FINALMENTE UN CERVELLO TRA I GRILLINI - NELLA CHAT DEGLI ELETTI M5S DEL LAZIO, ROBERTA LOMBARDI METTE ALL'INDICE LA "NEMICA" VIRGINIA RAGGI PER LA DISASTROSA SITUAZIONE DEI RIFIUTI A ROMA E NESSUNO TRA I CINQUESTELLE HA IL CORAGGIO DI DARLE TORTO - HA POSTATO UNA FOTO DI RIFIUTI INGOMBRANTI ABBANDONATI IN STRADA SCRIVENDO: "ASPETTO IL SOLITO TWEET QUOTIDIANO DELLA SINDACA CHE CHIEDE A GUALTIERI DOVE METTERÀ LA DISCARICA. MA A VOLTE UN BEL TACERE È MOLTO PIÙ DIGNITOSO" - "CHE FACCIATE LE DOMANDE SU CIO' CHE NON AVETE FATTO È GROTTESCO. DITELO ALLA SINDACA. SMETTETELA DI RENDERCI TUTTI RIDICOLI"

-

Condividi questo articolo


RAGGI LOMBARDI RAGGI LOMBARDI

Annalisa Cuzzocrea per "la Repubblica"

 

«E però Roberta ha ragione». Il deputato del Movimento 5 stelle scruta preoccupato il suo telefonino, mentre scorre una chat aperta solo agli eletti grillini della Regione Lazio. "Portavoce Lazio all level", si legge nell'intestazione. A campeggiare sullo schermo, è la foto di un ammasso di rifiuti ingombranti abbandonati in mezzo a uno spiazzo. Un'immagine consueta, per chi vive a Roma. Meno consuete sono però le parole che la accompagnano.

 

raggi lombardi raggi lombardi

Che somigliano, piuttosto, a quelle del bambino nella favola dell'imperatore. Da settimane formalmente i 5 Stelle difendono l'operato di Virginia Raggi e la sua ricandidatura a sindaca. Negando i problemi della città o attribuendoli - vecchio adagio - a colpe altrui. In questo caso, della Regione guidata da Nicola Zingaretti. A scrivere in chat è però Roberta Lombardi: assessora M5S alla Transizione ecologica e alla Trasformazione digitale del Lazio, da sempre avversaria interna della sindaca di Roma. Furibonda, per la gestione della città e della campagna elettorale.

immondizia a roma 9 immondizia a roma 9

 

«Questa piccola discarica a cielo aperto è nel terzo municipio di fronte a un giardino dei cani. Il cancello aperto dietro la piccola discarica è la sede Ama municipale. La stradina che si intravede sulla destra porta all'isola ecologica». Fin qui, la descrizione di uno dei tanti disagi che i romani conoscono. Ma Lombardi non si ferma.

 

«Nessuno di Ama, nessuno, che passa lì tutti i giorni, pensa di organizzare la raccolta. E la discarica si è formata quando a luglio e agosto l'isola ecologica aveva un orario ridotto quindi le persone arrivavano, trovavano chiuso e anziché riportare i rifiuti a casa li lasciavano lì. Costume esecrabile, per carità, ma i nostri concittadini il piccolo sforzo di conferire correttamente l'avevano fatto, noi non abbiamo garantito un servizio». »Ora - continua - aspetto il solito tweet quotidiano della sindaca che chiede a Gualtieri dove metterà la discarica. Ma a volte un bel tacere è molto più dignitoso».

 

virginia raggi roberta lombardi beppe grillo virginia raggi roberta lombardi beppe grillo

I partecipanti alla chat sono 142. Nessuno osa ribattere per difendere la sindaca, a parte uno sconosciuto consigliere municipale. La questione rifiuti è quella che in queste settimane divide Regione e Campidoglio, nell'imbarazzante situazione di essere stati l'una contro l'altro davanti a un giudice, ma di dover siglare una sorta di alleanza se al ballottaggio per le amministrative andrà Roberto Gualtieri (visto che Giuseppe Conte ha promesso, in tal caso, che i 5 Stelle sosterranno il candidato pd al secondo turno. E non solo perché è stato il suo ministro dell'Economia nel passato governo).

 

immondizia a roma 8 immondizia a roma 8

Il Tar ha dato ragione alla giunta di Nicola Zingaretti consentendogli di nominare un commissario straordinario per i rifiuti di Roma. La giunta Raggi, che minaccia di impugnare una qualsiasi delibera di questo tipo, è considerata inadempiente. Ma i tempi si stanno allungando proprio per aspettare il 4 ottobre. La nomina, attesa da giorni, non arriva, perché in casa Pd si tenta di non avvelenare un clima già teso.

 

immondizia a roma 7 immondizia a roma 7

Solo che gli attacchi della sindaca si sono fatti continui. Ultima, in un'intervista al Fatto , la surreale risposta sui cinghiali che scorrazzano nella capitale in cerca di rifiuti dentro ai cassonetti: «Sono un problema di competenza regionale». Così, in chat, Lombardi esplode: «E comunque, tanto per rimettere la chiesa al centro del villaggio, siete voi che avete governato per 5 anni. E siete sempre voi che vi siete candidati per i prossimi 5. Quindi che voi facciate le domande sulle cose che uno farebbe perché voi non le avete fatte è grottesco. Ditelo alla sindaca. Basta leggere i commenti sotto il tweet sulla discarica. Smettetela di renderci tutti ridicoli».

roberta lombardi virginia raggi roberta lombardi virginia raggi

 

Segue, sullo schermo, un silenzio di tomba. Ma gli screenshot rimbalzano di parlamentare in parlamentare. Arrivano agli esponenti del governo fin su ai nuovi vertici. Per i quali Roma - dove Conte sarà in tour proprio oggi - è da tempo la prima delle preoccupazioni.

immondizia a roma 5 immondizia a roma 5 immondizia a roma 4 immondizia a roma 4 raggi lombardi raggi lombardi

 

Condividi questo articolo

politica

AL “CAPITONE” STA MANCANDO LA TERRA SOTTO I PIEDI - L’INCAZZATURA ANTI-SALVINISTA CHE SERPEGGIA DENTRO FORZA ITALIA PREOCCUPA IL LEADER DELLA LEGA: SE IL CENTRODESTRA SI DISUNISCE RISCHIA DI NON ESSERE DETERMINATE NELLA PARTITA DEL COLLE E PURE DI PERDERE LE ELEZIONI DEL 2023 - MATTEO HA CHIAMATO BERLUSCONI PROGRAMMANDO UN INCONTRO PER FERMARE LA RIVOLTA, MA I GOVERNISTI DI FORZA ITALIA LO HANNO GIÀ SFANCULATO: “LE RIUNIONI SETTIMANALI? SEDUTE DI PSICOTERAPIA PER LUI E PER LA SUA AUTOCRITICA”

BANANA FOREVER - BERLUSCONI TORNA IN CAMPO, DI NUOVO, E SFERRA QUALCHE MAZZATA ANCHE A SALVINI E MELONI: “LORO COME FEDERATORI DEL CENTRODESTRA? HANNO ENTRAMBI PROFILI FORTEMENTE CARATTERIZZATI. TROVEREMO LA SOLUZIONE MIGLIORE. MA LA NOSTRA PARTE POLITICA DOVRÀ DISTINGUERSI PER EQUILIBRIO E PROPOSTE, NON PER QUESTIONI INTERNE. SAREBBE IRRESPONSABILE INTERROMPERE IL GOVERNO DRAGHI. LA LINEA IN FORZA ITALIA LA DO IO, NON HO SENTITO NESSUNO CONTESTARLA” - E SULL’IPOTESI QUIRINALE…

MAMMA LI TURCHI - ERDOGAN CACCIA DIECI AMBASCIATORI OCCIDENTALI CHE AVEVANO CHIESTO IL RILASCIO DI OSMAN KAVALA, IN CARCERE DA OLTRE QUATTRO ANNI E ACCUSATO DI AVERE AVUTO UN RUOLO DI PRIMO PIANO NEL FALLITO GOLPE DEL 2016: NEL MIRINO DI ANKARA SONO FINITI I DIPLOMATICI DI CANADA, FRANCIA, FINLANDIA, DANIMARCA, GERMANIA, OLANDA, NUOVA ZELANDA, NORVEGIA, SVEZIA E USA. E L’ITALIA? SUL CASO CI PERDE LA FACCIA E NON HA MAI PRESO UNA POSIZIONE. UNA “DISTRAZIONE” DELLA NOSTRA AMBASCIATA CHE…