FERMI TUTTI: MATTEO SALVINI DICE NO ALLA LEGGE PROPORZIONALE: “GARANTISCE MENO DEL MAGGIORITARIO” (CERTO, GARANTISCE LUI, CHE CON L’EVENTUALE FEDERAZIONE LEGA-FORZA ITALIA DIVENTEREBBE PRIMO AZIONISTA DEL CENTRODESTRA E QUINDI DARA’ LE CARTE) - E INFATTI PRECISA: “IN DEMOCRAZIA CONTANO I NUMERI, IL PARTITO CHE RISULTA VINCITORE INDICA IL CANDIDATO PREMIER…” (TANTI SALUTI ALLE AMBIZIONI DI GIORGIA MELONI)

-

Condividi questo articolo


SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI

SALVINI, PROPORZIONALE GARANTISCE MENO DEL MAGGIORITARIO

(ANSA) - "Cambiare la legge elettorale a pochi mesi dal voto è poco rispettoso verso i cittadini italiani". Lo afferma Matteo Salvini parlando al Forum Ansa. "Il proporzionale - dice Salvini - garantisce ancora meno del maggioritario, quindi evitiamo di farci del male e di perdere tempo. Teniamoci l'attuale legge e poi ci saranno maggioranze che si metteranno d'accordo su un programma.

 

SALVINI, GOVERNO CON LA SINISTRA IRRIPETIBILE

(ANSA) - "E' irripetibile un governo con la sinistra. Letta e il Pd insistono sul ddl Zan e sullo ius soli ed i Cinque Stelle dicono no al termovalorizzatore... sono piani diversi. Per noi il tema è quello del lavoro e da qui a dicembre ci sono pensioni e pace fiscale". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini al forum ANSA.

GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI

 

C.DESTRA:SALVINI, PARTITO VINCITORE INDICA PREMIER

(ANSA) - "In democrazia contano i numeri, il partito che risulta vincitore indica il candidato premier". Lo afferma Matteo Salvini parlando dei rapporti nel centrodestra al forum ANSA. Circa i rapporti con Giorgia meloni in particolare, Salvini ammette che ci sono tensioni a livello territoriale. Ad esempio, ha ricordato a Palermo e in altre città ha fatto un passo indietro per evitare queste tensioni. "Io sto lavorando per incontrare ed unire", aggiunge.

salvini meloni salvini meloni

 

Condividi questo articolo

politica

“DI MAIO È FURBO, CONTE È UN PIRLA” – LA PODEROSA SINTESI DELL’EX GRILLINO GIANLUIGI PARAGONE: “LA SCISSIONE È UNO SQUALLIDO GIOCO DI POTERE. DI MAIO SI STA MUOVENDO PERCHÉ DETERMINATI AMBIENTI STANNO LAVORANDO DA UN PO' PER CREARE UN CONTENITORE CENTRISTA CHE SERVIRÀ PER LA PROSSIMA LEGISLATURA PER RINNOVARE L'INCARICO A DRAGHI O A UN ALTRO SALVATORE DELLA PATRIA. LA GENTE DEL M5S NON C'È PIÙ. CI SONO ALCUNI DISPERATI CHE RESTANO ATTACCATI AL REDDITO DI CITTADINANZA MA IL SOGNO È FINITO…”

"CI ASPETTA UN AUTUNNO CALDO LA CHIESA E DRAGHI DEVONO COLLABORARE" – IL NUOVO CAPO DELLA CEI, MONSIGNOR ZUPPI: “PANDEMIA A GUERRA RILEVANO LE FRAGILITÀ DI TANTI EQUILIBRI CHE DAVAMO PER ASSODATI. IN ITALIA CI SONO SEI MILIONI DI PERSONE IN POVERTÀ, UNA SU DIECI, ANCHE A CAUSA DELLA SOLITUDINE - DESTRA E SINISTRA, CONSERVATORI E PROGRESSISTI? MI SEMBRANO CATEGORIE SUPERATE SENZA PIÙ RIFERIMENTI IDEOLOGICI – LA GUERRA IN UCRAINA? INVECE DELLA ARMI DOBBIAMO PENSARE COSA PUÒ SIGNIFICARE UN IMPEGNO VERO PER IL NEGOZIATO E IL DISARMO…”