È DURATA SOLO 24 LA PASSIONE PER FACEAPP? - MENTRE ''LEGGO'' SPARA IN PRIMA PAGINA UNA RAGGI OTTUAGENARIA CHE HA (QUASI) RISOLTO LA CRISI DEI RIFIUTI, SI DIFFONDE LA PAURA (CERTEZZA) CHE I SELFIE REGALATI ALL'APP RUSSA FINIRANNO NEI LORO SERVER E SARANNO USATI PER RICONOSCIMENTO FACCIALE E SCOPI PIÙ O MENO OPACHI

-

Condividi questo articolo

Luigi Garofalo per https://www.key4biz.it/

 

 

LEGGO RAGGI FACEAPP LEGGO RAGGI FACEAPP

Un nuovo “gioco” sta contagiando oltre 80 milioni di utenti nel mondo e sta invadendo le bacheche dei social: invecchiare il proprio volto con FaceApp, un’applicazione disponibile su App Store e Google Play Store che grazie ad un’aggiornamento con le tecnologie di Intelligenza Artificiale offre una trasformazione digitale abbastanza realistica.

 

Dopo aver scaricato l’app basta scattarsi una foto o prenderla dalla propria galleria di immagini e in pochi click è possibile modificare il volto, modificando l’acconciatura, invecchiando o ringiovanendo i tratti somatici, ma anche riuscendo a trasformarci in uomini o donne. Anche le celebrities sono state contagiate dal gioco, tanto che è diventato virale l’hashtag #FaceAppChallenge.

 

CHIARA FERRAGNI E FEDEZ VECCHI CON FACEAPP CHIARA FERRAGNI E FEDEZ VECCHI CON FACEAPP

“Abbiamo sviluppato una nuova tecnologia che sfrutta le reti neurali per modificare in maniera realistica il volto nelle foto”, ha spiegato al sito TechCrunch il fondatore e Ceo dell’app russa, Yaroslav Goncharov.

 

I rischi

All’aspetto ludico si uniscono però i tanti rischi sulla privacy. Alla perplessità di far circolare troppe immagini personali sulle piattaforme social, nella pagina dell’app dedicata all’uso delle informazioni si legge che “potrebbe condividere i contenuti e le informazioni degli utenti con le aziende che fanno parte del gruppo di società di FaceApp”.

 

E questo è il primo allarme sulla protezione dei dati degli utenti, privacy che si cede totalmente e per sempre all’app russa. Infatti, fa notare Guido Scorza, uno dei candidati ad essere eletto dal Parlamento Garante per la protezione dei dati personali: “La foto del nostro volto diventa, nella sostanza, di FaceApp che può farne quello che vuole perché la licenza – salvo non volersi avventurare in interminabili battaglie giudiziarie sulla validità delle relative clausole – è perpetua, irrevocabile, mondiale, cedibile e, naturalmente gratuita”.

 

I volti come cavie per l’IA

Si regala, dunque, per sempre il proprio volto alla società russa, che lo utilizzerà come cavia per addestrare le reti neurali e i sistemi di intelligenza artificiale su cui sta lavorando. Il tutto per avere solo un pugno di like sui social.

papu gomez papu gomez meghan markle meghan markle de grandis de grandis caressa caressa david guetta david guetta gaia lucariello simone inzaghi gaia lucariello simone inzaghi ed sheeran ed sheeran eros ramazzotti eros ramazzotti fedez fedez jennifer lopez e alex rodriguez jennifer lopez e alex rodriguez gigi hadid gigi hadid justin timberlake justin timberlake adani adani alessandro gassman alessandro gassman adele adele mariano di vaio mariano di vaio alessia tarquinio alessia tarquinio aurora ramazzotti col fidanzato aurora ramazzotti col fidanzato andrea petagna andrea petagna beyonce beyonce beppe bergomi beppe bergomi matteo renzi matteo renzi bieber e baldwin bieber e baldwin bruno mars bruno mars calciatori brutti minala calciatori brutti minala lady gaga lady gaga lucia ocone lucia ocone piatek piatek

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ MATTEO SALVINI DEVE TOGLIERSI DALLA TESTA DI ANDARE ALLE ELEZIONI ANTICIPATE - PER IL POTERE MONDIALE È L’UOMO DA BRUCIARE. SE IN CAMPO INTERNAZIONALE SALVINI NON NE HA AZZECCATA UNA, RENDENDOSI INAFFIDABILE SIA PER PUTIN SIA PER TRUMP E ODIOSO PER L’UE, IN CASA HA DOVUTO ASSAGGIARE LE CONSEGUENZE DEL DEEP STATE CON IL TONFO AL SENATO  3. SCOMPARSI DI COLPO IL GRILLO DEL VAFFA E I DI MAIO/DI BATTISTA A BRACCETTO CON I GILET GIALLI, CON CONTE SUBITO ARRUOLATO NELLE FILE DI MERKEL E MACRON MANCO FOSSE UN MARIO MONTI...