EIA EIA, CHA CHA CHA! – “LIBERO” MARAMALDEGGIA SULL’ADDIO ALLA POLITICA DI ALESSANDRA MUSSOLINI: “DAL '93 AD OGGI È PASSATA DALL'MSI AD AN, DA ALTERNATIVA SOCIALE AL POPOLO DELLE LIBERTÀ, A FORZA ITALIA, DALLA CAMERA ALL' EUROPARLAMENTO. SEMPRE FEDELE AL PROPRIO RUOLO DI MASANIELLA, NEL NOME D'UNA CAPACITÀ DI FARE AMMUINA TUTTA NAPOLETANA. NONOSTANTE LA LAUREA IN MEDICINA, S'È FORMATA NELLO SPETTACOLO E CON “BALLANDO” E’ UN FIERO RITORNO A CASA…”

-

Condividi questo articolo





Francesco Specchia per “Libero quotidiano”

 

ALESSANDRA MUSSOLINI ALESSANDRA MUSSOLINI

È più di un sofferto addio, è un personale percorso di Santiago, è - oserei - un cammino verso la trascendenza (con Milly Carlucci e le sue giostre di danza nella parte dello sciamano). Quando Alessandra Mussolini, intervistata dal Tempo, ha dichiarato di volere lasciare del tutto la politica «senza rimpianti» tutti abbiamo accolti la ferale notizia col sentore di un destino annunciato.

alessandra mussolini alessandra mussolini

 

S'era capito che Mussolini non amasse più il Palazzo (peraltro sentitamente ricambiata). La "Ducia", come la chiamavano negli anni 90, ha detto che «la politica è stata un ciclo che si è chiuso. Per me è stata importante, l' esperienza resta dentro. Però i cicli si aprono e si chiudono. Bisogna essere sempre pronti e aperti per le nuove cose e non rimpiangere mai nulla perché perfettamente inutile».

alessandra mussolini alessandra mussolini

 

ERA DESTINO

E che il ballo, tutto quel movimento, le è entrato sottopelle: «È stata una esperienza anche estrema, a suo modo, perché dovevi imparare una coreografia da professionista. Mi ha fatto conoscere tanti aspetti della mia personalità che ancora non conoscevo o magari erano rimasti nascosti. Ma soprattutto mi ha fatto conoscere tanti muscoli che pensavo di non avere. Voglio solo ballare».

 

alessandra mussolini alessandra mussolini

S' era capito, insomma, che, con una destra in ristrutturazione e la cosa pubblica spartita tra 5 Stelle e Pd, il buon vecchio fascismo familiare di Alessandra non avrebbe trovato più lidi ospitali. Dal '93 ad oggi la Mussolini è passata dall' Msi ad An, da Alternativa Sociale al Popolo delle Libertà, a Forza Italia, dalla Camera all' Europarlamento. Sempre fedele al proprio ruolo di masaniella, nel nome d' una capacità di fare ammuina tutta napoletana accompagnata a vibranti dosi di coraggio e di pulsione legislativa e non solo, che ne hanno fatto un' icona della politica pop. Affermare che mai ci saremmo aspettati che finisse ingoiata a Ballando con le stelle tra i frequentatissimi anfratti del servizio pubblico commistionato alla cultura pop, be', sarebbe menzogna.

 

alessandra mussolini a ballando con le stelle 8 alessandra mussolini a ballando con le stelle 8

Sarà per strategia mediatica, sarà per i cromosomi intrisi d' arte (il padre Romano era un talentuoso jazzista, la zia è Sofia Lorèn), Alessandra Mussolini ha sempre avuto, anche nelle aule sorde e grigie del Parlamento, uno spiccato senso dello spettacolo. Le quasi scazzottate con l' onorevole Katia Belillo a Porta a porta, con Vespa che si sfregava le mani per gli ascolti; lo sciopero delle fame in una roulotte in stile Pannella; le prese di wrestling con Luxuria sempre a Porta a porta, «Meglio fascista che frocio»; le mani addosso, ricambiata, a Vittorio Sgarbi, scena iniziata in tg e finita alla Camera; il misterioso video - mai trovato, una probabile truffa- del flirt tra le e Roberto Fiore, boccacesco e anch' esso assai cinematografico; i numerosi scazzi con Scanzi, con Formigoni, con chiunque le stesse minimamente sulle balle (anche a destra); la maglietta Il diavolo veste Prodi fieramente messa in bella mostra nell' emiciclo.

alessandra mussolini a ballando con le stelle 7 alessandra mussolini a ballando con le stelle 7

 

SENSO DELLO SHOW

Tutte trovate - molte geniali, alcune surreali - che di Mussolini hanno scandito i tempi d' una lussureggiante recitazione. E, in effetti, nonostante la laurea in medicina la Ducia s' è formata nello spettacolo. Ha esordito al cinema con Ettore Scola a 14 anni ed è finita con Pozzetto e Montesano; ha lavorato con Wertmuller e Pippo Baudo (a Domenica in); ha doppiato i Simpson e, già deputato, è stata nella giuria de La pupa e il secchione e in decine di trasmissioni Mediaset dove la chiamavano per far casino (e lei non disdegnava). Il suo richiamo, oggi, per quel mondo, in coppia col ballerino Maykel Fonts con cui ha ottenuto il terzo posto dalla Carlucci; be', dopotutto non è un ripiego.

Ma un fiero ritorno a casa

SOPHIA LOREN MICHAEL JACKSON ALESSANDRA MUSSOLINI SOPHIA LOREN MICHAEL JACKSON ALESSANDRA MUSSOLINI ALESSANDRA MUSSOLINI E MAURO FLORIANI ALESSANDRA MUSSOLINI E MAURO FLORIANI MANIFESTAZIONE PDL A VIA DEL PLEBISCITO AGOSTO ALESSANDRA MUSSOLINI MANIFESTAZIONE PDL A VIA DEL PLEBISCITO AGOSTO ALESSANDRA MUSSOLINI ALESSANDRA MUSSOLINI E MAURO FLORIANI ALESSANDRA MUSSOLINI E MAURO FLORIANI ALESSANDRA MUSSOLINI E MAURO FLORIANI ALESSANDRA MUSSOLINI E MAURO FLORIANI ALESSANDRA MUSSOLINI ALESSANDRA MUSSOLINI 185052600 0af78254 137a 4eb9 b480 43b3e9b4823d 185052600 0af78254 137a 4eb9 b480 43b3e9b4823d alessandra mussolini alessandra mussolini alessandra mussolini singoli in giappone alessandra mussolini singoli in giappone noi uomini duri alessandra mussolini noi uomini duri alessandra mussolini siparietto telese mussolini 9 siparietto telese mussolini 9 alessandra mussolini alessandra mussolini alessandra mussolini a ballando con le stelle 1 alessandra mussolini a ballando con le stelle 1

 

Condividi questo articolo



ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…