJIANG JINGSHENG MECHANICAL

 

Utilizzando il Golden Power, lo speciale strumento giuridico per proteggere gli asset cruciali del Paese. A Olmi, meno dieci chilometri a Est della capitale della Marca trevisana, tirano un sospiro di sollievo. Ma quello maggiore forse lo sta tirando Roma. Il 18 novembre scorso, come riportato dai documenti di Zhejiang Jingsheng visionati dalla Reuters, Giorgetti aveva raccomandato di porre il veto sull'offerta per l'acquisto della divisione italiana di Applied materials.

 

Ora è arrivata la conferma. I semiconduttori e i wafer (le schede di chip, ndr) per pannelli solari non passeranno di mano. Quello di ieri è il terzo utilizzo del Golden power da febbraio a oggi da parte del governo Draghi, tutti con target la Cina. Prima su Syngenta, focalizzata nell'agricolo, e poi Shenzhen Invenland in aprile, altra impresa nel settore dei semiconduttori. Entrambe volevano entrare in compagnie italiane.

 

giancarlo giorgetti mario draghi giancarlo giorgetti mario draghi

L'attuale regime, come sottolineato da fonti governative, potrebbe essere esteso fino alla fine del prossimo giugno. L'interesse principale è quello di proteggere gli interessi nazionali da "intromissioni autoritarie e opache" sui fronti più delicati dell'economia domestica.

 

Condividi questo articolo

politica

LA RICONFERMA DI MATTARELLA AL COLLE? UN PANNICELLO CALDO - MASSIMO FRANCO: "NON RISOLVEREBBE L'INCOGNITA DEL FUTURO DI DRAGHI E DEL SUO GOVERNO. SERVIREBBE SOLO A NASCONDERE LE DIVERGENZE DENTRO E TRA LE FORZE POLITICHE, SENZA SALVARE L'ESECUTIVO. NAPOLITANO, RIELETTO DOPO UNA RICHIESTA PRESSANTE E QUASI UNANIME DEI PARTITI, QUANDO DUE ANNI DOPO SI È DIMESSO, È STATO SALUTATO IN MODO INGENEROSO DA MOLTE DELLE STESSE FORZE POLITICHE CHE LO AVEVANO PREGATO DI ACCETTARE. CONGELARE IL PRESENTE SIGNIFICHEREBBE SOLO RINVIARE I CONTI CON LA NUOVA FASE CHE L'ITALIA SI TROVA DI FRONTE…"

LARGO AL CAMPO LARGO! – ENRICO LETTA TENDE LA MANO A BERLUSCONI: “DOBBIAMO COSTRUIRE QUALCOSA CHE SIA VINCENTE RISPETTO AL 40% RAPPRESENTATO DA SALVINI E MELONI. IL CAMPO LARGO DEVE ESSERE DAVVERO LARGO”. BASTA FARE I CONTI: IL PD È AL 20% E I CINQUE STELLE AL 12. BASTA AGGIUNGERE L’8% DI FORZA ITALIA E COME PER MAGIA SI ARRIVA AL 40. A CUI ANDREBBE AGGIUNTO CALENDA, CHE PERÒ SUBITO FA LO GNORRI: “DA 30 ANNI L'UNICA RAGIONE DI STARE INSIEME È NON FARE VINCERE GLI ALTRI, SEMBRA IL PALIO DI SIENA. IO NON LO CONDIVIDO"