LA NOTIZIA BOMBA RIGUARDANTE CHIARA FERRAGNI NON È IL POSSIBILE AMBROGINO D'ORO, MA UN'ALTRA COSA CHE VERRÀ SVELATA ENTRO POCHI GIORNI - L'EX PORTAVOCE DI MARONI, ISABELLA VOTINO ARRABBIATA CON LA SUA AMICA STORICA PATRIZIA CARRARINI - COME DAGOANTICIPATO, L'AFFARE SULLA QUESTURA DI MILANO SI ALLARGA. C'È UN'INCHIESTA APERTA DA ILDA BOCCASSINI SU UN GIRO DI DONAZIONI E MOTOCICLETTE PER LA POLIZIA…

Condividi questo articolo

chiara ferragnie e leo chiara ferragnie e leo

Berto Evitandolo per Dagospia

 

- Indizio. La notizia bomba riguardante Chiara Ferragni non è il possibile Ambrogino, ma un'altra cosa che verrà svelata entro pochi giorni... Che cosa è? Ah, saperlo...

 

isabella votino (2) isabella votino (2)

- Dicono che Isabella Votino sia un po' arrabbiata con la sua amica storica, l'ex capa della comunicazione di Regione Lombardia, oggi in Mittel, Patrizia Carrarini. Pare che lei sia andata in Mittel senza dirle niente, e la Isa, storica portavoce di Maroni, si sia molto incazzata. Tra l'altro lei è in cerca di lavoro mentre l'amica Patrizia ha trovato un posto con stipendio a cinque zeri.

 

- Povero Stefano Maullu. Dicono che Mariastella Gelmini non ami più molto l'europarlamentare di Forza Italia che dovrà provare a riconquistare un seggio in Europa il prossimo anno. Tanto che i soliti maligni vociferano che possa elaborare nuovi piani d'attacco (alla poltrona).

Patrizia Carrarini Patrizia Carrarini

 

- Attenzione a Stefano Tunis. Sapete chi è? E' un sardo, che ogni tanto si reca dalle parti di Milano a sbrigare i suoi affari. Pare sia riuscito a farsi candidare da Forza Italia a possibile governatore dell'isola. E' già il secondo candidato, dopo Paolo Truzzu di Fratelli d'Italia, del centrodestra isolano. Che cosa fa Tunis a Milano? Cerca di raccattare l'ok della Lega, che però sembra assai distante e assai improbabile visto che i colonnelli verdi sono sospettosi (e pure un po' incazzati). Anche perché Tunis si è fatto dare il via libera dagli azzurri con un piccolo espediente... "giornalistico" che avrebbe fatto infuriare Cappellacci (dicono i soliti uscieri maligni).

 

Stefano Maullu Stefano Maullu

- Sapete chi è Alessandro Rosso? E' un simpatico ragazzone che ha in mano il 30 per cento delle concessioni della Galleria Vittorio Emanuele, il salotto buono di Milano. Dentro c'è di tutto, ma il meglio è un Hotel con 7 stelle. Il problema è che Rosso sta pagando al comune arretrati per 100mila euro ogni giorno (sì, ogni giorno) per andare a saldare conti milionari d'antan (come ha raccontato al Corriere). Quindi, che cosa succede? Succede che vorrebbe vendere, ma gli investitori non si capisce bene se sono interessati o se si tirano indietro perché se va tutto gambe all'aria alla fine le concessioni possono averle a costo zero (o circa) dal Comune che dovrebbe ribandire le gare...

 

STEFANO TUNIS STEFANO TUNIS

- Come aveva anticipato Dagospia, l'affare sulla questura di Milano si allarga. C'è un'inchiesta aperta da Ilda Boccassini su un giro di donazioni e motociclette per la Polizia. Sullo sfondo, l'ex capo della mobile Maria Jose Falcicchia, che i giornali di oggi tirano in ballo (notevole Repubblica che prova a nascondere la notizia in taglio basso nel dorso di Milano dell'ex cronista di giudiziaria e oggi capocronaca del locale Piero Colaprico). Tremano alcuni politici e staff di alcuni politici. Ma non dovrebbero, perché non c'è nulla da temere dall'inchiesta.

Boccassini Bionda Boccassini Bionda

 

Condividi questo articolo

politica

QUANTO DURA IL CONTE ZELIG A PALAZZO CHIGI? E’ ORMAI FUORI DAL BALCONE - IL SUPPLI' CON LE UNGHIE HA DIMENTICATO DI ESSERE UN BURATTINO CON LA POCHETTE MESSO A PALAZZO CHIGI DALL'INCAUTO DI MAIO E SI E’ MESSO IN TESTA DI ESSERE UN LEADER - UN SONORO VAFFANCULO ALL’EX BIBITARO: “IL PIANO ANTI-EVASIONE NON PUÒ ESSERE NÉ SMANTELLATO NÉ TOCCATO. IO HO INIZIATO CON IL M5S CHE GRIDAVA "ONESTÀ ONESTÀ" - VAFFA A RENZI: “BISOGNA FARE SQUADRA, CHI NON LA PENSA COSÌ È FUORI DAL GOVERNO"

SALVINI PROVA A DARE UNA SPALLATINA AL GOVERNO CON 200 MILA PERSONE ALLA MANIFESTAZIONE DEL CENTRODESTRA A PIAZZA SAN GIOVANNI - IL LEGHISTA NE HA PER TUTTI: RANDELLATE A CONTE, DI MAIO, PD, RENZI, VIRGINIA RAGGI, L’EUROPA - E’ IL RITORNO DEL “CAPITONE” DI PIAZZA: DIO, PATRIA E FAMIGLIA, CON TIRATE SULLA SICUREZZA E CONTRO GLI SBARCHI - LA PIAZZA CHIEDE ELEZIONI E MANDA UN “VAFFA” A BEPPE GRILLO - MELONI VERSIONE TRUMP: “SE SERVONO I MURI SI COSTRUISCONO” - BERLUSCONI RIESUMA I “COMUNISTI”