ALLA FINE LA SCHLEIN SI CANDIDA O NO? IL NODO SARÀ SCIOLTO NELLA DIREZIONE DEL PD DEL 15 APRILE CHE SI ANNUNCIA DI FUOCO – IL PD E’ IN EBOLLIZIONE, PINA PICIERNO È LA PORTAVOCE DELL’INCAZZATURA DEL CORPACCIONE DEL PARTITO SULLE CANDIDATURE CHE ARRIVANO DALL’ESTERNO: “IL PD NON È L’ISOLA DEI FAMOSI” – L’AREA RIFORMISTA DELL’ATLANTISTA GUERINI VS LA CANDIDATURA “PACIFISTA” DELL’EX DIRETTORE DI AVVENIRE MARCO TARQUINIO – I MAL DI PANCIA DI ORLANDO

-

Condividi questo articolo


Tommaso Labate per il Corriere della Sera - Estratti

 

schlein taruffi schlein taruffi

 

E poi, nascoste sotto il tappeto, rimangono le ambizioni di chi a Elly Schlein è vicinissimo e magari pensava di poter usare la finestra delle Europee per poter dare una mano alla «ditta». Come Loredana Capone in Puglia e Chiara Gribaudo in Piemonte, vicepresidenti del Pd e legate a doppio filo alla segretaria, che avrebbero accarezzato l’idea di candidarsi la prima nella circoscrizione dell’Italia meridionale e la seconda in quella Nord-Ovest.

 

 Ambizioni frenate, anche queste, dal legittimo impedimento che la candidatura della leader — tema molto dibattuto vista l’alternanza di genere e il fatto che l’espressione della tripla preferenza al Sud non è stata mai opzionata oltre un misero 5% dei votanti — fa ricadere sulle altre candidature rosa. Motivo per cui, se la situazione non cambia, entrambe faranno un passo indietro; anzi, meglio, eviteranno di farne uno avanti, senza protestare.

pina picierno pina picierno

 

Perché il primo, vero, nodo che sarà sciolto nella direzione del Pd del 15 aprile — col cielo del Nazareno gravido di nubi come piena è la scrivania della segretaria di lamentele, istanze e consigli non richiesti — sarà proprio questo: la candidatura di Schlein. Non tanto i tempi (li deciderà la leader) quanto le modalità, i luoghi, il posto in lista. Nessuno esclude colpi di scena anche se nessuno li conferma. Il rumore di fondo che si avverte anche all’interno della maggioranza del partito tiene conto di tutti gli scenari: compreso quello secondo cui la leader, alla fine, possa decidere di rinunciare a correre in tutte le circoscrizioni, «liberando» spazi per altre candidature rosa, concentrandosi magari su un posto da capolista, uno soltanto.

Pina Picierno alessandra moretti Pina Picierno alessandra moretti

 

La marcia di avvicinamento all’appuntamento di metà aprile è scandita da un coro fuori sincrono con voci che si levano da tutte le parti e sugli aspetti più disparati. Il premio della sintesi più efficace, riconosciutole anche da molti avversari interni, se l’è guadagnato sul campo l’uscente Pina Picierno, che con il suo «il Pd non è l’Isola dei famosi» ha interpretato il disagio diffuso che si respira nel partito a proposito delle candidature che arrivano dall’esterno.

 

Sia chiaro, la ferma opposizione alla candidatura pacifista dell’ex direttore di Avvenire Marco Tarquinio — osteggiata dall’area che fa riferimento a Lorenzo Guerini, la più sensibile alle sirene di Kiev — non si registra su altri esterni di lusso, da Cecilia Strada a Lucia Annunziata. Ma è un fatto da non trascurare se persino Andrea Orlando, che al congresso è stato uno degli sponsor della candidatura di Schlein, ha messo a verbale la sua speranza «che nelle liste ci sia spazio per qualche rappresentante dei ceti meno abbienti, dei precari, del mondo del lavoro».

 

PINA PICIERNO - STEFANO BONACCINI PINA PICIERNO - STEFANO BONACCINI

Dovunque ci si giri, nel Pd, c’è un dossier aperto, istruito ma lontano dal diventare una pratica risolta. Lo è anche per l’ipotesi che venga candidata per un seggio a Bruxelles Ilaria Salis, la cittadina italiana detenuta a Budapest. Schlein sta valutando l’opzione con grande serietà, supportata da una porzione significativa dei big che la sostengono, tra cui Nicola Zingaretti. L’ex governatore del Lazio, intervistato dalla Stampa, ha spiegato: «Non so che cosa possa comportare la candidatura per la sua situazione, ma se può esserle utile mi chiedo: perché no?». Non tutta la maggioranza che sostiene la segretaria è favorevole all’operazione, che anche nella sinistra del partito più d’uno considera un boomerang.

 

schlein osho schlein osho

Strano ma vero, l’operazione Salis piace di più fuori dai confini della maggioranza del partito, come testimonia l’apertura di Lia Quartapelle, che però è perplessa sull’operazione Tarquinio e comunque si augura che «i civici non oscurino le uscenti». A proposito di uscenti e civici, «ho scoperto della candidatura di Annunziata da una trasmissione tv», ha spiegato Picierno

Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi Marco Tarquinio in abito medievale ad assisi SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI SCHLEINING - MEME BY SHILIPOTI conte schlein speranza conte schlein speranza pina picierno 2 pina picierno 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)