ER MEJO FICO DEL BIGONCIO – L’EX PRESIDENTE DELLA CAMERA, ROBERTO FICO, LAVORA PER ESSERE IL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLE PROSSIME REGIONALI IN CAMPANIA – PECCATO CHE LO STATUTO DEL M5S GLI IMPEDISCA DI CANDIDARSI, AVENDO GIÀ DUE MANDATI DA PARLAMENTARE ALLE SPALLE. CONTE NON HA ALCUNA INTENZIONE DI CONCEDERGLI UNA DEROGA E PUNTA INVECE SULL’ATTUALE SINDACO DI NAPOLI MANFREDI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Egidio per www.affaritaliani.it

 

gaetano manfredi e roberto fico gaetano manfredi e roberto fico

“Che fine ha fatto Roberto Fico?”. L’ex Presidente della Camera dei Deputati e volto storico del Movimento grillino sembra scomparso, dopo che a settembre è stato giubilato da Giuseppe Conte con l’applicazione ferrea della regola del secondo mandato. A differenza dei ribelli come Di Maio & co., Fico però ha scelto di restare vicino a Conte - nonostante quest’ultimo ad agosto avesse rassicurato sulla possibilità di deroga - e soprattutto continua a coltivare ambizioni politiche.

 

Nell’ufficio a Montecitorio che gli spetta da ex Presidente della Camera non c’è quasi mai. […]  ormai è chiaro a tutti i suoi interlocutori che il 50enne napoletano “da grande” vorrebbe fare il candidato del centrosinistra a Presidente della Regione, in particolare ora che De Luca - non avendo il supporto di Elly Shlein - non potrà modificare lo statuto regionale per ottenere il terzo mandato (il sostegno di De Luca a Bonaccini si basava su questo patto, poi andato in frantumi).

 

gaetano manfredi e roberto fico gaetano manfredi e roberto fico

Le ambizioni di Fico sono apparentemente sostenute da Gaetano Manfredi - attuale Sindaco di Napoli - che si accompagna con Fico ad ogni occasione, dalle inaugurazioni e i tagli di nastri, fino allo stadio a vedere il Napoli. Peccato però che anche Fico per statuto del movimento non possa candidarsi alla Presidenza della Regione Campania. In realtà non potrebbe candidarsi neanche a consigliere comunale di Canicattì. Lo statuto dei grillini parla chiaro: due mandati e poi a casa.

 

Infatti Conte grazie a questa regola ha potuto fare fuori dal gruppo romano tutti coloro che potessero minimamente oscurarlo e ora ha iniziato la pulizia etnica anche sui territori. […]

VINCENZO DE LUCA ROBERTO FICO VINCENZO DE LUCA ROBERTO FICO

 

[…] l’impressione che si ha a Napoli è che Manfredi e Conte gli stiano facendo fare la lepre. Fico si è già esposto, iniziando la campagna più lunga della storia (visto che si vota in Campania tra due anni). L’ex terza carica dello Stato spera che Conte possa chiudere un occhio sulla regola del secondo mandato, ma fonti molto accreditate tra i grillini invece fanno sapere che “Conte non ha nessuna intenzione di derogare alla regola cardine dei pentastellati. Sta solo mandando avanti Fico per poi lanciare il suo vero candidato alla regione: Gaetano Manfredi”.

 

ROBERTO FICO E PASQUALE TRIDICO ASSISTONO ALLO SPETTACOLO DI BEPPE GRILLO A ORVIETO ROBERTO FICO E PASQUALE TRIDICO ASSISTONO ALLO SPETTACOLO DI BEPPE GRILLO A ORVIETO

Non c’è da meravigliarsi quindi, se tra due anni, quando si dovrà prendere la decisione fatidica, Manfredi e Conte giubilino pure Roberto Fico, mandandolo al macero come fatto con Di Maio, Di Battista, Cancelleri, Casaleggio. Dopotutto l’ex premier si è rivelato molto abile nelle battaglie di potere, temporeggiando fino alla all’ultimo minuto per poi accoltellare senza pietà. Fico sarà il prossimo?

 

Una cosa è certa, il caso Fico è lungi da essere risolto. Se oggi Conte concedesse anzitempo la deroga a Fico, dovrebbe concederla a tutti, anche a coloro che si vogliono candidare alle europee. Si aprirebbe un vaso di Pandora. Volti ormai finiti nel dimenticatoio, tornerebbe in auge. E Conte non è assolutamente disponibile a far tornare la vecchia guardia. Ormai il partito è nelle sue mani e ha intenzione di tenerlo ben saldo.

roberto fico roberto fico roberto fico con moglie roberto fico con moglie

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...