UN FENOMENO, ADOLFO URSO: CON UNA FAVA, IL PRESIDENTE DEL COPASIR HA PRESO DUE CANTONATE. PRIMO: ANNUNCIANDO DI VOLARE “A WASHINGTON PER TRE GIORNI DI INCONTRI IN CUI ILLUSTRERÒ IL PROGRAMMA DI GIORGIA MELONI”. CHE CI AZZECCA IL CONTROLLO DEI SERVIZI E RECARSI IN AMERICA PER DECANTARE IL GOVERNO IN PECTORE DI GIORGIA MELONI? - SECONDO: A DAGOSPIA RISULTA CHE LA "DRAGHETTA" NON ABBIA DATO MANDATO A URSO DI VOLARE IN USA PER ILLUSTRARE GLORIE E SPLENDORI DI FRATELLI D’ITALIA. DEL RESTO, LA STESSA MELONI NON HA UNA GRAN STIMA DELL’EX FINIANO…

-

Condividi questo articolo


DAL PROFILO FACEBOOK DI ADOLFO URSO 

POST DI ADOLFO URSO A WASHINGTON POST DI ADOLFO URSO A WASHINGTON

Da oggi a Washington per tre giorni di incontri in cui illustrerò il programma di Giorgia Meloni in politica estera, difesa e sicurezza e sui temi della cooperazione scientifica, tecnologica, economica e industriale. Previsti oltre venti incontri e una videoconferenza con la comunità italiana negli Usa.

 

Incontrerò i principali think tanks americani, istituti e centro studi geopolitici, i rappresentati delle aziende italiane in Usa e delle aziende Usa in Italia, il direttivo della Niaf (National Italian American Foundation) e altri rappresentati della Comunità italiana, esponenti del Congresso componenti le commissioni intelligence, difesa, esteri e bilancio, politologi, analisti e consiglieri di politica estera e difesa.

 

DAGONOTA

Un fenomeno, Adolfo Urso: con una fava, ha preso due cantonate. Primo: annunciando su Facebook e Linkendin di volare “a Washington per tre giorni di incontri in cui illustrerò il programma di Giorgia Meloni in politica estera, difesa e sicurezza”, viola il suo mandato di presidente del Copasir, che è il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che esercita il controllo sull'operato dei servizi segreti italiani. 

meloni meloni

 

A presiedere tale organismo è un esponente dell’opposizione, appunto Adolfo Urso. Ecco: che ci azzecca il controllo dei servizi e volare a Washington per decantare il governo in pectore di Giorgia Meloni?

 

Secondo: a Dagospia risulta che la Draghetta non abbia dato mandato a Urso di recarsi a Washington per illustrare glorie e splendori di Fratelli d’Italia. Del resto, la stessa Meloni non ha una gran stima dell’ex finiano, legatissimo all’ex ministro di Alleanza Nazionale Altero Mattioli, trasformatosi poi in un imprenditore che, per anni, è stato in affari con l'Iran. Non esattamente un Paese caro agli Stati Uniti. “La storia ruota attorno alla Italy World Service srl, una società di consulenza in cui Urso ha avuto ruoli operativi e la rappresentanza legale, prima di cedere le quote al figlio nel luglio 2017”, scrive La Repubblica. 

 

GUIDO CROSETTO GIORGIA MELONI GUIDO CROSETTO GIORGIA MELONI

A Washington sono infatti perplessi (eufemismo) sulla visita di Urso, presidente di un organismo di un governo dimissionario. Quindi i suoi decantati incontri americani saranno con esponenti a livello istituzionale del Copasir. Niente di più. Su politica industriale, difesa e Deep State, si sa, che Donna Giorgia si è sempre affidata al suo consigliori Guidone Crosetto – e i due infatti non si parlano granché. Fa eccezione la volta che, come presidente del Copasir, Urso portò Elisabetta Belloni, capo del Dis, in crisi con Franco Gabrielli, alla presenza della Meloni.

adolfo urso verso kiev adolfo urso verso kiev TWEET DI ADOLFO URSO A WASHINGTON TWEET DI ADOLFO URSO A WASHINGTON MELONI 4 MELONI 4 CROSETTO MELONI CROSETTO MELONI GUIDO CROSETTO GUIDO CROSETTO adolfo urso in aereo adolfo urso in aereo adolfo urso e dmytro kuleba adolfo urso e dmytro kuleba adolfo urso a kiev adolfo urso a kiev

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)