FASCINA, LA “EVITA PERON” DI ARCORE – LADY MARTA ORMAI È LA MONARCA (QUASI) ASSOLUTA DI FORZA ITALIA: È LEI A GESTIRE IL CAMBIAMENTO DENTRO IL PARTITO, CON IL TRIUMVIRATO MARINA-LETTA-TAJANI. LA RIORGANIZZAZIONE DEI COORDINATORI, I RAPPORTI CON RENZI, LA RONZULLI SEMPRE PIÙ “APPESA A UN FILO” E IL DETTAGLIO NON SECONDARIO DELL’INTERVISTA DI BERLUSCONI AL “GIORNALE”: L’HA CHIAMATA DI NUOVO “MOGLIE”. E I PARLAMENTARI FORZISTI SI CHIEDONO SE I DUE SIANO DAVVERO CONVOLATI A NOZZE, DOPO IL “FINTO” MATRIMONIO MORGANATICO…

-

Condividi questo articolo


1. MARTA LA “MOGLIE”: IL MISTERO DI SILVIO B.

Estratto dal “Fatto quotidiano”

 

marta fascina silvio marina berlusconi marta fascina silvio marina berlusconi

Come spesso accade, il diavolo si nasconde nei dettagli. Così, della lunga intervista […] che Silvio Berlusconi ha rilasciato al direttore del “Giornale” Augusto Minzolini, colpisce una parola che sta nelle prime venti righe: “Moglie”.

 

La usa, l’ex premier, […] per parlare della dedizione che gli ha mostrato Marta Fascina, che è la sua fidanzata sì, ma sposata non è. […] Ma alla luce del grande potere che Fascina sta acquisendo anche dentro il partito […] l’insistenza sul legame familiare interroga parecchi.

SILVIO BERLUSCONI INTERVISTATO DA AUGUSTO MINZOLINI SUL GIORNALE SILVIO BERLUSCONI INTERVISTATO DA AUGUSTO MINZOLINI SUL GIORNALE

 

Già nei giorni scorsi, un informatissimo lancio dell’AdnKronos raccoglieva le voci di parlamentari forzisti che si chiedevano se, per caso, Silvio fosse davvero convolato a nozze, dopo il “finto matrimonio” di un anno fa. Il mistero resta fitto. E […] avrebbe effetti ben più deflagranti degli annunci […] sull'asse tra conservatori e popolari per le prossime Europee.

 

2. IL RESTYLING DI FORZA ITALIA: IDA A FASCINA E TAJANI IL CAV: NO ATTACCHI A RENZI

silvio berlusconi licia ronzulli marta fascina a napoli silvio berlusconi licia ronzulli marta fascina a napoli

Estratto dell’articolo di Mario Ajello per “il Messaggero”

 

Lo chiamano il Marta Power. O meglio: il Fascina Soft Power. Perché il comando della quasi consorte di Berlusconi (lui la chiama «mia moglie») in Forza Italia, ormai acclarato e quasi condiviso, non è di tipo monocratico. Anzi, l'assetto del partito azzurro dopo la "resurrezione" post-ospedaliera del Cavaliere prevede, oltre al leader principale, un quadrumvirato: Marta, Marina, Tajani e Gianni Letta, tornato in gran splendore come Eminenza Azzurrina e regista.

 

GIANNI LETTA TAJANI GIANNI LETTA TAJANI

A gestire il cambiamento promesso e promosso da Berlusconi è comunque Marta. E a lei potrebbe riuscire quella riorganizzazione del partito per grandi aree e tre macro-regioni - Nord, Centro e Sud - che Silvio sogna da più di dieci anni.

 

Il Soft Fascina Power prevede, oltre a un ricambio dei coordinatori regionali […], la tripartizione del potere interno per cui al Nord gli azzurri saranno guidati da Alessandro Sorte (super tendenza Marta), al Centro da Alessandro Battilocchio (tajaneo doc) e al Sud da Tullio Ferrante, il più caro amico ed ex compagno di scuola di Marta, sottosegretario alle Infrastrutture e ormai di casa ad Arcore.

 

marta fascina e antonio tajani marta fascina e antonio tajani

Se questo tipo di riorganizzazione andrà in porto, Forza Italia avrà un'architettura più piramidale e con un gruppo di vero comando molto ben definito. Nel quale […] rientrano insieme ai nomi di cui sopra anche altri: dal capogruppo dei deputati Barelli, vicinissimo a Tajani, all'eurodeputato Fulvio Martusciello uomo macchina e suggeritore di strategie, da Anna Maria Bernini ministra ma anche vice-coordinatrice nazionale a Gasparri e soprattutto Schifani che è il punto di riferimento dei presidenti regionali azzurri, ma stanno emergendo anche altre figure di peso: come la deputata Cristina Rossello, segretaria cittadina di Milano e avvocata di Marina Berlusconi. Per non dire di Stefano Benigni, altro fedelissimo di Marta, deputato e coordinatore nazionale del movimento giovanile, di cui Silvio non fa che dire un gran bene.

 

ALESSANDRO SORTE STEFANO BENIGNI ALESSANDRO SORTE STEFANO BENIGNI

[…] «Un vero rilancio», lo chiama Berlusconi […]  Il Fascina Soft Power […] si concentra comunque sul partito. E la nuova Forza Italia ha deciso di tornare all'antico, ripristinando le feste azzurre. La Festa Azzurra dei giovani sarà a Gaeta, dall'8 settembre. Alla fine dello stesso mese - a Telese, storica terra mastellata, nel beneventano - si svolgerà la Festa Azzurra nazionale.

 

E lì - medici e famiglia permettendo - Silvio vorrà esserci in presenza. Nel ricambio di tutto, come si sa, c'è anche stato il turn over alla guida delle comunicazione del Cavaliere, e dopo Paolo Emilio Russo, ecco Danila Subranni. C'è poi da sostituire, forse, il capogruppo in Senato. E se non sarà più Licia Ronzulli, toccherà a Mario Occhiuto o, meno probabilmente, a Roberto Rosso.

 

mario occhiuto mario occhiuto

[…] Berlusconi […] Non ha nessuna voglia di insidiare Meloni - anzi i rapporti tra Giorgia e Marta sono più che cordiali - ma il vero autore dell'operazione primo presidente della Commissione Ue targato Ppe più destra vuole essere Silvio.

 

Una raccomandazione va facendo Berlusconi ai suoi: «Non attaccate Matteo Renzi. Se rinsavisce e molla la sinistra, le nostre porte per lui sono sempre aperte». Ma questo è un discorso futuribile. […]

Marta Fascina Marta Fascina CONVENTION DI FORZA ITALIA - STRISCIONE PER MARTA FASCINA CONVENTION DI FORZA ITALIA - STRISCIONE PER MARTA FASCINA marta fascina cover telefono faccia berlusconi 3 marta fascina cover telefono faccia berlusconi 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOFILOSOFIA: ‘’IL PENSIERO DEBOLE” SPIEGATO AL POPOLO - ADDIO SCUDO CROCIATO, IN SOFFITTA FALCE E MARTELLO, BENVENUTI NEGLI ANNI OTTANTA. SI È CHIUSO IL CICLO DELLA POLITICIZZAZIONE. A CHE SERVE, ARMATI DI SACRA IDEOLOGIA, SCAVARE ALLA RICERCA DELLA “VERITÀ” QUANDO POI, UNA VOLTA RISALITI IN SUPERFICIE, QUELLA “VERITÀ” NON CI SERVE A UN CAZZO, VISTO LA VELOCITÀ DEI CAMBIAMENTI NELLA SOCIETÀ? LA REALTÀ VA FRONTEGGIATA CON “DEBOLEZZA”, A MO’ DI UN SURFISTA CHE SA BENE CHE AFFRONTANDO L’ONDA FINIRÀ A GAMBE ALL’ARIA, MEGLIO CAVALCARLA E ARRIVARE ALLA RIVA…

DAGOREPORT! GIORGIA IN AMBASCE: E ADESSO, CHE SI FA CON LA PITONESSA? SCARTATO IL RIMPASTO DI GOVERNO, CON SALVINI E TAJANI CHE NON VEDONO L’ORA DI REGOLARE I CONTI, PER LA DUCETTA LA VIA PIÙ SEMPLICE È SOSTITUIRE L’ESUBERANTE MINISTRA. SE NON RASSEGNA LE DIMISSIONI, GIÀ È PRONTA UNA MOZIONE PARLAMENTARE DI SFIDUCIA DA PARTE DI PD E M5S - CONVINCERE LA “CRUDELIA DE MONA” A FARSI DA PARTE NON SARÀ UN’IMPRESA SEMPLICE: GODE DELLA PROTETTIVA AMICIZIA DELLA SECONDA CARICA DELLO STATO, IGNAZIO LA RUSSA E LEI SA BENISSIMO CHE, IN CASO DI DIMISSIONI, LA SUA VITA POLITICA VERRÀ INGHIOTTITA IN UN CONO D’OMBRA PER SCOMPARIRE TRA GLI OMBRELLONI-CHIC DEL TWIGA A FARE LA BAGNINA - L’IRA DELLA DANIELONA CI STA TUTTA. MA NON È IL CASO DI BUTTARLA SUL COMPLOTTISMO: IN POLITICA L’ARROGANZA NON PAGA MAI, PRIMA O POI LA RUOTA GIRA E QUEL FASCICOLO CHE STAVA ABBANDONATO IN UN CASSETTO DELLA PROCURA, MAGARI PERCHÉ NON SI TROVAVA MAI IL TEMPO DI SEGUIRLO, DI COLPO RICOMPARE BELLO E SPOLVERATO SULLA SCRIVANIA DEI PM… 

L’ENNESIMO SGAMBETTO DELLA LEGA A GIORGIA MELONI: IL PRESIDENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA, MASSIMILIANO FEDRIGA, BOCCIA IL PROGETTO DEL GRUPPO UCRAINO “METINVEST” (GLI STESSI DELL’ACCIAIERIA AZOVSTAL) DI COSTRUIRE NELLA SUA REGIONE UN IMPIANTO UTILE PER LA RICOSTRUZIONE DEL PAESE DISTRUTTO DALLA GUERRA – IL PROBLEMA È CHE SORA GIORGIA HA STRETTO ACCORDI COMMERCIALI CON L’UCRAINA, IMPEGNANDOSI NELLA RICOSTRUZIONE DEL PAESE, E ORA TIRA ARIA DI FIGURACCIA INTERNAZIONALE…