UN FENOMENO, ADOLFO URSO: CON UNA FAVA, IL PRESIDENTE DEL COPASIR HA PRESO DUE CANTONATE. PRIMO: ANNUNCIANDO DI VOLARE “A WASHINGTON PER TRE GIORNI DI INCONTRI IN CUI ILLUSTRERÒ IL PROGRAMMA DI GIORGIA MELONI”. CHE CI AZZECCA IL CONTROLLO DEI SERVIZI E RECARSI IN AMERICA PER DECANTARE IL GOVERNO IN PECTORE DI GIORGIA MELONI? - SECONDO: A DAGOSPIA RISULTA CHE LA "DRAGHETTA" NON ABBIA DATO MANDATO A URSO DI VOLARE IN USA PER ILLUSTRARE GLORIE E SPLENDORI DI FRATELLI D’ITALIA. DEL RESTO, LA STESSA MELONI NON HA UNA GRAN STIMA DELL’EX FINIANO…

-

Condividi questo articolo


DAL PROFILO FACEBOOK DI ADOLFO URSO 

POST DI ADOLFO URSO A WASHINGTON POST DI ADOLFO URSO A WASHINGTON

Da oggi a Washington per tre giorni di incontri in cui illustrerò il programma di Giorgia Meloni in politica estera, difesa e sicurezza e sui temi della cooperazione scientifica, tecnologica, economica e industriale. Previsti oltre venti incontri e una videoconferenza con la comunità italiana negli Usa.

 

Incontrerò i principali think tanks americani, istituti e centro studi geopolitici, i rappresentati delle aziende italiane in Usa e delle aziende Usa in Italia, il direttivo della Niaf (National Italian American Foundation) e altri rappresentati della Comunità italiana, esponenti del Congresso componenti le commissioni intelligence, difesa, esteri e bilancio, politologi, analisti e consiglieri di politica estera e difesa.

 

DAGONOTA

Un fenomeno, Adolfo Urso: con una fava, ha preso due cantonate. Primo: annunciando su Facebook e Linkendin di volare “a Washington per tre giorni di incontri in cui illustrerò il programma di Giorgia Meloni in politica estera, difesa e sicurezza”, viola il suo mandato di presidente del Copasir, che è il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che esercita il controllo sull'operato dei servizi segreti italiani. 

meloni meloni

 

A presiedere tale organismo è un esponente dell’opposizione, appunto Adolfo Urso. Ecco: che ci azzecca il controllo dei servizi e volare a Washington per decantare il governo in pectore di Giorgia Meloni?

 

Secondo: a Dagospia risulta che la Draghetta non abbia dato mandato a Urso di recarsi a Washington per illustrare glorie e splendori di Fratelli d’Italia. Del resto, la stessa Meloni non ha una gran stima dell’ex finiano, legatissimo all’ex ministro di Alleanza Nazionale Altero Mattioli, trasformatosi poi in un imprenditore che, per anni, è stato in affari con l'Iran. Non esattamente un Paese caro agli Stati Uniti. “La storia ruota attorno alla Italy World Service srl, una società di consulenza in cui Urso ha avuto ruoli operativi e la rappresentanza legale, prima di cedere le quote al figlio nel luglio 2017”, scrive La Repubblica. 

 

GUIDO CROSETTO GIORGIA MELONI GUIDO CROSETTO GIORGIA MELONI

A Washington sono infatti perplessi (eufemismo) sulla visita di Urso, presidente di un organismo di un governo dimissionario. Quindi i suoi decantati incontri americani saranno con esponenti a livello istituzionale del Copasir. Niente di più. Su politica industriale, difesa e Deep State, si sa, che Donna Giorgia si è sempre affidata al suo consigliori Guidone Crosetto – e i due infatti non si parlano granché. Fa eccezione la volta che, come presidente del Copasir, Urso portò Elisabetta Belloni, capo del Dis, in crisi con Franco Gabrielli, alla presenza della Meloni.

adolfo urso verso kiev adolfo urso verso kiev TWEET DI ADOLFO URSO A WASHINGTON TWEET DI ADOLFO URSO A WASHINGTON MELONI 4 MELONI 4 CROSETTO MELONI CROSETTO MELONI GUIDO CROSETTO GUIDO CROSETTO adolfo urso in aereo adolfo urso in aereo adolfo urso e dmytro kuleba adolfo urso e dmytro kuleba adolfo urso a kiev adolfo urso a kiev

 

Condividi questo articolo

politica

L’ARMAGEDDON NELLA LEGA È VICINO: LE REGIONALI IN LOMBARDIA RISCHIANO DI TUMULARE IL CARROCCIO – I BOSSIANI STAREBBERO PER CREARE UN NUOVO GRUPPO AL CONSIGLIO REGIONALE, CHE POTREBBE DIVENTARE UNA LISTA ELETTORALE. PER SOSTENERE FONTANA O LA MORATTI? I RIBELLI ORMAI IN ROTTA CON SALVINI ANDREBBERO SUBITO CON “MESTIZIA”. GLI ALTRI, ANCHE IN CASO DI APPOGGIO A FONTANA, SI CONTERANNO PER IMPANARE E FRIGGERE IL “CAPITONE”. MORALE DELLA FAVA: LA SCISSIONE, O PRIMA O DOPO IL VOTO, È CERTA…

I RILIEVI DI BANKITALIA ALLA MANOVRA SONO SOLO UN ANTIPASTO DI QUELLO CHE ARRIVERÀ DA BRUXELLES – A PALAZZO KOCH HANNO STRONCATO I PROVVEDIMENTI SU POS E CONTANTE, CHE PER L’UNIONE EUROPEA SONO COME KRYPTONITE – SARÀ SOLO IL PRIMO DI UNA LUNGA SERIE DI TIRA E MOLLA TRA I TECNICI E IL GOVERNO “POLITICO” DI “IO SO’ GIORGIA”: LA DUCETTA NON HA LA CONSUETUDINE DEI SUOI PREDECESSORI CON LA BANCA D’ITALIA (E SI VEDE): IL TUTTO MENTRE IGNAZIO VISCO SI AVVICINA ALLA SCADENZA. E IN PANCHINA SI SCALDA FABIO PANETTA…