ERDOGAN E PUTIN APPARECCHIANO LA PACE – IL “SULTANO” VOLA IN RUSSIA DA “MAD VLAD”, CHE LO RIEMPIE DI ELOGI: “L’EUROPA DOVREBBE ESSERE GRATA ALLA TURCHIA PER ESSERE IN GRADO DI ACQUISTARE GAS”, E L’HA RINGRAZIATO PER GLI ACCORDI SULL’ESPORTAZIONE DI GRANO – AL CENTRO DEI COLLOQUI, UFFICIALMENTE, C’ERA LA SIRIA, MA I DUE HANNO PARLATO ANCHE DI UCRAINA, DOVE LE TRUPPE DI MOSCA SONO IN STALLO (E IL CESSATE IL FUOCO SI AVVICINA…)

-

Condividi questo articolo


 

Da www.ansa.it

 

recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è arrivato a Sochi in Russia dove è stato invitato per un incontro dall'omologo russo Vladimir Putin.

 

Al centro dei colloqui la Siria - dove Ankara sostiene l'opposizione al presidente Bashar al Assad mentre Mosca appoggia il regime di Damasco - in relazione all'annunciata operazione militare turca contro le forze curde ritenute terroriste nel nord del Paese che per ora non ha avuto il via libera da parte di Putin.

 

Oltre alle relazioni bilaterali, Erdogan e Putin discuteranno anche della guerra in Ucraina, dove Ankara è finora riuscita a mediare tra Mosca e Kiev riuscendo recentemente a contribuire per sbloccare l'esportazione di cereali ucraini attraverso corridoi sicuri nel Mar Nero che nei giorni scorsi hanno cominciato ad essere utilizzati.

recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi

 

Putin ha ringraziato personalmente Erdogan per gli accordi sull'esportazione di grano, sottolineando che essi non riguardano solo quello ucraino, ma anche "l'esportazione di cibo e fertilizzanti russi", come riporta la Tass.

 

L'Europa dovrebbe essere grata alla Turchia per essere in grado di acquistare gas dalla Russia attraverso il gasdotto Turkish Stream, ha affermato Putin.

 

Nel corso dell'incontro, Putin ha annunciato che prevede la firma di un memorandum per lo sviluppo dei legami commerciali ed economici tra Mosca e Ankara. Lo riporta l'agenzia di stampa statale russa Tass. "Come concordato, spero che oggi saremo in grado di firmare un memorandum sullo sviluppo dei nostri legami commerciali ed economici, tenendo conto degli accordi raggiunti dalla nostra delegazione mentre lavorava in Turchia", ha affermato Putin secondo la Tass.

 

recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi 3 recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi 3

Dal canto suo, la Turchia ha evidenziato l'importanza di completare in tempo la costruzione della centrale nucleare di Akkuyu, località nel sud della Turchia. la centrale è un progetto realizzato in collaborazione con Mosca ed è in costruzione dalla fine del 2017. Ufficialmente, la prima unità della centrale dovrebbe essere completata entro il 2023.

 

recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi 2 recep tayyip erdogan vladimir putin vertice di sochi 2

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE